Rimozione della cistifellea

Un processo di digestione a pieno titolo nel tratto gastrointestinale fornisce una cistifellea, accumulando la bile nelle quantità richieste. L'eccesso forma una pietra e intasa i dotti biliari. L'aspetto dei sintomi della pancreatite, la colecistite può causare complicazioni, richiedono l'implementazione della colecistectomia (la cosiddetta rimozione della cistifellea). Scopri l'operazione.

Qual è la rimozione della cistifellea

Colecistectomia viene eseguita con colecistite (purulenta), tumori della cistifellea. Può succedere in due tipi: attraverso l'incisione del peritoneo (laparotomia) o senza incisioni con l'aiuto della laparoscopia (ci saranno solo tre fori nella parete dell'addome). La laparoscopia è soddisfatta dei benefici: è molto più facile da trasferire, il periodo postoperatorio è più breve, non ci sono praticamente difetti estetici.

Indicazioni per la rimozione

Ce ne sono diversi prova alla rimozione della cistifellea:

  1. dolore permanente nell'ipocondrio destro, frequente infezione dell'organo, che non si presta a metodi conservativi di trattamento;
  2. patologia d'organo;
  3. colecistite cronica;
  4. ittero persistente;
  5. blocco delle vie biliari;
  6. Colangite (causa - trattamento conservativo non aiuta);
  7. presenza di malattie croniche nel fegato;
  8. pancreatite secondaria.

Questi sintomi si riferiscono alle indicazioni generali per la colecistectomia. Ogni singolo paziente è individuale, alcuni casi richiedono un intervento chirurgico urgente e alcuni possono attendere un paio di giorni o settimane. Per determinare il grado di urgenza e le condizioni del paziente, i medici conducono un elenco completo degli studi diagnostici.

Preparazione di

La preparazione completa per qualsiasi tipo di operazione sulla cistifellea comprende:

  • esame ecografico (ultrasuono) della cistifellea e degli organi della cavità addominale (fegato, pancreas, intestino, ecc.);
  • tomografia computerizzata - aiuta a valutare i tessuti periapuzyrnye, i muri, i contorni della vescica, la presenza di nodi o aderenze;
  • fistulografia;
  • MRI - un metodo affidabile di ricerca, che determina le pietre, l'infiammazione, il restringimento delle cicatrici, la patologia dei dotti.

I metodi di laboratorio di esame del paziente consentono di rilevare anomalie. Assegnare il contenuto di transaminasi, bilirubina, fosfatasi alcalina, campione di timolo, la quantità di bile e altri. Spesso richiede un esame completo del cuore e dei polmoni. L'operazione non viene eseguita se il paziente soffre di colecistite acuta, in presenza di processi infiammatori acuti, pancreatite acuta.

Il paziente prima della completa rimozione dovrebbe:

  • smettere di prendere farmaci che sono sangue diluito (influire sulla coagulabilità) per evitare gravi emorragie durante l'intervento chirurgico;
  • la sera prima dell'operazione su consiglio di un medico di smettere di mangiare;
  • al mattino per passare un clistere purificante o la sera per bere lassativi;
  • prima dell'operazione fare una doccia con agenti antibatterici.

Dieta prima dell'intervento

Prima di tagliare l'organo, 3-4 giorni prima dell'operazione prevista, viene prescritta una dieta:

  1. senza prodotti che causano gonfiore (flatulenza);
  2. senza cibo troppo fritto e piccante;
  3. raccomandare l'uso di prodotti a base di latte acido, carne magra e pesce;
  4. escludere completamente i prodotti che portano alla fermentazione - frutta, verdura, fagioli, pane (soprattutto segale).

Metodi di rimozione

Per rimuovere l'organo, viene effettuata una laparotomia o laparoscopia. Laparotomia è la rimozione di una pietra attraverso un'incisione pareti del corpo. Conducilo dal processo xifoideo lungo la linea mediana dell'addome fino all'ombelico. Un'altra opzione per l'eliminazione è tramite mini-accesso. L'incisione è fatta nella posizione delle pareti della bile, il diametro è di 3-5 cm La laparotomia presenta tali vantaggi:

  • una grande incisione consente al medico di valutare facilmente le condizioni dell'organo, per sondarlo da tutti i lati, la durata dell'operazione è di 1-2 ore;
  • Tagliare più velocemente rispetto alla laparoscopia, necessaria in situazioni di emergenza;
  • Durante il funzionamento, non c'è alta pressione del gas.
  1. i tessuti sono gravemente feriti, ci sarà una cicatrice visibile, grossolana;
  2. L'operazione è condotta aperto, gli organi sono in contatto con il mezzo, la strumentazione, il campo operatorio è più contaminato da microrganismi;
  3. soggiorno del paziente in ospedale - almeno due settimane;
  4. forte dolore dopo l'intervento chirurgico.

La laparoscopia è un'operazione per rimuovere la cistifellea, che viene trasportata attraverso piccoli fori (0,5-1,5 cm) sulla parete addominale. Tali buchi possono essere solo due o quattro. Un tubo telescopico viene introdotto in un foro, chiamato laparoscopio, che è collegato alla telecamera, e l'intero corso dell'operazione viene visualizzato sul monitor. Lo stesso metodo è facile da rimuovere pietre.

  • il trauma è molto piccolo;
  • Dopo 3 giorni il paziente può già andare a casa;
  • assenza di dolore, rapido recupero;
  • recensioni - positive;
  • l'operazione con il metodo della laparoscopia non lascia cicatrici di grandi dimensioni;
  • il monitor consente al chirurgo di vedere meglio il campo operatorio, aumentandolo fino a 40 volte.
  • i movimenti del chirurgo sono limitati;
  • la profondità della ferita è distorta;
  • è difficile determinare la forza dell'effetto sull'organo;
  • Il chirurgo si abitua al movimento opposto (le sue braccia) dello strumento;
  • aumento della pressione intra-addominale.

Come rimuovere

Rimuovere la cistifellea di una delle operazioni selezionate dal paziente (la persona sceglie il metodo di rimozione) - laparoscopia o laparotomia. Prima di questo, le persone vengono introdotte nel corso dell'operazione e le sue conseguenze sono firmate accordo e iniziare l'allenamento preoperatorio. Se non ci sono indicazioni di emergenza, il paziente inizia la preparazione con una dieta a casa.

Operazione di cavità

La procedura per la chirurgia addominale è la seguente:

  1. Sezionare la pelle e la cellulosa. Dopo il taglio, la ferita viene asciugata. Sui prestiti vengono posizionati i fermagli per il sangue.
  2. Sezionare l'aponeurosi (legamento). Esse espongono il peritoneo, diluiscono i muscoli retti dell'addome ai lati.
  3. Taglia la parete addominale. Aspirare il sangue, aspirare il liquido e asciugarlo con i tamponi.
  4. Viene eseguita una revisione degli organi addominali e l'organo viene tagliato.
  5. Installare gli scarichi per il deflusso dell'essudato.
  6. Cucire la parete addominale anteriore.

Colecistectomia laparoscopica

Se durante l'operazione rilevano adesioni, infiammazioni, possono iniziare un'operazione cava. La laparoscopia della cistifellea viene eseguita sotto comune l'anestesia, la respirazione artificiale è usata:

  1. Un ago speciale introduce la sostanza preparata nella cavità addominale.
  2. Successivamente, vengono eseguite le forature, in cui vengono avviati la strumentazione e la videocamera.
  3. Durante la rimozione, le arterie e il condotto sono tagliati, sigillati con fermagli metallici, il pancreas non ne risente.
  4. L'organo è estratto dalla più grande apertura.
  5. Il sottile drenaggio viene deposto, la ferita viene cucita, il buco viene lavorato.

