Quali conseguenze possono essere dopo un'operazione per rimuovere il pancreas

Il pancreas consiste di cellule ghiandolari. Alcuni di loro si collegano ai dotti e producono un ricco di enzimi segreti, altri secernono il loro segreto - ormoni - direttamente nel sangue. Delle cellule ghiandolari di questo organo si possono formare tumori benigni e maligni; a causa dell'infiammazione, in essa si formano delle cavità - cisti e ascessi; nei suoi condotti si formano le pietre. Tutte queste condizioni sono trattate operativamente.

In questo articolo considereremo le conseguenze della chirurgia sul pancreas, poiché l'organo è presente nel corpo al singolare ed è molto specifico.

Indicazioni per l'intervento chirurgico

loading...

Le operazioni sul pancreas sono effettuate a:

  • trauma d'organo;
  • alcune malformazioni;
  • cisti;
  • pancronecrosi, quando il trattamento conservativo non produce un effetto;
  • tumori, incluso metastatico;
  • ascessi;
  • fistole;
  • pietre in-flusso, che portano al loro blocco;
  • peritonite causata da infiammazione della ghiandola;
  • sanguinamento dai vasi sanguigni del corpo.

Tipi di operazioni sul ferro

loading...

Con le patologie del pancreas, vengono eseguiti vari tipi di interventi chirurgici, a seconda della natura della malattia e delle condizioni del paziente:

  1. Quando la ghiandola viene traumatizzata, la sacca della ghiandola viene aperta, il sangue rimosso, il tessuto schiacciato e la secrezione della ghiandola secreta. Quindi il tessuto viene suturato, i vasi sanguinanti vengono fasciati. Fuori dalla ghiandola, il drenaggio viene drenato verso l'esterno.
  2. Se c'è una rottura completa dell'organo o del suo condotto principale, viene cucita o, a seconda della situazione, viene creato un messaggio artificiale (anastomosi) tra la ghiandola e il digiuno. La sacca di omento è drenata.
  3. Grosse pietre vengono rimosse dopo la dissezione di una parte della ghiandola, quindi il condotto viene drenato e l'organo viene suturato.
  4. Se ci sono molte pietre nei dotti, e inoltre ci sono molti restringimenti cicatriziali dei dotti, le pietre vengono rimosse, il restringimento è sezionato, dopo di che viene posta una anastomosi tra la ghiandola e il digiuno.
  5. Quando la cisti viene formata, viene rimossa, spesso insieme a un sito di tessuto pancreatico. È anche possibile condurre il drenaggio dal lume della cisti allo stomaco, quindi, dopo essere stato rilasciato dal contenuto, si cicatrerà da solo.
  6. Se viene rilevato un percorso patologico che collega il pancreas con organi interni o emergenti verso l'esterno, esso viene o escisso ed escreto da un drenaggio temporaneo esterno o forma una connessione artificiale tra la ghiandola e l'intestino.


Se il tessuto dell'organo è danneggiato in modo significativo, la medicina moderna ha imparato a rispondere affermativamente alla domanda se sia possibile rimuovere il pancreas. Nel mondo ci sono diverse decine di migliaia di operazioni eseguite con successo sulla pancreatectomia.

Attenzione! Le persone con la ghiandola estratta continuano a vivere, ma hanno sempre bisogno di aderire a una dieta rigorosa e, sotto il controllo di alcuni test, assumono costantemente la terapia sostitutiva.

Quando è necessaria una rimozione del pancreas

Prelievo di un organo - un passo estremo, alla quale i chirurghi sono stringenti indicazioni per tale intervento è molto difficile, traumatica ed è accompagnata da un alto tasso di mortalità. Questo è dovuto alla particolarità del corpo: enzimi prodotti in esso, se entra nel sangue provoca uno shock lampo, e nel caso del tessuto circostante li digerire.

Le ragioni per rimuovere il pancreas sono le seguenti:

  1. Trauma con danni alla maggior parte delle parti del corpo;
  2. Cancro del pancreas;
  3. Necrosi pancreatica

Il pancreas può essere rimosso in due modi:

  1. Se il tumore si trova più vicino alla testa della ghiandola, eseguito un intervento chirurgico Whipple: rimossa la testa e parte del duodeno, spesso - con una porzione dello stomaco, cistifellea e vie biliari, linfonodi. Le connessioni del corpo pancreatico si formano con lo stomaco e parte dell'intestino tenue. I drenaggi vengono posizionati, la cavità addominale viene suturata.
  2. Se il tumore prende la localizzazione vicino alla coda della ghiandola, viene rimossa la parte del corpo della ghiandola, della coda, della milza e dei suoi vasi.

Dopo la pancreatectomia

loading...

La prognosi dopo la rimozione del pancreas è ambigua. Include lo sviluppo di complicazioni così precoci come:

  • sanguinamento;
  • danno ai nervi o ai vasi che si trovano vicino al pancreas;
  • complicanze infettive;
  • pancreatite postoperatoria.

C'è una possibilità molto alta che nel periodo postoperatorio ci sarà una carenza nella produzione di entrambi gli enzimi e gli ormoni della ghiandola. Pertanto, per mantenere una qualità della vita sufficiente, oltre alla terapia sostitutiva con preparati enzimatici e insulina o glucagone, è necessario seguire una dieta dopo la rimozione del pancreas.

  1. Tre giorni dopo l'intervento, il paziente mangia e riceve fluido solo attraverso la vena. È permesso bere solo acqua senza gas a piccoli sorsi, fino a un litro al giorno.
  2. Il quarto giorno, un debole tè senza zucchero viene introdotto nella dieta, nel giorno si possono mangiare 1-2 briciole di pane bianco.
  3. Un po 'più tardi, è permesso mangiare zuppa grattugiata con una piccola quantità di sale, cracker, frittata di vapore.
  4. Più tardi, l'espansione della dieta si verifica a causa di riso e farina di grano saraceno, cotto su acqua o brodo vegetale. Puoi mangiare pane bianco.
  5. Dal settimo giorno, purè di patate, zuppe, carne al vapore e pesce sotto forma di soufflé.
  6. Dal nono al decimo giorno, la dieta viene ampliata con "grandi passi". Ma manca ancora di cibi fritti, grassi, carne affumicata, pesce grasso e carne.

Suggerimento: Rompere la dieta prescritta da un medico è pericoloso. Espandilo solo dopo una consultazione preliminare con lo specialista operativo.

Ma forse è più corretto trattare non una conseguenza, ma una ragione?

Raccomandiamo di leggere la storia di Olga Kirovtseva, di come ha curato lo stomaco. Leggi l'articolo >>

Operazioni sul pancreas: indicazioni, specie, prognosi

loading...

Il pancreas è un organo unico in quanto è sia una ghiandola di secrezione esterna che interna. Produce enzimi che sono necessari per la digestione e immettere i dotti escretori nell'intestino, così come gli ormoni che entrano direttamente nel sangue.

Il pancreas si trova nel piano superiore della cavità addominale, direttamente dietro lo stomaco, retroperitoneale, abbastanza profondo. Condizionato in tre parti: testa, corpo e coda. Appartiene a molti organi importanti: la testa circonda il duodeno, la sua superficie posteriore è strettamente attaccata al rene destro, adrenale, aorta, vene cave superiori e inferiori, molti altri vasi importanti, la milza.

struttura pancreatica

Il pancreas è un organo unico non solo in termini di funzionalità, ma anche in termini di struttura e posizione. È un organo parenchimale costituito da un tessuto connettivo e ghiandolare, con una fitta rete di condotti e vasi.

Inoltre, possiamo dire che questo corpo è poco conosciuto in termini di eziologia, patogenesi e, di conseguenza, il trattamento delle malattie che lo riguardano (in particolare pancreatite acuta e cronica). I medici sono sempre diffidenti nei confronti di questi pazienti, poiché il decorso delle patologie pancreatiche non può mai essere previsto.