Trattamento dopo la rimozione della cistifellea

Dopo l'intervento chirurgico, vengono prescritti antibiotici per prevenire complicanze. Prendono i loro primi tre giorni mentre sono in ospedale. Quindi nomina antispastici: Drotaverine, No-shpa, Buskopan. Successivamente, i farmaci che contengono acido ursodesossicolico vengono utilizzati per ridurre il rischio di calcoli. Per evitare problemi di digestione, il corpo viene aiutato con la droga.

preparativi

I metodi di trattamento conservativi includono la prescrizione di antibiotici ad ampio spettro come:

Preparativi che contengono ursodesossicolico acido - epatoprotettore e coleretico;

Prescrivere l'uso di analgesici per alleviare il dolore:

Ursosan è un farmaco che contiene acido ursodesossicolico. Riduce la sintesi del colesterolo nel fegato, lo assorbe nell'intestino, scioglie i livelli di colesterolo, riduce il ristagno della bile e riduce l'indice di colaticolo. Ursosan è mostrato:

  • dopo l'operazione di rimozione;
  • in presenza di pietre con una funzione preservata della vescica;
  • possibile appuntamento con la malattia dello stomaco;
  • per la terapia sintomatica nella cirrosi biliare primitiva e in altre malattie del fegato.

Il vantaggio del farmaco è la sua capacità di sostituire gli acidi biliari tossici con acido ursodesossicolico non tossico, migliora la capacità secretoria degli epatociti, stimola l'immunoregolazione. Svantaggi del farmaco:

  • può vomitare;
  • causare attacchi di dolore al fegato;
  • causare tosse;
  • aumentare l'attività degli enzimi epatici;
  • le pietre sono spesso formate.

Ursodex è uno dei tipi di epatoprotettori. Buone possibilità, ha azione immunomodulante e colelitolitico. Normalizza le membrane di epatociti e colangiociti. È indicato per la terapia sintomatica:

  • con cirrosi biliare primitiva;
  • la presenza di pietre o la prevenzione della loro formazione;
  • con gastrite da reflusso biliare.

Il grande vantaggio di Ursodex è la sua capacità di ridurre significativamente le dimensioni delle pietre. Dagli aspetti negativi:

  • può causare processi infiammatori acuti nella cistifellea o nei dotti;
  • intasare i dotti biliari (compresi quelli comuni);
  • non di rado provoca indigestione;
  • prurito della pelle;
  • vomito come effetto collaterale;
  • può aumentare l'attività delle normali transaminasi epatiche.

Raccomandazioni dopo la rimozione

Per evitare complicazioni postoperatorie, osservare raccomandazioni per la riabilitazione entro 4-8 settimane (regolarmente):

  • Limitare l'esercizio e l'aumento di peso di oltre quattro chilogrammi. Ciò favorisce la frequente respirazione e tensione dei muscoli addominali interni.
  • Non andare da nessuna parte seguendo una dieta rigida: mangiare una frazione, ma spesso sono ammessi brodo di pollo, carne e pesce magri, polenta, ecc.
  • È necessario bere 1,5 litri di acqua pulita al giorno.

Vita dopo la rimozione della cistifellea

La maggior parte delle persone crede, con l'intervento chirurgico e quando non c'è la cistifellea - la vita normale si ferma e una persona è incatenata per sempre a compresse, uno stile di vita sano, mangiando solo cibo utile. Questo è lontano dal caso. Una dieta rigorosa è solo osservata prima volta, e un gran numero di farmaci diminuirà gradualmente fino alla terapia di mantenimento minima.

complicazioni

La complicazione principale e pericolosa è il sanguinamento. Può essere interno ed esterno. Quello interno è più pericoloso, quando appare, viene eseguita un'operazione di emergenza. Ci possono sviluppare ascessi, infiammazione del pancreas, peritonite. Le complicazioni tardive comprendono la comparsa di ittero. I problemi possono anche verificarsi a causa di errori chirurgici durante l'operazione.

temperatura

Quando c'è una temperatura elevata di 38 ° C o 39 ° C, che è combinata con mal di testa, brividi, dolori muscolari, si dovrebbe consultare immediatamente un medico. Questi sintomi indicano lo sviluppo del processo infiammatorio. Se non si presta attenzione a questo, si possono sviluppare complicanze più gravi, le condizioni del corpo si deteriorano, sarà difficile ripristinare tutti i processi alla normalità.

Attacco dopo la rimozione

Il sequestro postoperatorio nei pazienti può verificarsi con lesioni percorsi extraepatici. Ragioni comuni:

  • Pietre o formazione di cisti in condotti.
  • Malattie del fegato.
  • La stagnazione della bile, che si accumula e quando la capsula viene ingrandita, provoca sensazioni dolorose.
  • Il lavoro degli organi digestivi viene interrotto a causa del rifornimento caotico di bile per l'intestino e il duodeno, il grasso è scarsamente assorbito, la microflora intestinale è indebolita.

effetti

Tutte le conseguenze sono unite dal termine "sindrome da postcolecistectomia". Include:

  • Cambiamenti patologici, colica biliare dopo l'intervento chirurgico.
  • Errori del medico e danni ai dotti, le pietre rimanenti, non completa rimozione, alterazioni patologiche, il dotto cistico è rimasto molto lungo, il granuloma del corpo estraneo.
  • I reclami sono gli organi che non hanno disturbato prima dell'intervento.

donne

Secondo le statistiche, gli interventi chirurgici sono tre volte più frequenti nelle donne che negli uomini. Ciò è dovuto a improvvise irregolarità ormonali e alla gravidanza. Nella maggior parte dei casi Attacchi di dolore e infiammazione i processi sono stati osservati nelle donne in una "situazione interessante". Le conseguenze della rimozione della cistifellea nelle donne sono le stesse degli uomini.

Negli uomini

Si ritiene che gli uomini soffrano di malattie dei dotti biliari meno spesso. Questo è lontano dal caso, perché cadono immediatamente sul tavolo operatorio, non essendo trattati prima. Tutti perché soffrono a lungo di sentimenti dolorosi, quando sarebbe necessario rivolgersi al medico. Dopo l'operazione, il recupero del corpo è più veloce di quello delle donne, iniziano a vivere una vita normale se seguono una dieta ed escludono l'alcol.

Problemi con l'intestino

Quando la cistifellea viene rimossa, l'acido biliare entra costantemente nella mucosa intestinale, che porta alla comparsa di flatulenza, diarrea, che causa problemi ai pazienti nel periodo postoperatorio. Con il tempo, i processi di digestione adattarsi all'assenza di un organo e tutto tornerà alla normalità. Ma c'è un problema opposto: costipazione. Si verifica a causa di una peristalsi rallentata dell'intestino dopo l'operazione.

allergia

Se ci sono reazioni allergiche nell'anamnesi del paziente, l'operazione deve essere eseguita dopo l'esame per la presenza di anticorpi contro gli allergeni (preparati). Se ciò non viene fatto, l'anestesia può causare una reazione allergica grave in una persona, che a volte porta a conseguenze letali. Se sei a conoscenza della presenza di allergie, assicurati di dirlo ai medici.

Quanti vivono dopo la rimozione della cistifellea

Questa operazione non è problematica, la mancanza di colecisti non influisce sulla qualità e sull'aspettativa di vita, la disabilità non viene assegnata, è possibile lavorare. Seguendo semplici cambiamenti nella dieta e le prescrizioni del medico curante, si può vivere fino ad un'età molto avanzata, anche se la vescica è stata rimossa in giovane età. Ciò non influisce sulla funzionalità epatica.

costo del

I prezzi per la chirurgia variano da 38.500 r. fino a 280047 rubli. La tabella mostra le cliniche e il prezzo per l'operazione, la regione è Mosca (risorsa Internet).

Rimozione della cistifellea

La cistifellea è un organo importante che svolge un ruolo importante nel processo digestivo.

Cellule epatiche: gli epatociti secernono una sostanza speciale chiamata bile. La cistifellea è una sorta di riserva per conservare questa sostanza.

Quando arriva il cibo, l'organo lungo i condotti rende l'espulsione della bile nell'intestino per l'ulteriore processo di digestione.

La rimozione della cistifellea è un'operazione comune che viene eseguita con problemi patologici con questo organo.

Le cause della patologia

Il problema principale in cui l'operazione di rimuovere la cistifellea, questa formazione di pietra. Ci sono molti fattori

Va notato che se prima un tale problema si verificava già nell'età avanzata, ora le pietre possono persino comparire nei bambini.

Spesso tutta colpa è il cibo sbagliato. Ora sugli scaffali dei negozi c'è una vasta gamma e non sempre si tratta di prodotti di qualità e utili. I genitori si mangiano e nutrono i loro figli, di conseguenza, ci sono vari problemi.

La formazione di calcoli si verifica quando il livello di colesterolo del corpo aumenta. Prodotti ad alto contenuto: burro, carne grassa, uova, rognoni e così via.

Inoltre, i problemi sono provocati quando le persone non hanno un certo regime. Oppure, se la digiunata fame viene sostituita dalla sovralimentazione. Allo stesso tempo, una persona cerca di nutrire il suo corpo con cibi fritti, grassi o dolci.

Di conseguenza, come risultato, una persona che abusa di cibo dannoso, inizia l'obesità. È molto brutto quando si sviluppa la degenerazione grassa del fegato.

Oltre alla malnutrizione, ci sono anche altre cause della formazione di calcoli biliari.

Può essere l'assunzione di farmaci. Soprattutto se il dosaggio è esagerato o se il corso non viene osservato. Questo vale anche per i contraccettivi ormonali.

L'aspetto della malattia è influenzato da altri cambiamenti patologici nell'organo. Vari eccessi, pieghe e altri cambiamenti anatomici sono in grado di provocare lo sviluppo della formazione di calcoli.

A volte, è la rimozione completa della cistifellea che è l'unica soluzione corretta. È importante che l'operazione venga eseguita da un esperto qualificato al fine di prevenire il verificarsi di varie complicazioni.

Indicazione per l'operazione

Ci sono diversi modi per rimuovere l'organo. A seconda del decorso delle malattie e del tipo di patologia, viene utilizzato questo o quel metodo.

Le indicazioni per l'operazione sono:

  1. Malattia da calcoli biliari. È con una tale malattia che molto spesso richiede la colecistectomia. Il più delle volte caratterizzato da frequenti attacchi di colica biliare. Ciò complica enormemente la vita dei pazienti e sono già d'accordo su tutto, solo per fermare la loro angoscia. Inoltre, lo sviluppo e la crescita di pietre nella cistifellea e nei suoi condotti porta alla comparsa di varie complicazioni. Se non si inizia il trattamento in tempo, una persona può sviluppare una peritonite o una rottura della cistifellea. E questo è irto di un risultato letale. Nell'uomo la malattia può essere accompagnata, sia da sintomi forti, sia dalla loro completa assenza. In ogni caso, lo scopo dell'operazione è prevenire le complicazioni.
  2. Poliposi. L'esame periodico è necessario se si trovano polipi nell'organo. Indicazioni per la rimozione sono: aumento rapido (se la dimensione supera 10 mm, e la gamba del polipo è sottile), la combinazione con colelitiasi.
  3. Colesterosi con un cattivo deflusso di bile. È considerato pericoloso essere accompagnato dalla formazione di calcoli nella cistifellea. Inoltre, l'operazione deve essere eseguita senza fallo, se i depositi di sali di calcio si trovano sulle pareti dell'organo. Può essere accompagnato da sintomi o procedere in una forma calma, senza manifestare alcun segno.
  4. Infiammazione acuta e cronica della cistifellea. Ad esempio, è colecistite. La malattia è caratterizzata da una forte infiammazione delle pareti della cistifellea. Particolarmente pericoloso quando la colecistite è accompagnata dalla presenza di pietre. In questo caso, l'operazione dovrebbe essere eseguita nel più breve tempo possibile.
  5. Altri disturbi funzionali dell'organo, se è impossibile per il trattamento conservativo e il rischio di complicanze.

Controindicazioni

Se ci sono controindicazioni, lo specialista sceglie ciò che comporta maggiori rischi per la salute umana.

Pertanto, viene osservata solo una certa cautela da parte del medico. È possibile dividere tutte le controindicazioni in locale e generale.

  • Scambiare violazioni.
  • Stati terminal.
  • Patologia gravemente scompensata degli organi interni.

La laparoscopia non è desiderabile quando:

  • Gravidanza a lungo termine.
  • Problemi patologici degli organi interni nella fase di scompenso.
  • Patologia dell'emostasi.
  • Peritonite.

Controindicazioni locali per la laparoscopia:

  • Malattia adesiva
  • Colecistite acuta.
  • Gravidanza 1 e 3 trimestre.
  • La formazione di sali di calcio sulle pareti della cistifellea.
  • Grande ernia

In questo caso, il medico e il paziente devono valutare tutti i rischi e prendere una decisione importante. Se la laparoscopia non è possibile, viene eseguita un'operazione di cavità.

Cosa attende il paziente dopo l'intervento chirurgico

Qualsiasi intervento causa vari cambiamenti. L'operazione per rimuovere la cistifellea non fa eccezione.

Il paziente può vivere una vita perfettamente normale senza la presenza di questo organo. Ma allo stesso tempo sarà necessario seguire tutte le raccomandazioni di uno specialista, e anche seguire la dieta e abbandonare le cattive abitudini.

Solo in questo caso, una persona può contare su una vita piena e qualitativa.

Ma anche con la corrente più positiva del periodo postoperatorio, la trasformazione avviene all'interno del corpo.

Cambiamenti nel corpo dopo la rimozione:

  1. La bile ha partecipato alla digestione e ha aiutato a combattere la comparsa accidentale di batteri e componenti nocivi. Dopo la rimozione dell'organo, la microflora dell'intestino cambierà e aumenterà anche la popolazione batterica.
  2. Ora non c'è spazio per la conservazione della bile, il che significa che immediatamente dal fegato andrà direttamente all'intestino.
  3. Aumento della pressione intracavitaria sui dotti epatici.

A condizione che una persona non segua una dieta e mangi cibi grassi, si forma una carenza di bile per la digestione.

Di conseguenza, si osservano vari disturbi nell'intestino, la digestione del cibo rallenta e peggiora.

I seguenti sintomi iniziano ad apparire nel paziente:

  • Nausea. In alcuni casi, il corpo può anche iniziare a rifiutare il cibo, che si manifesterà come vomito. Il vomito contiene la bile.
  • Aumento della formazione di gas.
  • Segni di indigestione
  • Bruciore di stomaco.

In questa situazione, il paziente ha una carenza di alcune sostanze nel corpo:

  1. Antiossidanti.
  2. Acidi grassi
  3. Vitamine A, E, D, K.

Importante anche il ruolo svolto dalla composizione della bile. Durante il periodo di riabilitazione, al paziente viene prescritto un trattamento speciale che normalizza lo stato del succo di bile.

Se il suo effetto è troppo corrosivo, è possibile un grave danno alla mucosa intestinale. Di conseguenza, c'è il rischio di cancro.

Sensazione nei primi giorni dopo la colecistectomia

Molto sarà dal corpo del paziente e dai metodi di conduzione dell'operazione. A una laparoscopia la persona è restaurata durante 2 settimane.

Quando l'intervento chirurgico è stato effettuato con il metodo della cavità usuale, la riabilitazione è determinata circa 8 settimane.