Una tale struttura di questo corpo, così come la sua posizione scomoda, lo rendono estremamente scomodo per i chirurghi. Qualsiasi intervento in quest'area è irto dello sviluppo di molte complicazioni - sanguinamento, suppurazione, recidiva, uscita di enzimi aggressivi oltre il corpo e fusione dei tessuti circostanti. Pertanto, possiamo dire che il pancreas è operato solo per indicazioni vitali - quando è chiaro che nessun altro metodo può alleviare le condizioni del paziente o impedirne la morte.

Indicazione per intervento chirurgico

loading...
  • Infiammazione acuta con necrosi pancreatica e peritonite.
  • Pancreatite necrotica con suppurazione (indicazione assoluta per un'operazione di emergenza).
  • Ascessi.
  • Lesioni con sanguinamento.
  • Tumori.
  • Cisti e pseudocisti, che sono accompagnate da dolore e compromissione del deflusso.
  • Pancreatite cronica con sindrome da dolore grave

Tipi di operazioni sul pancreas

loading...
  1. Necrectomia (rimozione del tessuto morto).
  2. Resezione (rimozione di parte dell'organo). Se è necessario rimuovere la testa, viene eseguita la resezione pancreatoduodenale. Quando la coda e il corpo sono interessati, si verifica la resezione distale.
  3. Pancreatectomia totale
  4. Drenaggio di ascessi e cisti.

Operazioni con pancreatite affilata

Va detto che non ci sono singoli criteri per le indicazioni per la chirurgia per pancreatite acuta. Ma ci sono diverse terribili complicazioni, dove i chirurghi sono unanimi nell'opinione: la non interferenza porterà inevitabilmente alla morte del paziente. All'intervento chirurgico fatto ricorso a:

  • Pancreonecrosi infetta (fusione purulenta dei tessuti della ghiandola).
  • Inefficacia del trattamento conservativo per due giorni.
  • Ascessi del pancreas.
  • Peritonite purulenta.

La suppurazione della necrosi pancreatica è la complicazione più formidabile della pancreatite acuta. Con la pancreatite necrotica si verifica nel 70% dei casi. Senza un trattamento radicale (operazione), la mortalità si avvicina al 100%.

L'operazione con necrosi pancreatica infetta è una laparotomia aperta, una necrectomia (rimozione del tessuto morto), il drenaggio del letto postoperatorio. Di norma, molto spesso (nel 40% dei casi) è necessario ripetere laparotomia dopo un certo periodo di tempo per rimuovere i tessuti necrotici riformati. A volte per questo scopo la cavità addominale non viene suturata (lasciata aperta), con il rischio di sanguinamento il posto di rimozione della necrosi viene temporaneamente tamponato.

Tuttavia, recentemente, l'operazione di scelta per questa complicanza è la necrotomia combinata con un intenso lavaggio postoperatorio: Dopo la rimozione dei tessuti necrotici nel campo postoperatorio, i tubi di drenaggio in silicone vengono lasciati attraverso il lavaggio intensivo con antisettici e soluzioni di antibiotici, con aspirazione attiva simultanea (aspirazione).

Se la causa della pancreatite acuta è la colelitiasi, allo stesso tempo colecistectomia (rimozione della cistifellea).

a sinistra: colecistectomia laparoscopica, a destra: colecistectomia aperta

I metodi minimamente invasivi, come la chirurgia laparoscopica, non sono raccomandati per la necrosi pancreatica. Può essere eseguito solo come misura temporanea in pazienti molto gravi per ridurre il gonfiore.

Ascessi pancreatici sorgere su uno sfondo di necrosi limitata dopo l'infezione o nel periodo a lungo termine quando supponendo pseudocisti.

L'obiettivo del trattamento, come ogni ascesso, è l'apertura e il drenaggio. L'operazione può essere eseguita in diversi modi:

  1. Metodo aperto La laparotomia viene eseguita, un ascesso viene aperto e la cavità viene drenata fino alla completa pulizia.
  2. Drenaggio laparoscopico: sotto il controllo del laparoscopio, si apre l'ascesso, si eliminano i tessuti non vitali e si impostano i canali di drenaggio, oltre che con un'ampia necrosi pancreatica.
  3. Drenaggio interno: l'apertura dell'ascesso avviene attraverso la parete posteriore dello stomaco. Tale operazione può essere eseguita sia per laparotomia, sia per via laparoscopica. Il risultato - l'uscita del contenuto dell'ascesso avviene attraverso la fistola artificiale formata nello stomaco. La cisti viene gradualmente cancellata, l'apertura fistolosa viene stretta.

Operazioni con pseudocisti del pancreas

Le pseudocisti nel pancreas si formano dopo la risoluzione di un processo infiammatorio acuto. La pseudocisti è una cavità senza guscio formato, pieno di succo pancreatico.

Le pseudocisti possono essere abbastanza grandi (più di 5 cm di diametro), pericolose perché:

  • Possono spremere i tessuti circostanti, i dotti.
  • Provoca dolore cronico.
  • Possibile suppurazione e formazione di un ascesso.
  • Il contenuto di una cisti contenente enzimi digestivi aggressivi può causare erosione vascolare e sanguinamento.
  • Infine, la cisti può penetrare nella cavità addominale.

Tali cisti di grandi dimensioni, accompagnate da dolore o costrizione dei dotti, sono soggette a pronta rimozione o drenaggio. I principali tipi di operazioni con pseudo-cisti:

  1. Drenaggio transdermico esterno della cisti.
  2. Escissione della cisti.
  3. Drenaggio interno Il principio è la creazione di una cisti di anastomosi con un ciclo di stomaco o intestino.

Resezione del pancreas

La resezione è la rimozione di una parte dell'organo. La resezione del pancreas è più spesso causata da una lesione del pancreas, con trauma, meno frequente - con pancreatite cronica.

A causa delle caratteristiche anatomiche dell'erogazione del sangue pancreatico, è possibile rimuovere una delle due parti:

  • La testa insieme al duodeno (poiché hanno un apporto di sangue comune).
  • Sezione distale (corpo e coda).

Resezione pancreatoduodenale

Un'operazione abbastanza comune e ben consolidata (operazione di Whipple). Questa rimozione della testa del pancreas insieme con l'involucro del duodeno, cistifellea e parte dello stomaco, così come i linfonodi adiacenti. È prodotto più spesso con tumori situati nella testa del pancreas, cancro della papilla faringea e anche in alcuni casi con pancreatite cronica.

Oltre a rimuovere l'organo interessato insieme ai tessuti circostanti, un passo molto importante è la ricostruzione e la formazione del deflusso biliare e delle secrezioni pancreatiche dal moncone del pancreas. Questo reparto del tubo digerente viene ricomposto. Sono state create diverse anastomosi:

  1. Dipartimento di uscita dello stomaco con digiuno.
  2. Un protocollo di ceppo di un pancreas con un cappio di un intestino.
  3. Dotto biliare comune con intestino.

Esiste una tecnica per il ritiro del dotto pancreatico non nell'intestino, ma nello stomaco (pancreatogastroanastomosi).

Resezione distale del pancreas

Eseguita con tumori del corpo o della coda. Va detto che i tumori maligni di questa localizzazione sono quasi sempre inutilizzabili, poiché germinano rapidamente nei vasi dell'intestino. Pertanto, molto spesso tale operazione viene eseguita con tumori benigni. La resezione distale viene di solito eseguita insieme alla rimozione della milza. La resezione distale è più associata allo sviluppo del diabete nel periodo postoperatorio.