Il paziente nei primi giorni dopo l'operazione può avere le seguenti manifestazioni:

  • Nausea. Il suo aspetto è più spesso influenzato dagli effetti dell'anestesia.
  • Sensazioni di dolore al sito di un taglio o una puntura. Questa è una manifestazione naturale, perché una persona ha appena perso un organo molto importante. I dottori a dolori nominano o nominano vari anestesia.
  • Dopo aver effettuato laparoscopia, potrebbe esserci dolore nella regione addominale, rinunciando alle spalle. Dovrebbero scomparire dopo pochi giorni.
  • Malessere generale
  • Formazione di gas
  • La diarrea.

Questo è un processo naturale di adattamento. Qualcuno potrebbe avere la sintomatologia, ma qualcuno lo limiterà a un paio di sintomi.

La cosa principale è che le persone non si lasciano prendere dal panico e seguono tutte le raccomandazioni del medico, senza eccezioni.

Chirurgia della cavità standard

Tale intervento chirurgico comporta una laparotomia mediale o incisioni oblique sotto l'arco costale.

Ciò consente allo specialista di avere un buon accesso all'organo e ai suoi dotti.

L'operazione aperta ha una serie di carenze:

  1. Una grande cucitura che non sembra il modo migliore.
  2. Grande infortunio operativo.
  3. La probabilità di complicazioni è grande. Molto spesso questi sono guasti funzionali nell'intestino e in altri organi interni.

Le principali indicazioni per eseguire un'operazione cavitaria sono:

  • Processo infiammatorio acuto con peritonite.
  • Lesioni complicate del dotto biliare.
  1. L'incisione della parete anteriore del peritoneo e un esame completo del lavoro imminente.
  2. Isolamento e legatura di tutti i dotti e le arterie che portano all'organo per prevenire l'apertura di sanguinamento.
  3. Estrazione della cistifellea.
  4. Elaborazione della posizione del corpo.
  5. Drenaggio e imposizione della giuntura sul sito dell'incisione.

laparoscopia

Il trattamento più adeguato per molti problemi nella cistifellea. Questo metodo ha molti vantaggi rispetto al metodo della cavità.

In primo luogo, laparoscopia porta una piccola ferita chirurgica. In secondo luogo, dai suoi pazienti ha una sindrome del dolore minore durante il periodo di riabilitazione. In terzo luogo, la laparoscopia ha un breve periodo di recupero.

Dopo tale trattamento, il medico può prescrivere un paziente dall'ospedale per 3 giorni, a condizione che non vi siano complicazioni.

Indicazioni per l'uso:

  • Forma cronica di colecistite.
  • Malattia da calcoli biliari.
  • Processi infiammatori acuti nella cistifellea.
  1. La laparoscopia comporta l'introduzione di un numero di strumenti direttamente nella cistifellea. L'intera procedura viene eseguita utilizzando un monitor del computer. Per condurre l'operazione, uno specialista qualificato deve. Al primo stadio, la parete addominale viene perforata e gli strumenti vengono inseriti.
  2. Per garantire una visione migliore, provvedere a forzare l'anidride carbonica nello stomaco.
  3. Il prossimo è tagliare, tagliare condotti e arterie.
  4. La rimozione dell'organo stesso.
  5. Produzione di utensili e suture.

La velocità dell'operazione è annotata. Molto spesso la laparoscopia è data non più di 1 ora e solo in alcuni casi, in caso di complicanze, dura fino a 2 ore.

Va notato che è impossibile ottenere grandi concrezioni attraverso le forature. Per fare questo, vengono prima schiacciati e solo successivamente rimossi in piccole parti dalla cistifellea.

A volte è necessario installare il drenaggio sotto il fegato. Questo è fatto per garantire il deflusso della bile, che è stato formato a causa di un infortunio operativo.

minidostupa

Un altro modo per estrarre la cistifellea. Se laparoscopia è impossibile per alcune controindicazioni, il medico decide di cambiare il metodo dell'intervento chirurgico. Uno di questi è il metodo minimamente invasivo.

Il mini-accesso è qualcosa tra la chirurgia di routine e la laparoscopia. Le fasi operative includono:

  1. Fornire l'accesso.
  2. Fasciatura e taglio di arterie e condotti.
  3. Rimozione della cistifellea.

In contrasto con una semplice operazione cavitaria, il mini-accesso è caratterizzato da una piccola area dell'incisione. L'incisione è fatta non più di 7 cm sotto le costole sul lato destro.

Questo metodo di chirurgia consente al chirurgo di rivedere i visceri ed eseguire l'estrazione della cistifellea il più qualitativamente possibile.

Indicazioni per la chirurgia mini-invasiva:

  1. La presenza di un gran numero di aderenze.
  2. Infiltrazione del tessuto infiammatorio

Il paziente viene dimesso dall'ospedale già dal 5 ° giorno dopo l'operazione. Se confrontare con l'intervento cavitario, il periodo post-operatorio procede molto più facile e più veloce.

Preparazione per un'operazione

Il modo in cui il paziente si prepara per l'operazione dipenderà da come passeranno la rimozione stessa e il periodo di riabilitazione.

Prima dell'operazione, è necessario prescrivere misure diagnostiche:

  1. Coagulazione.
  2. Esame del sangue Fanno sia generali che biochimici. È anche importante identificare la presenza di sifilide ed epatite.
  3. Analisi delle urine.
  4. Fluoropatia dei polmoni.
  5. Diagnosi ecografica della cavità addominale.
  6. È importante scoprire il gruppo sanguigno e il fattore Rh prima di eseguire l'operazione.
  7. ECG.
  8. Fibrogastroscopy.
  9. Colonscopia.

Inoltre è necessario passare un sondaggio e ottenere consigli da vari specialisti. Tutti dovrebbero consultare un terapeuta. Alcuni hanno bisogno di visitare un gastroenterologo, endocrinologo, cardiologo.

Prima di iniziare l'operazione, gli specialisti devono identificare tutte le controindicazioni e chiarire i vari punti importanti.

Inoltre, è necessario riportare la pressione alla normalità, controllare il livello di zucchero, se il paziente è un diabetico. La grave patologia degli organi interni dovrebbe essere compensata al massimo.

Già in anticipo è necessario adattarsi a una dieta speciale. Alla vigilia dell'operazione, il cibo dovrebbe essere il più leggero possibile.

Dalla sera prima dell'operazione, il paziente è privo di cibo e acqua. Anche la sera e al mattino viene fatto un clistere purificante per escludere qualsiasi contenuto all'interno dell'intestino.

Al mattino, si raccomanda al paziente di eseguire tutte le procedure igieniche, di lavarsi e cambiarsi in vestiti puliti.

In caso di decorso acuto e ospedalizzazione grave, le procedure vengono eseguite molto rapidamente. Tutte le procedure sono date non più di 2 ore.

Periodo postoperatorio

Quante persone saranno in ospedale, nella maggior parte dei casi dipende dal tipo di operazione. Il modo in cui il corpo verrà ripristinato è direttamente correlato al rispetto delle raccomandazioni e dello stato del corpo stesso.

In un'operazione cavitaria, le suture vengono rimosse non prima di 7 giorni e il paziente viene tenuto sotto controllo per circa 2 settimane. Con una buona corrente e il recupero del corpo, la lavorabilità inizia entro 1-2 mesi.

La laparoscopia è meno traumatica e viene prescritta per una persona già da 2 a 4 giorni. La persona viene ripristinata troppo più velocemente. La piena capacità di lavoro arriva dopo 20 giorni.

Le prime 6 ore non puoi mangiare cibo e acqua. Inoltre è necessario rispettare il riposo a letto. Nel primo giorno una persona può provare nausea e vertigini.

Questa è una condizione naturale, perché il paziente si allontana dall'anestesia. Pertanto, i primi tentativi di alzarsi dal letto dovrebbero essere accurati.

Solo dopo un giorno, il paziente può camminare un po 'nel reparto, bere e mangiare. La dieta comprende: banane, cereali, puree vegetali, zuppe leggere, carne bollita di varietà a basso contenuto di grassi, prodotti di latte acido.

Sotto il divieto sono: vari dolci e pasticcini, tè forte, caffè, piatti fritti e speziati, alcool.

La dieta è ora un importante compagno umano dopo la colecistectomia. Ora il corpo perde un organo importante e il carico è notevolmente aumentato. Per ridurre l'impatto dei fattori negativi, gli esperti consigliano di aderire alla dieta numero 5.

Inoltre, il medico curante può prescrivere medicinali contenenti enzimi che migliorano la digestione. Questo è Pancreatin, Mezim, Festal. Sarà utile e l'uso di erbe colagogo.

Come cambia la vita dopo l'operazione per rimuovere la cistifellea?

Molte patologie del sistema biliare portano allo sviluppo di un'intensa sindrome del dolore, che porta molta sofferenza fisica e psicologica ai pazienti. Se la terapia farmacologica non è efficace, ricorrere alla colecistectomia. Il trattamento chirurgico prevede la completa escissione dell'organo. Per alleviare le condizioni del paziente dopo l'intervento chirurgico, ridurre il rischio di complicanze, prescrivere una dieta dietetica, un regime speciale. Pertanto, la vita dopo la rimozione della cistifellea cambia radicalmente. Vale la pena di considerare più in dettaglio quanti e come le persone vivono dopo la colecistectomia.

Conseguenze del trattamento chirurgico

Anche se la cistifellea è stata rimossa, il fegato continua a produrre bile nello stesso volume. Tuttavia, il corpo non ha un organo per conservare il segreto, quindi drena costantemente nella cavità dell'intestino 12-типерстной. Se il paziente utilizza cibi grassi dopo l'operazione, la quantità di bile estratta non è sufficiente per la normale digestione. Pertanto, le persone spesso incontrano diarrea, flatulenza, nausea.

L'assorbimento incompleto del grasso causa l'assunzione inadeguata di acidi grassi essenziali nel corpo, una violazione dell'assorbimento delle vitamine liposolubili. Dopo l'operazione di rimozione della cistifellea, l'assorbimento degli antiossidanti, che si trovano nella maggior parte delle verdure, è spesso ridotto. Ciò porta ad un aumento dell'intensità dei processi di ossidazione, invecchiamento precoce.

Se la cistifellea viene rimossa, il segreto digestivo provocherà irritazione della mucosa intestinale.

Com'è il periodo postoperatorio?

Se si rimuove la cistifellea, la durata della riabilitazione è determinata dal metodo di trattamento chirurgico. La chirurgia laparoscopica prevede l'escissione dell'organo mediante piccole punture, che aiuta a prevenire lo sviluppo di gravi complicanze. Pertanto, dopo la laparoscopia del recupero della cistifellea non richiede più di 10-14 giorni. Quando si esegue un'operazione cavitaria, il periodo di riabilitazione raggiunge 8 settimane.

Durante i primi 2-3 giorni dopo la manipolazione chirurgica, i pazienti devono essere ricoverati in ospedale sotto la costante supervisione di un medico. In questo periodo, lo sviluppo di tali sintomi:

  • Dolore nell'area della ferita. Le sensazioni dolorose avvengono per diversi giorni sullo sfondo dell'uso di antidolorifici;
  • Aumento della formazione di gas e diarrea. I sintomi si verificano per 10-12 giorni se il paziente aderisce all'assunzione dietetica prescritta;
  • Dolore nell'addome, che si verifica sullo sfondo dell'introduzione di gas nella cavità addominale. Il sintomo si sviluppa esclusivamente dopo la laparoscopia;
  • Irritabilità, un brusco cambiamento di umore. I sintomi neurologici scompaiono da soli durante il periodo di recupero;
  • Nausea. Questo sintomo appare a causa dell'uso di farmaci anestetici e antidolorifici. Dopo il ritiro dei farmaci, le condizioni del paziente sono normalizzate.

Dopo l'intervento chirurgico nell'addome compaiono le cuciture, che non dovrebbero essere bagnate. Fare il bagno è consentito solo dopo 2 giorni dalla manipolazione chirurgica, mentre la superficie della ferita deve essere accuratamente asciugata. Se i medici hanno proibito di bagnare la ferita, allora è necessario applicare bende speciali prima che i punti vengano rimossi, il che proteggerà i tessuti danneggiati dall'acqua.

Durante 1,5 mesi dopo l'operazione, di solito c'è una sindrome di dolore moderata, che è un segno di normale adattamento del corpo al trauma. Tuttavia, un forte dolore sullo sfondo di nausea e ipertermia indica lo sviluppo di complicanze.

Importante! I sintomi elencati si riferiscono alle normali conseguenze del trattamento chirurgico. I sintomi scompaiono rapidamente, quindi non influenzeranno l'ulteriore vita senza una cistifellea.

Caratteristiche della terapia dietetica

Per 24 ore dopo l'operazione, non puoi bere e mangiare, puoi solo inumidire le labbra con un panno umido. Il secondo giorno una persona può consumare liquidi chiari (brodo senza grassi, tè leggero, brodo di rosa canina, acqua) per prevenire la disidratazione, costipazione. Il terzo giorno, vengono introdotti succhi di frutta appena spremuti, purea di mele, yogurt magro.

Al 4 ° -5 ° giorno dopo l'operazione, al paziente è permesso di mangiare purè di patate, bollito, minestre dietetiche che sono inacidite, con normale stato di salute. Nel corso del tempo, è possibile tornare alla dieta abituale, ma evitare di mangiare cibi grassi, alcool.

Come vivere senza una cistifellea per prevenire lo sviluppo di diarrea e flatulenza dopo colecistectomia? I gastroenterologi raccomandano di seguire i seguenti suggerimenti:

  • Assumere piccoli pasti fino a 6 volte al giorno, masticando accuratamente i piatti, in modo che i prodotti si mescolino meglio con la bile;
  • Il cibo dovrebbe essere caldo nella temperatura;
  • L'alimentazione dietetica prevede l'uso di varietà di carne a basso contenuto di grassi, prodotti a base di latte acido a basso contenuto di grassi, verdure fresche e frutta, il pane integrale di ieri;
  • Aumentare l'assunzione di fibre (avena, orzo) per prevenire il verificarsi di stitichezza;
  • Ridurre la quantità di grassi, dolci e alimenti contenenti caffeina nella dieta.

La rimozione diretta della cistifellea non promuove lo sviluppo della stitichezza. Tuttavia, dopo l'escissione del corpo, molti pazienti riducono la quantità di cibo mangiato, utilizzano quantità insufficienti di fibra alimentare, che riduce la motilità intestinale. Gli specialisti sconsigliano l'uso di clisteri frequentemente per eliminare la stitichezza. Dopotutto, questa tecnica può portare alla morte della normale microflora e allo sviluppo della disbiosi intestinale, che non fa altro che esacerbare il problema.

Importante! Se non ci sono cistifellea, i pazienti devono seguire una dieta rigorosa per 2-3 mesi. Ciò normalizzerà i processi di digestione, preverrà lo sviluppo di sintomi spiacevoli, complicazioni.

Attività motoria dopo colecistectomia

Cambiare lo stile di vita dopo aver rimosso la cistifellea comporta l'aumento dell'attività fisica del paziente. Gli esperti consigliano di alzarsi dal letto da soli e spostarsi nel reparto il giorno dopo l'operazione. Questo è necessario per prevenire la trombosi.

Con un buono stato di salute, il paziente ha bisogno di aumentare gradualmente e regolarmente il carico. Nella maggior parte dei casi è possibile ripristinare la forma fisica preoperatoria durante 7-21 giorni, che è determinata dal metodo di trattamento chirurgico e dalla presenza di patologie di accompagnamento.