Resezione distale del pancreas (rimozione della coda del pancreas insieme alla milza)

A volte il volume dell'operazione non può essere previsto in anticipo. Se l'esame rivela che il tumore è molto diffuso, è possibile la completa rimozione dell'organo. Tale operazione è chiamata pancreatectomia totale.

Chirurgia per pancreatite cronica

La chirurgia per la pancreatite cronica viene eseguita solo come metodo per alleviare le condizioni del paziente.

  • Drenaggio dei condotti (con pronunciata alterata duttilità, si crea una anastomosi con il digiuno).
  • Resezione e drenaggio delle cisti.
  • Resezione della testa con ittero meccanico o stenosi del duodeno.
  • Pancreatectomia (con una sindrome del dolore persistente pronunciata, ittero meccanico) con danno d'organo totale.
  • Se ci sono pietre nei dotti pancreatici, impedendo deflusso o secrezione causando forti dolori possono effettuare operazioni virsungotomii (incisione condotto e rimozione pietra) o sopra l'ostruzione del condotto di scarico (pankreatoeyunoanastomoz).

Periodi preoperatori e postoperatori

loading...

Prepararsi a un'operazione sul pancreas non è molto diverso dalla preparazione per altre operazioni. La peculiarità consiste nel fatto che le operazioni sul pancreas si svolgono principalmente per motivi di salute, è solo nei casi in cui il rischio di interferenze è molto maggiore del rischio dell'operazione stessa. Pertanto, una condizione molto grave del paziente è una controindicazione per tali operazioni. Le operazioni sul pancreas vengono eseguite solo in anestesia generale.

Dopo l'intervento chirurgico sul pancreas primi giorni tenutasi nutrizione parenterale (soluzioni nutritive vengono somministrati per via endovenosa nel sangue) o durante il funzionamento viene impostata sonda intestinale e miscela nutritiva speciale una volta introdotte attraverso di esso nell'intestino.

In tre giorni è possibile prima bere, poi strofinare cibo semi-liquido senza sale e zucchero.

Complicazioni dopo le operazioni sul pancreas

  1. Complicazioni infiammatorie purulente - pancreatite, peritonite, ascessi, sepsi.
  2. Bleeding.
  3. Insufficienza di anastomosi.
  4. Diabete mellito.
  5. Disturbi della digestione e assorbimento del cibo - sindrome da malassorbimento.

Vita dopo resezione o rimozione del pancreas

loading...

Il pancreas, come già accennato, è un organo molto importante e unico per il nostro corpo. Produce un numero di enzimi digestivi, oltre che solo Il pancreas produce ormoni che regolano il metabolismo dei carboidrati: insulina e glucagone.

Tuttavia, va notato che entrambe le funzioni di questo corpo possono essere compensate con successo mediante terapia sostitutiva. Una persona non può sopravvivere, per esempio, senza un fegato, ma senza un pancreas con il giusto stile di vita e un trattamento adeguatamente selezionato, può vivere abbastanza per molti anni.

Quali sono le regole della vita dopo le operazioni sul pancreas (specialmente per quanto riguarda la resezione di una parte o di tutto l'organo)?

  • Rigorosa aderenza alla dieta fino alla fine della vita. Mangi i piccoli pasti 5-6 volte al giorno. Il cibo dovrebbe essere facilmente digeribile con un contenuto di grassi minimo.
  • Eliminazione assoluta di alcol.
  • L'assunzione di preparati enzimatici nel rivestimento enterico, prescritto da un medico.
  • Auto-monitoraggio della glicemia. Lo sviluppo del diabete mellito con resezione del pancreas non è necessariamente una complicazione. Secondo varie fonti, si sviluppa nel 50% dei casi.
  • Quando si stabilisce la diagnosi di diabete mellito - terapia insulinica secondo gli schemi prescritti dall'endocrinologo.

Di solito nei primi mesi dopo l'operazione il corpo si adatta:

  1. Il paziente, di regola, perde peso.
  2. C'è disagio, pesantezza e dolore allo stomaco dopo aver mangiato.
  3. C'è una frequente perdita di feci (di solito dopo ogni pasto).
  4. Vi è debolezza, malessere, sintomi di beri-beri dovuti ad alterazioni dell'assorbimento e restrizioni nella dieta.
  5. Quando si prescrive la terapia insulinica per la prima volta, sono possibili condizioni ipoglicemiche frequenti (pertanto, si raccomanda di mantenere il livello dello zucchero al di sopra dei valori normali).

Ma gradualmente il corpo si adatta alle nuove condizioni, il paziente impara anche l'autoregolazione e la vita alla fine entra in un solco normale.

Tutto sulle ghiandole
e sistema ormonale

loading...

Indicazioni per il funzionamento sul pancreas

loading...

La necessità di un intervento chirurgico sul pancreas si pone solo nei casi in cui altri metodi di cura della malattia non sono possibili e quando vi è una minaccia per la vita del paziente. Dal punto di vista della chirurgia, il ferro è un organo molto delicato e "stravagante" con un tenero parenchima, una moltitudine di vasi sanguigni, nervi e dotti escretori. Inoltre, si trova in prossimità di grandi vasi (aorta, vena cava inferiore).

Tutto ciò crea un'alta probabilità di complicazioni, richiede al chirurgo una grande abilità ed esperienza, nonché un approccio rigoroso per determinare le indicazioni.

Il pancreas ha una struttura complessa ed è adiacente ai vasi più grandi che si estendono direttamente dall'aorta

Quando si esegue l'operazione sul pancreas? È necessario quando le seguenti malattie non lasciano un'altra scelta:

  1. Pancreatite acuta con gonfiore progressivo della ghiandola, non suscettibile di trattamento conservativo.
  2. Pancreatite complicata (necrosi emorragica, pancreatica, ascesso ghiandolare).
  3. Pancreatite cronica con grave atrofia, fibrosi ghiandolare, deformità e restringimento dei dotti.
  4. Pietre nei dotti della ghiandola.
  5. Cisti e tumori benigni.
  6. Tumori maligni
  7. Fistola della ghiandola.

Importante! Se ci sono indicazioni per l'operazione, allora non c'è altra scelta. Non perdere tempo, può portare a gravi complicazioni della malattia.

Tipi di operazioni per volume di intervento

loading...

Tutta la varietà di operazioni sul pancreas è divisa in gruppi, a seconda dell'ambito e delle modalità di intervento. Per volume, possono essere conservanti per l'organo o con la rimozione della ghiandola o parte di esso.

Operazioni di salvataggio degli organi

Questo intervento, che non viene rimosso durante tessuto mammario ed eseguito apertura e drenaggio di un ascesso, ematoma, dissezione della capsula quando espresso ghiandola prostatica edema sutura del tessuto danneggiato, drenante omento nella pancreatite acuta per fuoriuscita di fluido.

Operazione di risparmio di organi di drenaggio della cisti

Operazioni con la rimozione del parenchima della ghiandola

Questi interventi sono divisi in 2 gruppi:

  • resezione - rimozione del sito della ghiandola;
  • pancreatectomia - completa rimozione della ghiandola.

La resezione può essere eseguita in vari reparti in cui vi è un tumore, cisti, un sito di necrosi (necrosi del tessuto): nella regione della coda, del corpo o della testa della ghiandola.

Resezione della coda della ghiandola con una milza per un tumore

L'operazione più difficile in questo gruppo è la resezione pancreatico-duodenale: rimozione della testa della ghiandola, del duodeno, della cistifellea, della parte dello stomaco. Viene eseguito con un tumore maligno della testa e comporta la rimozione di organi adiacenti. L'operazione è molto traumatica, ha un'alta percentuale di morti e complicanze.

Per la resezione della testa viene applicata l'operazione di Freya sul pancreas, con la conservazione del duodeno. È meno traumatico, viene mostrato i cambiamenti espressi nella testa con pancreatite, ostruzione del dotto pancreatico. Dopo la rimozione della testa è tagliata lungo il dotto pancreatico e suturato all'anello del piccolo intestino, crea un ampio anastomosi tra l'intestino e per l'ammissione libera del succo pancreatico nell'intestino.

L'operazione di Frey - la resezione della testa con drenaggio del condotto della ghiandola

La rimozione completa della ghiandola o pancreatectomia viene eseguita con necrosi pancreatica totale, gravi lesioni con schiacciamento della ghiandola, cisti multiple, ampio tumore maligno.

Tecnologia operativa

loading...

A seconda della tecnologia dell'operazione sul pancreas ci sono 3 tipi:

Operazioni aperte

Questi sono interventi tradizionali con una grande incisione della pelle addominale che fornisce un buon accesso all'organo. Oggi vengono eseguiti sempre meno spesso a causa della comparsa di nuove tecnologie più parsimoniose.

Operazioni mini-invasive

Queste sono operazioni laparoscopiche sul pancreas, eseguite da diverse piccole incisioni sulla pelle dell'addome. Attraverso di loro, vengono introdotti un video-laparoscopio e strumenti speciali. Il chirurgo controlla lo stato di avanzamento dell'operazione sullo schermo. Dopo tali interventi, la riabilitazione è molto più breve e la durata della degenza in ospedale si riduce a diversi giorni.

Laparoscopia del pancreas

Operazioni senza sangue

Sono usati principalmente per rimuovere i tumori della ghiandola. Questi includono la radiochirurgia - rimozione mediante irradiazione potente direzionale (cyber-coltello), criochirurgia - congelamento del tumore, ultrasuoni focalizzati, chirurgia laser. Se il cyber-coltello non richiede alcun contatto con il corpo, le altre tecnologie vengono eseguite attraverso una sonda inserita nel 12-colon.

È importante Dove operano professionalmente sul pancreas? In reparti specializzati di chirurgia addominale, e in grandi cliniche ci sono unità di chirurgia della ghiandola.

Trapianto della ghiandola

loading...

L'operazione di trapianto di pancreas o è molto complicato ed è effettuata principalmente nelle forme gravi di diabete - trapiantate sezione di coda o cellule insulari beta impiantate. Completamente il trapianto di organi è abbastanza raro, principalmente con patologia congenita o dopo la completa rimozione della ghiandola, se c'è una tale opportunità.

In generale, le indicazioni per il trapianto sono contraddittorie in termini di giustificazione del suo rischio, poiché l'assenza della ghiandola può essere sostituita con i preparati enzimatici.

Trapianto di cellule beta: cellule del donatore insulare isolotto vengono iniettate con una siringa nella vena porta del fegato

Dopo l'operazione: complicazioni, conseguenze, prognosi

loading...

Dopo l'operazione sul pancreas, la prognosi dipende dal decorso postoperatorio, dalla qualità della riabilitazione, dallo sviluppo delle complicanze e non sono infrequenti. Tra le complicazioni più comuni ci sono:

  1. Emorragia intraperitoneale
  2. Trombosi e tromboembolia.
  3. Infezione, sviluppo di ascessi, peritonite.
  4. Formazione di fistola pancreatica.

Quasi sempre l'inevitabile conseguenza di un'operazione sul pancreas è la carenza di enzimi e disturbi digestivi e, con la resezione della coda, si sviluppa il diabete mellito. Questi fenomeni possono essere compensati con la nomina di farmaci sostitutivi enzimatici e agenti ipoglicemici.

In ogni caso, la vita dopo l'intervento chirurgico sul pancreas varia e richiede una revisione. Prima di tutto, è necessario separarsi da cattive abitudini e attenersi rigorosamente alla dieta: escludere alcol, cibi grassi e speziati, dolciumi.

Cosa può essere dopo l'operazione sul pancreas? La dieta dovrebbe includere una quantità sufficiente di proteine ​​(carne magra, pesce, fiocchi di latte), fibre e vitamine: cereali, verdure, frutta, erbe, tè dalle erbe medicinali. Il cibo dovrebbe essere assunto almeno 5 volte al giorno in piccole porzioni.

Importante! La mancata osservanza di una dieta dopo l'intervento può negare i suoi risultati e causare danni irreparabili alla salute.

Dei prodotti utili per il pancreas, puoi fare un menù vario e completo

È anche necessario condurre uno stile di vita sano, combinare l'attività motoria con un riposo adeguato ed essere osservato regolarmente da un medico.

Gli interventi chirurgici sul pancreas sono complessi, richiedono un'elevata qualificazione dello specialista e condizioni appropriate nella clinica. Il loro esito dipende in larga misura anche dal paziente stesso, dall'osservanza della prescrizione del medico e dal rispetto della dieta.

Operazione per rimuovere il pancreas

loading...

Il pancreas svolge la funzione più importante per l'industria alimentare: rilascia enzimi digestivi.

Il pancreas svolge la funzione più importante per l'industria alimentare: rilascia enzimi digestivi.

Inoltre, il pancreas produce un ormone insulina, che regola il livello di zucchero nel sangue. Le violazioni nel lavoro di questo corpo portano allo sviluppo del diabete mellito, al malfunzionamento dell'apparato digerente e persino al malfunzionamento di numerosi organi addominali. A volte, con grave compromissione delle funzioni pancreatiche che possono svilupparsi a causa dell'eccessivo consumo di alcol, fumo e consumo di grandi quantità di cibi grassi, l'intervento chirurgico è prescritto per rimuovere completamente o parzialmente questo organo.

Effettuare un'operazione per rimuovere il pancreas

loading...

L'operazione per rimuovere il pancreas è chiamata pancreatectomia e viene prescritta principalmente come trattamento per il cancro di questo organo.

Le operazioni di tale piano sono estremamente rare e solo se il trattamento senza intervento chirurgico non ha dato risultati positivi.

La rimozione parziale del pancreas è prescritta con tali diagnosi:

  • pseudocisti, fistole, gonfiore;
  • la presenza di neoplasie maligne;
  • grave trauma alla ghiandola;
  • cambiamenti irreversibili nella struttura dei tessuti dell'organo;
  • esacerbazione della pancreatite cronica.

In alcuni casi, viene prescritta una rimozione completa del pancreas. Le ragioni di questa decisione possono essere sia tumori maligni, sia altre manifestazioni di cancro di questo organo.

In alcuni casi, viene prescritta una rimozione completa del pancreas. Le ragioni di questa decisione possono essere sia tumori maligni, sia altre manifestazioni di cancro di questo organo.

Prima di un intervento chirurgico su consiglio di un medico, può essere prescritto un ciclo di chemioterapia e radioterapia aggiuntiva. Questo è necessario per garantire che prima dell'operazione la dimensione del tumore fosse ridotta al minimo il più possibile. Le procedure di preparazione comprendono esami medici visivi, prelievi e analisi del sangue, studio della diffusione del cancro con immagini ad ultrasuoni, puntura del pancreas. Se il paziente sta assumendo farmaci, quindi una settimana prima dell'operazione, si dovrebbe escludere da questo elenco tali gruppi di farmaci:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei;
  • fluidificanti del sangue;
  • antiaggregante.

I preparativi di queste categorie possono provocare complicazioni durante e dopo l'operazione. Per il pronto intervento di un tale piano, viene prescritta l'anestesia generale, con l'aiuto del quale il paziente viene iniettato negli stati di sonno, bloccando le sensazioni del dolore. Iniettabile nelle vene delle mani o delle mani.

Praticare la rimozione completa o parziale del pancreas. Le operazioni per la rimozione del pancreas possono durare da 4 a 8 ore e dipendono dalle dimensioni del lobo rimosso.