Gli esperti raccomandano che durante 4-8 settimane per escludere il sollevamento pesi (peso superiore a 5-7 chilogrammi), le restrizioni si applicano all'allenamento fisico intenso. I pazienti possono fare solo lavori domestici leggeri, fare brevi passeggiate. Per visitare la sauna, la piscina, fare il bagno può solo con il permesso del medico curante. Il ritorno al lavoro è consigliato solo dopo 7 giorni dall'intervento, se non comporta un grande sforzo fisico.

Molti pazienti sono interessati a sapere se sia possibile fare sesso dopo la colecistectomia. Se ti senti bene, puoi mantenere la vita intima attiva in 2 settimane.

Importante! La colecistectomia non influisce sull'aspettativa di vita del paziente, se una persona soddisfa tutte le prescrizioni del medico.

Possibili complicazioni iniziali

Durante l'intervento chirurgico o dopo tali complicazioni possono sorgere:

  • Infezione della ferita Le infezioni batteriche portano a dolore, gonfiore e arrossamento nell'area della ferita in atto;
  • Bleeding. La condizione si sviluppa quando i vasi sanguigni grandi vengono danneggiati durante l'intervento chirurgico;
  • Entrata biliare nella cavità addominale. Ciò provoca lo sviluppo di dolore nella regione addominale, un aumento della temperatura;
  • Sviluppo della trombosi venosa profonda degli arti inferiori;
  • Danni all'intestino. La condizione porta allo sviluppo di una sindrome del dolore intenso, un aumento della temperatura corporea.

Quali sono le complicazioni tardive?

Nel 5-40% dei pazienti dopo escissione della cistifellea si verifica la sindrome postcolecistectomia. Questa condizione include i seguenti sintomi:

  • Aumento della formazione di gas;
  • Disturbo delle feci;
  • nausea;
  • Dolore nell'ipocondrio destro della natura dolorante, che si sviluppa sullo sfondo della disfunzione dello sfintere di Oddi. Caratteristico è l'intensificazione della sindrome del dolore dopo l'assunzione di cibi grassi;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Sclera e pelle diventano gialle.

In rari casi, i pazienti sullo sfondo della colecisti distanti ripetutamente sviluppano concrezioni nel tratto biliare. La causa della loro formazione è una diminuzione del flusso di bile attraverso i dotti. Le pietre formate vengono gradualmente rimosse nel lume delle budella 12-типерстной, che non provocano sensazioni dolorose.

La violazione del deflusso della bile dovuto alla comparsa di restringimento dei dotti biliari o dei concrementi può provocare l'insorgenza di processi infiammatori nel fegato e nel pancreas. Dopo che la cistifellea è stata asportata, possono verificarsi processi infiammatori nelle vie biliari (colangite). La malattia provoca i seguenti sintomi:

  • Affaticamento aumentato, debolezza generale;
  • L'inizio del prurito;
  • Aumento della temperatura;
  • Ittero della pelle e sclera degli occhi;
  • Sviluppo di nausea e vomito;
  • Dolore al fegato;
  • Aumento della formazione di gas, diarrea.

Importante! Se la colecistectomia viene eseguita su pazienti affetti da malattia da reflusso gastroesofageo anamnestico, l'operazione è in grado di provocare ulcera gastrica e compromissione del benessere.

Com'è la gravidanza dopo la colecistectomia?

Molti pazienti vivono completamente senza una cistifellea. Ma l'assenza di organi digestivi nelle donne può complicare il corso della gravidanza. Pertanto, durante la pianificazione del bambino dovrebbe prendere in considerazione alcune caratteristiche:

  • L'assenza di una cistifellea può innescare il verificarsi di prurito, un aumento del livello degli acidi biliari nel sangue;
  • Durante la gravidanza, il fegato si sposta e i dotti intraepatici si comprimono, il che causa un aumento della formazione di calcoli;
  • Per prevenire la comparsa di ittero in un neonato, una donna dovrà assumere regolarmente antistaminici, multivitaminici, antiossidanti;
  • La diminuzione dell'attività motoria del paziente nel terzo trimestre promuoverà la stagnazione.

È importante capire che condurre una colecistectomia non è una controindicazione diretta alla gravidanza. Una donna dopo l'intervento chirurgico è in grado di sopportare e dare alla luce un bambino sano, ma deve essere sotto la costante supervisione di specialisti. Questo aiuterà a prevenire la stasi della secrezione di cibo, a ridurre il rischio di sintomi di ittero.

Posso bere alcolici?

Bere alcolici in assenza di una cistifellea porta ad un forte rilascio di bile nel lume dell'intestino 12-типерстной. Inoltre, l'alcol provoca un cambiamento delle caratteristiche reologiche del segreto digestivo, quindi aumenta la quantità di colesterolo e acidi grassi. L'eccessiva saturazione con la bile dei dotti intraepatici aumenta il rischio di sviluppare calcoli.

Importante! Gli esperti raccomandano di interrompere l'uso di bevande contenenti alcol durante il primo anno dopo il trattamento chirurgico.

L'uso regolare di bevande alcoliche porta allo sviluppo di cirrosi epatica, patologie pancreatiche, infiammazione delle vie biliari. Di conseguenza, l'alcol provoca un aumento della formazione di bile, tuttavia, il suo deflusso sarà disturbato a causa del restringimento dei dotti infiammati. I processi patologici portano al fatto che il segreto digestivo non porta alla disinfezione dell'intestino tenue. Pertanto, si sviluppano disbatteriosi e infezioni intestinali.

conclusione

Come vivere dopo la rimozione della cistifellea, quali sono i pro ei contro? Dopo il trattamento chirurgico, è importante seguire i principi di uno stile di vita salutare, dieta alimentare, seguire le raccomandazioni di uno specialista. Secondo i dati statistici, i pazienti di solito conducono una vita piena e attiva, sentirsi bene. Solo un piccolo numero di persone sviluppa gravi complicazioni che possono ridurre la qualità della vita.

Colecistectomia (rimozione della cistifellea): indicazioni, metodi, riabilitazione

La rimozione della cistifellea è considerata una delle operazioni più frequenti. esso È indicato per colelitiasi, colecistite acuta e cronica, polipi e neoplasie. L'operazione viene eseguita da un accesso aperto, minimamente invasivo e laparoscopico.

La cistifellea è un importante organo di digestione, che funge da riserva di bile, necessaria per digerire il cibo. Tuttavia, spesso crea problemi significativi. La presenza di pietre, il processo infiammatorio provoca dolore, disagio nell'ipocondrio, dispepsia. Spesso la sindrome del dolore è così pronunciata che i pazienti sono pronti a sbarazzarsi della vescica una volta per tutte, semplicemente per non soffrirne di più.

Oltre ai sintomi soggettivi, la sconfitta di questo organo può causare gravi complicanze, in particolare peritonite, colangite, colica biliare, ittero, e quindi non c'è scelta: la chirurgia è vitale.

Di seguito cercheremo di capire quando rimuovere la cistifellea, come prepararsi per l'operazione, quali tipi di interventi sono possibili e come cambiare la tua vita dopo il trattamento.

Quando è necessaria l'operazione?

Indipendentemente dal tipo di intervento programmato, che si tratti di laparoscopia o rimozione cavitaria della cistifellea, letture al trattamento chirurgico sono:

  • Malattia da calcoli biliari.
  • Infiammazione acuta e cronica della vescica
  • Colesterosi con compromissione della funzionalità biliare.
  • Poliposi.
  • Alcuni disturbi funzionali.

Malattia da calcoli biliari è solitamente la causa principale della maggior parte delle colecistectomie. Ciò è dovuto al fatto che la presenza di calcoli nella cistifellea provoca spesso attacchi di colica biliare, che si ripete in più del 70% dei pazienti. Inoltre, i concrementi contribuiscono allo sviluppo di altre complicazioni pericolose (perforazione, peritonite).