Questo tipo di operazione viene eseguita secondo lo schema seguente. Per fornire un migliore accesso al pancreas, utilizzare un'incisione trasversale superiore, che viene utilizzata per eseguire l'autopsia della cavità addominale. Tale taglio fornirà un numero molto minore di possibili complicanze nel periodo postoperatorio rispetto all'incisione longitudinale più frequentemente utilizzata sotto forma di un T. invertito. Dopo l'apertura, il pancreas dovrebbe essere isolato. Ciò è ottenuto attraverso la dissezione dei legamenti e degli schizzi intestinali, nonché l'applicazione delle legature alle navi vicine. Dopo questo, il pancreas può essere rimosso. Il taglio deve essere chiuso usando cuciture o punti metallici. Nella maggior parte dei casi, un tubo di drenaggio è posto nella cavità addominale, che fornirà un deflusso di liquido che può accumularsi nel sito di chirurgia. Se è necessario fornire nutrizione enterale, un altro tubo viene ritirato verso l'esterno. È necessario per la produzione di tale cibo.

In alcuni casi, non è completo, ma viene prescritta una rimozione parziale del pancreas.

Con varie diagnosi, alcune parti di questo organo vengono rimosse. Nella maggior parte dei casi, le operazioni più frequenti sono la rimozione della testa o della coda del pancreas. Quando si rimuove la testa, viene eseguita la cosiddetta procedura Whipple. Questa procedura ha due fasi principali.

Il primo è quello di rimuovere la parte in cui la patologia è localizzata, e al secondo stadio vengono effettuate manipolazioni per ripristinare il canale digestivo, la cistifellea e i suoi dotti.

In questo caso, viene anche indicata l'anestesia generale. Per fornire l'accesso al pancreas, vengono effettuate diverse piccole incisioni attraverso le quali l'organo viene esaminato utilizzando un apparato chiamato laparoscopio. Dopo questo, è necessario chiudere e rimuovere i vasi attraverso i quali viene alimentata la ghiandola. In alcuni casi, anche gli organi vicini devono essere gestiti.

Al fine di ripristinare il sistema digestivo, il corpo della ghiandola si connette allo stomaco e alla parte centrale dell'intestino tenue. Questo tipo di operazione spesso comporta un livello inadeguato di produzione di enzimi digestivi. Nel caso in cui i tumori si trovano sulla coda del pancreas, viene eseguita un'operazione che viene chiamata pancreatomia parziale distrettuale. La coda della ghiandola viene rimossa e quindi suturata lungo la linea di taglio.

Complicazioni nel periodo postoperatorio

loading...

La pancreatectomia è un'operazione estremamente complessa e pericolosa che può portare a una serie di gravi complicazioni, inclusa la morte.

Le principali complicazioni possibili e spesso riscontrate includono:

  • sanguinamento pesante;
  • diffusione dell'infezione;
  • reazione negativa del paziente all'anestesia;
  • penetrazione del succo pancreatico dal pancreas nella cavità addominale;
  • danno agli organi addominali vicini.

Ci sono una serie di fattori che possono provocare complicazioni o aggravarle.
Includono:

  • l'obesità;
  • fumo di tabacco;
  • una certa categoria di età - persone di età avanzata;
  • cibo di scarsa qualità;
  • presenza di alcune malattie cardiache e polmonari.

Eccesso di peso e malnutrizione sono fattori che possono scatenare complicazioni dopo l'intervento chirurgico.

Periodo postoperatorio

loading...

Immediatamente dopo il completamento dell'operazione, il paziente viene inviato ad un reparto speciale dove verrà osservato un certo periodo di tempo fino al momento del recupero. Di solito la previsione di questo periodo dura da 5 a 20 giorni. Se ci sono conseguenze di qualsiasi tipo, il periodo di degenza in ospedale può essere esteso a discrezione del medico curante.

Se la sindrome del dolore persiste dopo la fine dell'anestesia, viene ridotta mediante l'uso di antidolorifici.

I sintomi del cancro del pancreas

Come vivere ulteriormente. Cancro del pancreas. Salute. (2015/12/13)

La vita dopo l'intervento chirurgico sul pancreas: che tipo di conseguenze?

loading...

Il Grande Pirogov una volta disse: "L'operazione è una vergogna per la medicina". Questo dovrebbe essere aggiunto - e anche per il paziente.

La nostra riluttanza costante per trattare i disturbi che iniziano, l'aspettativa che si avrà luogo a tempo debito, negligenza le norme elementari di comportamenti sani ci portano al tavolo operatorio. Assolutamente inaspettato

Qualsiasi operazione è un enorme stress per il corpo. Le operazioni sul pancreas nel 25% dei casi portano alla morte e al 100% alla disabilità. L'aspettativa di vita dei pazienti dopo l'intervento è bassa.

Tipi di interventi chirurgici sul pancreas

loading...

Oggi, sul pancreas, le operazioni vengono eseguite con i seguenti metodi:

  • Sutura. Questo metodo è usato nei casi in cui ci sono piccole lesioni ai bordi dell'organo che non disturbano l'integrità dell'organo.
  • Necrosectomia. Questo metodo è utilizzato in presenza di un'infiammazione purulenta estesa, che colpisce gli organi vicini.
  • La cistoenterostomia viene assegnata in presenza di pseudocisti con assente insorgenza dei contenuti.
  • La marsunizzazione viene assegnata per rimuovere le pseudo-cisti con pareti sottili e non formate o se c'è una suppurazione del suo contenuto.
  • La sungoplastica transduodenale sphincterrovir è prescritta per il trattamento della stenosi.
  • Virsungoduodenostomiya. Questo metodo viene eseguito quando i condotti sono ostruiti.
  • Papillotomia. Usato per rimuovere tumori benigni o tumori maligni di piccole dimensioni.
  • Pancreatute solostomia longitudinale. Questo metodo viene eseguito nel caso di pancreatite istudarativa cronica, che si verifica con una violazione della pervietà dei dotti.
  • Resezione sul lato sinistro. Eseguita nel caso di lesioni focali del corpo o della coda del pancreas con una violazione della sua integrità.
  • Resezione pancreatoduodenale È prodotto con forti patologie distruttive della testa pancreatica e lo sviluppo di tumori.
  • Duodenopancreatectomia totale. Questa operazione è prescritta per molteplici rotture, tumori che hanno interessato tutta la ghiandola, in assenza di metastasi.
  • splanhnikektomiya lato sinistro con la resezione del nodo sinistro del plesso solare assegnato nella pancreatite cronica con dolore addominale e la ghiandola della fibrosi.
  • Planniknikectomi di lato destro. Lo scopo di questo metodo è di isolare il percorso di trasmissione dell'impulso del dolore dalla testa e dalle vie biliari della ghiandola.
  • Neurotomia postganglionica.

Ragioni per l'operazione

Durante l'operazione, sorgono molte difficoltà a causa della sua struttura, posizione e fisiologia.

La ghiandola è costituita da un tessuto ghiandolare e tenero. È molto difficile cucirlo, può essere danneggiato da un semplice tocco con il dito.

Questo organo spaiato, ghiandola situata vicino al rene, intorno sono vena cava, aorta addominale, arteria, dotto biliare, il duodeno Ha una tiratura totale. Spesso quando si rimuove parte della ghiandola, è necessario rimuovere il duodeno. Arrivare a questo organo senza danneggiare i tessuti circostanti è anche molto difficile.

A causa dell'alta attività degli enzimi, che il ferro produce, a scostamento dalla norma, gli enzimi possono digerire la ghiandola stessa, invece del cibo. Se l'enzima entra nel flusso sanguigno durante l'operazione, si verificherà uno shock immediato.

A causa delle peculiarità della struttura di questo organo nelle sue cellule, possono formarsi gonfiore, cisti, ascessi e pietre. Tutto questo può essere curato solo in modo operativo.

Le operazioni sul pancreas non sono comuni a causa della loro grande complessità e dell'elevato tasso di mortalità. Un numero limitato di motivi è indicativo della loro condotta:

  • necrosi pancreatica;
  • tumori, maligni e benigni;
  • trauma con danni alla maggioranza della ghiandola;
  • sviluppo di cisti;
  • malformazioni congenite;
  • peritonite;
  • pietre in condotti bloccati;
  • ascessi e fistole.

Le operazioni spesso si svolgono in più fasi, dal momento che è impossibile condurre l'intera quantità di lavoro in una sola volta.

Metodi di base delle operazioni

Il comportamento del pancreas nella sua malattia è imprevedibile, le cause di molte patologie pancreatiche non sono chiare. Per quanto riguarda il trattamento della maggior parte delle malattie, ci sono differenze significative.

Oggi è possibile un'operazione di trapianto di ghiandole, ma in media il paziente vivrà dopo questa operazione per circa tre anni. Il ferro non può tollerare una mancanza di flusso sanguigno più di mezz'ora. Quando si blocca può essere utilizzato, non più di cinque ore. Durante il trapianto, non viene posizionato al suo posto, ma nel peritoneo.

Il trapianto di pancreas è il metodo più inesplorato nel trapianto.

In connessione con le grandi difficoltà tecniche, il trapianto di ghiandole non è praticamente fatto. Sono in corso ricerche per nuovi metodi di conduzione di un'operazione e sono in corso studi nel settore della produzione di ghiandole artificiali.

Le ragioni per lo svolgimento delle operazioni sono diverse, i metodi per tenere anche un sacco di contenuti, non meno di quindici opzioni:

  • danno sutura al pancreas;
  • nevrektomiya;
  • tsistoenterostomiya;
  • cisti di marsigliizzazione;
  • resezione lato sinistro;
  • papillotomia e altri.

Le operazioni sono eseguite da chirurghi esperti nei casi più necessari.

recupero

La durata del trattamento del paziente dopo l'operazione dipende dallo stato della sua salute prima di lei e dal metodo chirurgico, scelto dal chirurgo.

Una malattia che ha richiesto un intervento chirurgico, dopo che continua ad influenzare il paziente, determina i metodi di attività preventiva e lo stile di vita del paziente.

Il restauro delle parti rimosse della ghiandola è impossibile, completamente non viene mai rimosso. Dopo l'intervento chirurgico, una persona soffre della mancanza di ormoni ed enzimi della parte rimossa della ghiandola, l'attività digestiva del corpo viene perturbata per sempre.

Durante il recupero da un'operazione sul pancreas, il paziente è nel reparto di riabilitazione dell'ospedale per un lungo periodo di tempo. Ci sono spesso varie complicanze postoperatorie:

  • peritonite;
  • sanguinamento;
  • complicazione del diabete mellito;
  • insufficienza renale;
  • insufficienza circolatoria.

Il recupero nel centro medico dura fino a due mesi in ospedale, il tratto digestivo deve adattarsi alle mutate condizioni di funzionamento.

Dopo l'intervento chirurgico, le persone vengono trasferite alla nutrizione artificiale per via endovenosa. La durata del periodo di nutrizione artificiale ha un effetto significativo sul recupero. Il cibo per via endovenosa viene somministrato per 5-10 giorni. Effettuare una tale dieta consente di minimizzare le complicazioni dopo l'intervento chirurgico.

I metodi postoperatori di riabilitazione del paziente includono le seguenti procedure:

  • alimentazione dietetica rigorosa;
  • esercizio regolare;
  • uso di insulina per regolare lo zucchero;
  • uso di enzimi per digerire il cibo.

È necessario monitorare costantemente le condizioni del paziente per prevenire possibili complicazioni.

Entro due settimane dalla dimissione dall'ospedale, si raccomanda al paziente riposo completo e riposo a letto.

Camminare, leggere libri e altri esercizi fisici fattibili si aggiungono al programma del paziente per il suo benessere, è assolutamente impossibile superarlo.

La strategia di trattamento è sviluppata dal medico curante dopo aver familiarizzato con la storia della malattia, confrontando le analisi prima e dopo l'operazione.

La dieta dovrebbe essere esclusa dal consumo di alcol, grassi, cibi piccanti e acidi.

Sebbene lo stato di salute dopo l'intervento chirurgico dipenda dal metodo utilizzato, la qualità del trattamento dopo di esso, ma la mortalità dopo l'intervento chirurgico rimane molto alta.

Rimozione del pancreas

L'intervento chirurgico per rimuovere il pancreas (pancreatectomia) è di solito prescritto nel trattamento del cancro. Durante l'operazione puoi rimuovere tutta la ghiandola o qualsiasi parte di essa. Inoltre, gli organi vicini possono essere rimossi, come ad esempio:

  • - la milza e la cistifellea;
  • - linfonodi;
  • - parte dell'intestino tenue o dello stomaco.

Prognosi postoperatoria

La prognosi dopo l'intervento chirurgico sul pancreas dipende da molti fattori:

  • - il metodo dell'operazione;
  • - qual era la condizione preoperatoria del paziente;
  • - qualità del dispensario e misure mediche;
  • - corretta alimentazione e aiuto attivo al paziente.

Rimozione di cisti, pancreatite acuta, pietre pancreatici e altre condizioni patologiche, per cui cessione effettuata intervento operativo, e che rimuove l'intero corpo o solo una parte dell'organo non cessa di alterare lo stato generale del paziente e la prognosi.

Ad esempio, un'operazione eseguita con il cancro minaccia lo sviluppo di ricadute. Per questo motivo, la prognosi di sopravvivenza dopo tale operazione non è molto alta. Oncologico, dopo l'intervento chirurgico, se si verificano sintomi spiacevoli, vengono nominati esami aggiuntivi speciali per determinare lo sviluppo di recidive cancerose e lo sviluppo di metastasi nel tempo.

La vita senza operazioni

Nella foresta oscura di un'area mal studiata e malata di malattie e operazioni sul pancreas c'è un raggio di speranza che ci viene dato dai medici naturopati.

Il leggendario nutrizionista Arnold Eret scrisse all'inizio del 20 ° secolo: "Tutte le malattie, senza eccezione, si verificano esclusivamente da cibi innaturali e da ogni grammo di eccesso di nutrizione". Pensa all'innaturalità del cibo all'inizio del XXI secolo.

Per sbarazzarsi della malattia, non è necessario essere un alimento crudo o un vegetariano, basta seguire i principi del cibo vivente che Eret ci ha detto nel libro con lo stesso nome.

Le persone cercano le cause delle malattie in qualsiasi cosa - in infezioni, improvvise infiammazioni degli organi, difetti alla nascita, ma non nel cibo. Pertanto, le cause di molte malattie oggi sono misteriose e inesplicabili. Leggi nell'enciclopedia medica le cause delle malattie - sono quasi sempre sconosciute.

L'abitudine è dieci volte più di quanto il corpo abbia bisogno, la maggior parte del cibo dannoso, giocando uno scherzo crudele con l'umanità.

Qualsiasi malattia indica la presenza di sostanze estranee, cioè scorie nel corpo umano. Liberarsene può essere semplice e difficile allo stesso tempo.

La semplicità sta nelle raccomandazioni ben note: ridurre drasticamente la quantità di cibo per purificare il corpo. Il cibo dovrebbe essere naturale e naturale. Gli esercizi fisici accelerano il processo di pulizia del corpo. I bagni solari sono molto utili per migliorare il corpo. I bagni d'aria non sono meno importanti dell'acqua, perché l'aria è più importante per il corpo del cibo.