In alcuni casi, la malattia si manifesta senza sintomi acuti, ma con gravità nell'ipocondrio, disturbi dispeptici. Questi pazienti hanno anche bisogno di un'operazione che viene eseguita in modo pianificato e il suo obiettivo principale è prevenire le complicanze.

calcoli biliari può essere trovato nei dotti (coledocolitiasi), che è pericoloso a causa di possibile ittero ostruttivo, infiammazione dei dotti, pancreatite. L'operazione è sempre integrata dal drenaggio dei condotti.

colelitiasi asintomatica non esclude la possibilità di un'operazione che si rende necessaria durante lo sviluppo di anemia emolitica, quando la dimensione delle pietre è maggiore di 2,5-3 cm in connessione con piaghe da decubito, sono ad alto rischio di complicanze nei pazienti giovani.

colecistite - un'infiammazione della parete della cistifellea, che scorre acutamente o cronicamente, con ricadute e miglioramenti che si sostituiscono a vicenda. Colecistite acuta con la presenza di pietre serve come una scusa per un intervento chirurgico urgente. Il decorso cronico della malattia consente di eseguirlo nei tempi previsti, forse - per via laparoscopica.

cholesterosis le lunghe percorrenze sono asintomatiche e possono essere rilevate per caso, e l'indicazione per la colecistectomia diventa quando provoca sintomi della cistifellea e la sua funzione (dolore, ittero, dispepsia). In presenza di calcoli, anche la colesterosi asintomatica serve come scusa per rimuovere l'organo. Se si verifica calcificazione nella cistifellea, quando i sali di calcio sono depositati nel muro, l'operazione è obbligatoria.

Presenza di polipi è pieno di malignità, quindi è necessario rimuovere la cistifellea con polipi, se superano i 10 mm, avere una gamba sottile, unita alla colelitiasi.

Disturbi funzionali l'escrezione biliare di solito serve come scusa per il trattamento conservativo, ma all'estero tali pazienti sono ancora operati a causa della sindrome del dolore, riducendo il rilascio di bile nell'intestino e disturbi dispeptici.

Ci sono controindicazioni all'operazione di colecistectomia, che può essere generale e locale. Naturalmente, se è necessario un trattamento chirurgico urgente a causa della minaccia di vita del paziente, alcuni di essi sono considerati relativi, poiché i benefici del trattamento sono incommensurabilmente superiori ai possibili rischi.

K controindicazioni generali includere stati terminali, grave patologia scompensata degli organi interni, disordini metabolici che possono complicare l'operazione, ma il chirurgo "chiuda gli occhi" a loro se il paziente ha bisogno di salvargli la vita.

Controindicazioni comuni alla laparoscopia considerare le malattie interne nella fase di scompenso, peritonite, gravidanza a lungo termine, patologia dell'emostasi.

Restrizioni locali relativo, e la possibilità di chirurgia laparoscopica è determinata dall'esperienza e le qualifiche del medico, la disponibilità di attrezzature adeguate, la volontà non solo del chirurgo, ma anche il paziente a prendere un certo rischio. Questi includono adesioni, calcificazione della parete della cistifellea, colecistite acuta, se sono trascorsi più di tre giorni dall'insorgenza della malattia, gravidanze I e III trimestre, grandi ernie. Se non è possibile continuare l'operazione per via laparoscopica, il medico dovrà passare all'intervento di una cavità.

Tipi e caratteristiche delle operazioni per rimuovere la cistifellea

Operazione per rimuovere la cistifellea può essere eseguito sia classicamente, con il metodo aperto, sia con il coinvolgimento di tecniche minimamente invasive (per via laparoscopica, dal mini-accesso). La scelta del metodo determina le condizioni del paziente, la natura della patologia, la discrezione del medico e l'attrezzatura dell'istituto medico. Tutti gli interventi richiedono anestesia generale.

a sinistra: colecistectomia laparoscopica, a destra: operazione aperta

Operazione aperta

La rimozione cava della cistifellea comporta una laparotomia mediale (accesso lungo la linea mediana dell'addome) o incisioni oblique sotto l'arco costale. In questo caso, il chirurgo ha un buon accesso alla cistifellea e ai dotti, la capacità di esaminarli, misurare, sondare ed esaminare usando agenti di contrasto.

Un'operazione aperta è indicata per l'infiammazione acuta con peritonite, lesioni complesse delle vie biliari. Tra i difetti della colecistectomia, questo metodo può indicare un trauma chirurgico importante, un risultato estetico scadente, complicanze (rottura dell'intestino e altri organi interni).

Il corso di un'operazione aperta include:

  1. Incisione della parete addominale anteriore, revisione dell'area interessata;
  2. Isolamento e bendaggio (o ritaglio) del dotto cistico e dell'arteria, sangue che alimenta la cistifellea;
  3. Separazione ed estrazione della vescica, trattamento del letto d'organo;
  4. Imposizione di scarichi (secondo le indicazioni), sutura della ferita in funzione.

Colecistectomia laparoscopica

La chirurgia laparoscopica è riconosciuta come il "gold standard" del trattamento per la colecistite cronica e la colelitiasi e serve come metodo di scelta per i processi infiammatori acuti. Il vantaggio indiscusso del metodo è considerato un trauma chirurgico minore, un breve periodo di recupero, una sindrome del dolore minore. La laparoscopia consente al paziente di lasciare l'ospedale già 2-3 giorni dopo il trattamento e tornare rapidamente alla vita normale.

Le fasi della chirurgia laparoscopica includono:

  • Puntura della parete addominale, attraverso la quale sono inseriti gli strumenti (trocar, videocamera, manipolatori);
  • Iniezione nello stomaco di anidride carbonica per fornire una revisione;
  • Ritaglio e ritaglio del dotto e dell'arteria vescicolare;
  • Rimozione della cistifellea dalla cavità addominale, dagli strumenti e dai fori di sutura.

L'operazione dura non più ore, ma possibilmente più (fino a 2 ore) alle difficoltà di accesso alla zona interessata, le caratteristiche anatomiche e simili. D. Se nella cistifellea ci sono pietre, loro schiacciate prima di rimuovere il corpo in frammenti più piccoli. In alcuni casi, al termine dell'intervento chirurgico, il chirurgo colloca il drenaggio nello spazio subpatico per garantire il deflusso del fluido, che può derivare da una lesione operativa.

Video: colecistectomia laparoscopica, corso di operazione

Colecistectomia con un mini-accesso

È chiaro che la maggior parte dei pazienti preferirebbe un'operazione laparoscopica, ma può essere controindicata in una serie di condizioni. In questa situazione, gli specialisti ricorrono a tecniche mini-invasive. Colecistectomia per il mini-accesso è un incrocio tra un'operazione di cavità e un'operazione laparoscopica.

Il corso di intervento comprende le stesse fasi di altri tipi di colecistectomia: la formazione dell'accesso, della legatura e dell'attraversamento del dotto e dell'arteria con conseguente rimozione della vescica, e la differenza è che per eseguire queste manipolazioni, il medico usa una piccola incisione (3-7 cm) sotto l'arco costale destro.

fasi di rimozione della cistifellea

L'incisione minima, da un lato, non è accompagnata da un grande trauma dei tessuti addominali, dall'altro fornisce una panoramica sufficiente per il chirurgo per valutare le condizioni degli organi. Questo intervento è particolarmente indicato per pazienti con un forte processo di adesione, infiltrazione di tessuto infiammatorio, quando il biossido di carbonio è difficile da iniettare e, di conseguenza, laparoscopia è impossibile.

Dopo la rimozione minimamente invasiva della cistifellea, il paziente trascorre 3-5 giorni in ospedale, cioè più a lungo che dopo la laparoscopia, ma meno che nel caso di chirurgia a cielo aperto. Il periodo postin vigore procede più facilmente che dopo la colecistectomia incavata, e il paziente ritorna presto a casa ai casi soliti.