La difficoltà sta nella riluttanza a cambiare la vita in meglio anche a causa della morte. E questa riluttanza è molto difficile da eliminare anche se c'è un grande desiderio. Provalo tu stesso

Dieta dopo interventi chirurgici sul pancreas

Un punto molto importante dopo l'intervento sul pancreas è la dieta, così come la nutrizione terapeutica. Dopo l'intervento, gli organi digestivi non possono funzionare al meglio. Con l'aiuto di una dieta, il carico su di loro diminuisce. Il menu di dieta e la sua durata sono nominati singolarmente dal dottore.

Di solito, con disturbi e patologie, i pazienti devono abbandonare tutti i prodotti che aumentano la produzione di enzimi che contribuiscono alla scissione del cibo. Dopo l'intervento chirurgico sul pancreas, la sua funzionalità dovrebbe essere compensata con preparazioni medicinali. Per normalizzare il livello di zucchero nel sangue, un medico può prescrivere iniezioni di insulina. Inoltre, i medici prescrivono spesso vitamina A, E, K, D e B12.

Gli alimenti salubri postoperatori sono solitamente costituiti dalle seguenti fasi:

1) Nutrizione artificiale:

- usando una sonda;

2) La forma naturale di nutrizione.

Dopo l'intervento chirurgico, la nutrizione artificiale ha un buon effetto.

La dietoterapia durante questo periodo comprende le seguenti fasi:

1 ° stadio. Solo nutrizione parenterale entro 7-12 giorni. La durata di questa fase dipende direttamente dalla complessità dell'operazione.

2 ° stadio. Questa fase è una transizione alla nutrizione naturale e qui si usa la nutrizione parziale parenterale.

Il terzo stadio. Al paziente viene prescritto cibo completamente naturale. È necessario molto lentamente aumentare il carico sugli organi digestivi dei pazienti:

- In primo luogo, per la prima settimana, ai pazienti viene prescritta la dieta n. 0;

- Dopo, per la seconda settimana, viene prescritta la dieta n. 1a;

- Quindi, per un'altra settimana, si raccomanda di passare alla dieta n. 1b;

- la fase successiva per un massimo di due mesi, nomina la prima versione della dieta numero 5n;

- quindi per un periodo di sei mesi o un anno è prescritta la seconda variante della dieta n. 5 p.

Dopo la dimissione dall'ospedale, è necessario limitare i seguenti prodotti:

- spezie e condimenti;

- cibo con fibre vegetali grossolane.

La nutrizione del paziente deve necessariamente contenere proteine ​​e contenere quantità minime di grassi, zuccheri e carboidrati.

L'intero periodo postoperatorio del paziente deve essere sotto la stretta supervisione del medico per prevenire lo sviluppo di varie patologie negative.

Chirurgia del pancreas

I medici chiamano il pancreas un organo imprevedibile e molto delicato. La spiegazione di questa caratteristica risiede nella completa incertezza su come si comporterà in questo o quel caso nell'intervento chirurgico, sia che si tratti di pancreatite acuta o trauma d'organo.

Le operazioni sul pancreas sono complesse e, sfortunatamente, differiscono per un tasso di mortalità piuttosto alto.

La prognosi dipende dalla tempestività della diagnosi e dallo stadio della malattia, nonché dall'età e dalle condizioni generali del paziente. Dopo un'operazione chirurgica, è necessario un lungo periodo di tempo per il recupero e la riabilitazione del paziente.

La necessità di un trattamento chirurgico

Il pancreas durante e dopo l'intervento chirurgico crea molti problemi ai medici, pertanto tali operazioni vengono eseguite da chirurghi esperti e qualificati e solo con le necessità più gravi.

Indicazioni per il trattamento chirurgico del pancreas possono essere considerate tali malattie e condizioni come:

  • pancreatite cronica con esacerbazioni frequenti;
  • pancreatite distruttiva acuta;
  • pancreatite, passata nella necrosi pancreatica;
  • croniche e pseudocisti;
  • trauma d'organo;
  • neoplasma maligno

Difficoltà di chirurgia

La rimozione operatoria del pancreas o di parte di essa è associata a molte difficoltà causate sia dalla struttura che dalla posizione di questo organo e dalla sua fisiologia. La ghiandola ha una circolazione sanguigna comune con il duodeno e si trova in un luogo "scomodo" e in prossimità di organi vitali quali:

  • dotto biliare comune;
  • aorta addominale;
  • vene cave superiori e inferiori;
  • vena e arteria mesenterica superiore;
  • reni.

Le difficoltà delle operazioni chirurgiche sul pancreas per malattie come la pancreatite cronica o acuta sono anche associate alla sua funzione enzimatica. Gli enzimi prodotti dal corpo, a causa della loro elevata attività, possono spesso digerire i tessuti della ghiandola stessa.

tessuto parenchimale, che consiste di ferro, è molto fragile e facilmente danneggiabile, ed è molto difficile da sutura, che è pieno di complicazioni quali periodo post-operatorio, sanguinamento e fistole.

Complicanze postoperatorie

La più comune complicanza dopo l'intervento chirurgico sul pancreas è la pancreatite postoperatoria acuta. I segni dello sviluppo del processo patologico sono:

  • la comparsa di forti dolori nella regione epigastrica;
  • rapido deterioramento dello stato ad un modello di shock;
  • aumento dei livelli di amilasi nelle urine e nel sangue;
  • leucocitosi;
  • aumento della temperatura corporea.

pancreatite acuta può essere osservata in pazienti che sviluppano postoperatorio ileo dotto pancreatico principale acuta, causata edema del pancreas, così come durante la manipolazione come nel distale dotto biliare comune e lo sfintere di fiale epato-pancreatico.

Come ragioni per lo sviluppo di una tale malattia, come la pancreatite postoperatoria, può agire:

  • transizione del processo infiammatorio al pancreas in pazienti con ulcera peptica;
  • esacerbazione del processo cronico latente che scorre nell'organo.

Oltre a una tale malattia come la pancreatite postoperatoria, altre complicazioni abbastanza comuni che insorgono dopo un'operazione chirurgica sul pancreas includono:

  • sanguinamento;
  • peritonite;
  • insufficienza renale ed epatica;
  • esacerbazione del diabete mellito;
  • insufficienza circolatoria;
  • necrosi pancreatica.

Cure ospedaliere

Date le possibili complicazioni, immediatamente dopo l'operazione, il paziente si trova nel reparto di terapia intensiva, dove viene fornito con cura individuale.

La grave condizione della "pancreatite acuta" operata sulla malattia complica la scoperta di complicanze postoperatorie precoci. A questo proposito, entro 24 ore dall'intervento, le misure necessarie sono condotte con particolare attenzione per controllare:

  • pressione sanguigna;
  • stato acido-base;
  • livello di zucchero nel sangue;
  • ematocrito;
  • produzione totale di urina.

I metodi raccomandati per monitorare le condizioni del paziente durante questo periodo includono anche radiografia del torace ed elettrocardiografia.

Il secondo giorno dopo l'intervento, il paziente di solito va al Dipartimento di Chirurgia, dove ottiene le cure necessarie, la nutrizione e trattamento complesso, che varia a seconda della gravità di subire un intervento chirurgico, e la presenza o assenza di complicanze.

Il paziente viene trasferito al trattamento domiciliare 1,5-2 mesi dopo l'operazione, durante il quale il suo apparato digerente si adatta alla sua nuova condizione e ritorna al normale funzionamento.

Riabilitazione del paziente

L'atmosfera morale che attende il paziente dopo la dimissione è un elemento importante che accelera la riabilitazione del corpo dopo l'operazione. Il paziente deve soddisfare tale atteggiamento di parenti che gli consentirà di essere fiducioso nel successo di ulteriori trattamenti e di tornare alla vita normale.

I primi giorni di ricerca di una casa dopo l'intervento chirurgico, il paziente deve essere fornito con riposo completo per la maggior parte del tempo di riposo a letto. Il sonno e la dieta del pomeriggio sono strettamente necessari.