Ogni paziente, affetto da questa o quella malattia della cistifellea e dei dotti, è più interessato esattamente a come verrà eseguita l'operazione, desiderando che sia il meno traumatico. La risposta inequivocabile in questo caso non può essere, perché la scelta dipende dalla natura della malattia e da molte altre ragioni. Quindi, con la peritonite, l'infiammazione acuta e le forme gravi di patologia, il medico dovrà probabilmente andare alla chirurgia traumatica più traumatica. Quando aderenze preferiti colecistectomia minimamente invasiva, e se non vi sono controindicazioni laparoscopia - tecnica laparoscopica, rispettivamente.

Preparazione preoperatoria

Per il miglior risultato del trattamento è importante condurre un'adeguata preparazione preoperatoria e l'esame del paziente.

A tal fine, effettuano:

  1. Analisi generali e biochimiche di sangue, urina, ricerca sulla sifilide, epatite B e C;
  2. coagulazione;
  3. Affinamento del gruppo sanguigno e del fattore Rh;
  4. Ultrasuoni della cistifellea, dotti biliari, organi addominali;
  5. ECG;
  6. Radiografia (fluorografia) dei polmoni;
  7. Secondo le indicazioni - fibrogastroscopia, colonscopia.

Una parte dei pazienti ha bisogno della consultazione di specialisti stretti (gastroenterologo, cardiologo, endocrinologo), tutti - il terapeuta. Per chiarire lo stato delle vie biliari, vengono effettuati ulteriori studi con tecniche a ultrasuoni e radiopachi. La grave patologia degli organi interni deve essere compensata al massimo, la pressione deve essere riportata alla normalità e i livelli di zucchero nel sangue nei diabetici devono essere monitorati.

Preparazione per la chirurgia con riflessi di ospedalizzazione includono la ricezione di un pasto leggero la sera prima, un rifiuto completo di cibo e acqua da 6-7 pm, prima dell'operazione, e la sera e la mattina prima dell'intervento i pazienti sono stati sottoposti un clistere di pulizia. Al mattino, fai una doccia e cambia vestiti.

Se è necessario eseguire un intervento chirurgico urgente, il tempo per gli esami e l'allenamento è molto inferiore, quindi il medico è costretto a confinare a esami clinici generali, ecografia, allocando per tutte le procedure non più di due ore.

Dopo l'operazione...

Il tempo trascorso in ospedale dipende dal tipo di operazione eseguita. Con la colecistectomia aperta, le suture vengono rimosse dopo circa una settimana e la durata del ricovero è di circa due settimane. Nel caso della laparoscopia, il paziente viene dimesso dopo 2-4 giorni. La capacità di lavorare viene ripristinata nel primo caso entro uno o due mesi, nel secondo - fino a 20 giorni dopo l'operazione. Il foglio ospedaliero viene rilasciato per l'intero periodo di ospedalizzazione e tre giorni dopo la dimissione, quindi - a discrezione del medico del policlinico.

Il giorno dopo l'operazione, il drenaggio viene rimosso, se presente. Questa procedura è indolore. Prima di rimuovere le articolazioni, vengono trattati quotidianamente con soluzioni antisettiche.

Le prime 4-6 ore dopo aver rimosso la vescica dovrebbero astenersi dal prendere cibo e acqua, non alzarsi dal letto. Dopo questo tempo, puoi provare ad alzarti, ma attentamente, perché dopo l'anestesia sono possibili vertigini e svenimenti.

Quasi ogni paziente può provare dolore dopo l'operazione, ma l'intensità è diversa per i diversi approcci terapeutici. Naturalmente, non è necessario aspettarsi una guarigione indolore di una grande ferita dopo un intervento chirurgico aperto, e il dolore in questa situazione è una componente naturale della condizione postoperatoria. Per eliminarlo, gli analgesici sono prescritti. Dopo la colecistectomia laparoscopica, il dolore è meno tollerabile e la maggior parte dei pazienti non ha bisogno di farmaci antidolorifici.

Un giorno dopo l'operazione, ti è permesso alzarti, camminare nel reparto, mangiare cibo e acqua. Particolare importanza è la dieta dopo la rimozione della cistifellea. Nei primi giorni puoi mangiare porridge, zuppe leggere, prodotti di latte acido, banane, purè di verdura, carne magra bollita. È severamente vietato il caffè, il tè forte, l'alcol, i dolci, i cibi fritti e piccanti.

Poiché dopo la colecistectomia il paziente è privato di un organo importante che accumula e rilascia tempestivamente la bile, dovrà adattarsi alle mutate condizioni della digestione. La dieta dopo la rimozione della cistifellea corrisponde alla tabella numero 5 (epatica). Non può mangiare fritti e cibi grassi, carni, e molte spezie, che richiedono un aumento del rilascio di secrezioni digestive sono vietati conserve, sottaceti, uova, alcol, caffè, dolci, creme grassi e burro.

Il primo mese dopo l'operazione è necessario aderire a 5-6 pasti al giorno, portando il cibo in piccole porzioni, l'acqua dovrebbe essere bevuta a un litro e mezzo al giorno. Hai il permesso di mangiare pane bianco, carne bollita e pesce, cereali, baci, prodotti a base di latte acido, verdure al vapore o al vapore.

È possibile usare il colagogo su consiglio di un dottore (rosa canina, stigmi di mais). Per migliorare la digestione, possono essere prescritti preparati contenenti enzimi (festal, mezim, pancreatina).

In generale, la vita dopo la rimozione della cistifellea non ha limitazioni significative, dopo 2-3 settimane dopo il trattamento è possibile tornare al modo di vivere e al lavoro abituale. La dieta è indicata nel primo mese, quindi la dieta si espande gradualmente. In linea di principio, puoi avere tutto, ma non dovresti essere coinvolto in prodotti che richiedono un aumento della secrezione biliare (cibi grassi e fritti).

Nel primo mese dopo l'operazione, sarà necessario limitare in qualche modo l'attività fisica, non alzare più di 2-3 kg e non eseguire esercizi che richiedono la tensione dei muscoli addominali. Durante questo periodo, si forma una cicatrice, con cui sono collegate le limitazioni.

Video: riabilitazione dopo colecistectomia

Possibili complicazioni

Colecistectomia di solito prende in tutta sicurezza, ma ancora può essere alcune complicazioni, in particolare nei pazienti anziani, in presenza di una grave comorbidità, con forme complesse di lesioni delle vie biliari.

Tra le conseguenze:

  • Suppurazione della sutura postoperatoria;
  • Sanguinamento e ascessi nell'addome (molto rari);
  • Flusso biliare;
  • Danno al dotto biliare durante l'intervento chirurgico;
  • Reazioni allergiche;
  • Complicanze tromboemboliche;
  • Esacerbazione di altra patologia cronica.

Una possibile conseguenza di interventi aperti è spesso il processo di adesione, specialmente con forme comuni di infiammazione, colecistite acuta e colangite.

Il feedback dei pazienti dipende dal tipo di intervento che hanno eseguito. La migliore esperienza, naturalmente, lascia una colecistectomia laparoscopica, quando il giorno dopo della chirurgia il paziente si sente bene, è attivo e pronto per essere scaricato. Un periodo post-operatorio più complicato e un trauma più grave nell'operazione classica causano un disagio più serio, quindi questa operazione è spaventosa per molti.

Colecistectomia urgente, salva-vita è libero, a prescindere dal luogo di residenza, la solvibilità e la cittadinanza pazienti. Il desiderio di rimuovere la tassa della colecisti può richiedere un certo costo. Il costo della colecistectomia laparoscopica varia tra 50-70 mila rubli, la rimozione di una bolla da mini-accesso costerà circa 50.000 nei centri medici privati, negli ospedali pubblici, è possibile "incontrarsi" in 25-30 mila, a seconda della complessità dell'intervento e delle indagini necessarie.