Dopo 2 settimane, sono consentite brevi passeggiate per strada, aumentando di durata nel tempo. Nel processo di guarigione, il paziente non può essere sovrallenato: leggere, mangiare, camminare, fare tutti i doveri domestici dovrebbe essere strettamente regolato e fermarsi immediatamente quando peggiora lo stato di salute del paziente.

Trattamento postoperatorio

Il trattamento dopo l'intervento chirurgico al pancreas inizia dopo la conoscenza della storia medica del paziente e il confronto degli ultimi risultati di test e test con quelli ricevuti prima dell'intervento chirurgico. Questo approccio consente al medico di sviluppare una strategia appropriata per il periodo di riabilitazione.

La base della moderna terapia complessa postoperatoria è:

  • cibo dietetico;
  • assunzione di insulina per la regolazione del livello di zucchero nel sangue;
  • additivi enzimatici speciali per alimenti che promuovono la digestione del cibo;
  • osservanza del regime speciale di risparmio;
  • terapia fisica;
  • procedure fisioterapeutiche.

dietoterapia

La dieta e la nutrizione terapeutica sono una componente importante dell'intero complesso di riabilitazione postoperatoria di pazienti che hanno subito la rimozione del pancreas o di parte di esso.

La dieta dopo la resezione del corpo inizia con 2 giorni di digiuno. Il 3 ° giorno, è permesso risparmiare cibo, nel quale si possono mangiare cibi come:

  • tè senza zucchero con cracker;
  • minestre strofinate;
  • porridge di latte di grano saraceno e riso (il latte è diluito con acqua allo stesso tempo);
  • omelette proteica per una coppia (non più di ½ uova al giorno);
  • il pane bianco di ieri (a partire dal 6 ° giorno);
  • 15 g di burro al giorno;
  • ricotta

Prima di andare a dormire, il paziente può bere un bicchiere di latte cagliato, che può essere sostituito periodicamente con acqua tiepida e miele.

Durante la prima settimana dopo l'operazione, il cibo dovrebbe essere cotto per una coppia, quindi il paziente può mangiare cibi bolliti. Dopo 7-10 giorni, al paziente è permesso mangiare un po 'di carne e pesce.

In questa fase, i gastroenterologi prescrivono la nutrizione sotto forma della prima variante della dieta numero 5. Dopo mezzo mese è consentito aumentare il contenuto calorico della dieta, in relazione al quale è possibile applicare la seconda versione della dieta. Prevede pasti frazionati e frequenti e un rifiuto completo di cibi grassi, acuti e acidi, così come l'alcol, che eviterà qualsiasi complicazione in futuro.

Allenamento fisico terapeutico

Le classi di fisioterapia dopo il trattamento chirurgico di malattie come la pancreatite acuta e altri disturbi del pancreas sono una componente indispensabile della terapia riparativa. Gli esercizi fisici finalizzati alla normalizzazione dell'attività cardiovascolare e respiratoria, nonché le funzioni degli organi di movimento, devono essere necessariamente coordinati con il medico curante. I cambiamenti autosufficienti nell'attività fisica possono essere pericolosi e le conseguenze sono imprevedibili.

La pratica dimostra che il peggioramento della malattia pancreatica o la sua recidiva dopo l'intervento chirurgico, complicanze o esiti avversi della chirurgia sono spesso associati con il fallimento dei necessari requisiti di riabilitazione, la disonestà nella cura del paziente, la mancanza di coerenza nelle attività di riabilitazione.

Il destino di un paziente dopo un'operazione sul pancreas è determinato da fattori come il suo stato preoperatorio, il metodo dell'operazione eseguita, la qualità delle attività mediche e dispensarie, una corretta alimentazione e l'assistenza attiva del paziente stesso. Una malattia o condizione patologica, sia la pancreatite acuta che la cisti, per la quale è stato rimosso l'intero organo o parte di essa, di solito continua ad influenzare sia le condizioni del paziente che la prognosi della malattia.

Ad esempio, dopo una resezione del pancreas per una patologia oncologica, vi è un'alta probabilità della sua recidiva e la prognosi di una sopravvivenza a 5 anni dopo tale operazione è inferiore al 10%. La comparsa di eventuali sintomi sfavorevoli in tali pazienti è la ragione di un esame speciale per escludere la ricorrenza del cancro e delle sue metastasi.

Anche un lieve sovraccarico, sia fisico che mentale, una violazione delle prestazioni di tali appuntamenti come le procedure mediche e la nutrizione, può influire negativamente sul corpo del paziente. In qualsiasi momento possono provocare esacerbazioni e gravi conseguenze durante il decorso della malattia del pancreas. Pertanto, la durata e la qualità della vita del paziente dopo l'operazione dipendono dalla disciplina, dall'alfabetizzazione e dalla perseveranza nell'attuazione di tutte le prescrizioni mediche e delle raccomandazioni per l'attuazione del trattamento riparativo.

autore. Zagorodnyuk Mikhail Petrovich,
soprattutto per Moizhivot. ru

Video sulla pancreatite

Gastroenterologi nella tua città

Operazioni sul pancreas: rimozione, trapianto, conseguenze

La complessità e la durata del trattamento del paziente dopo l'intervento sulla prostata dipendono dalle sue condizioni generali e dalla procedura chirurgica scelta dal chirurgo. Il corso di trattamento dopo l'intervento chirurgico prevede l'assunzione regolare di farmaci prescritti da uno specialista e la supervisione medica costante del paziente al fine di prevenire possibili complicanze postoperatorie.

Operazioni sul pancreas

La chirurgia è indicata in caso di tumore pancreatico, con le sue cisti, malattie parassitarie e infiammatorie. Il trattamento chirurgico viene effettuato sotto l'influenza di miorilassanti e anestesia generale.

Con i sintomi del sanguinamento interno, vengono eseguite operazioni urgenti sul pancreas. In altri casi, è previsto un trattamento chirurgico.

L'operazione sul pancreas si svolge come segue:

  1. Viene eseguita l'apertura della ghiandola.
  2. Rilasciano il premistoppa dal sangue.
  3. Cuci le rotture superficiali della ghiandola.
  4. Aprono e bendano i lividi.
  5. Se c'è una rottura della prostata, vengono applicate cuciture separate, il dotto pancreatico viene cucito insieme.
  6. Se i disordini principali sono concentrati nella coda della ghiandola, questa parte dell'organo viene rimossa insieme alla milza.
  7. Se la testa della ghiandola è danneggiata, viene rimossa insieme alla parte del duodeno.
  8. Le operazioni sulla prostata vengono completate scaricando il premistoppa.


Le operazioni per rimuovere le pietre nel pancreas iniziano con la dissezione del tessuto della ghiandola e la parete del condotto sulla pietra, dopo di che la pietra viene estratta. Se ci sono molte pietre, viene eseguita una dissezione longitudinale della ghiandola seguita dalla rimozione delle pietre. Se ci sono pancreas nel pancreas, il compito del trattamento chirurgico è quello di rimuovere la cisti insieme a parte dell'organo.

Le più difficili sono le operazioni con un tumore maligno nel pancreas. Con un tumore della coda e del corpo, vengono rimossi il pancreas e la milza. Nei tumori maligni della testa e della coda, l'organo viene rimosso insieme al duodeno e alla milza.

Resezione del pancreas

Il pancreas è rimosso? In alcuni casi, sì, ma solo parzialmente. Il pancreas è completamente rimosso? No, perché senza di essa una persona non può vivere. Talvolta i medici devono rimuovere singole parti di questo organo. Questo metodo di trattamento chirurgico è chiamato resezione. Il più spesso è effettuato con un tumore maligno del pancreas.

Per rimuovere la testa dell'organo, puoi usare l'operazione di Frey. È una misura estrema e viene condotta solo su indicazioni rigorose. L'operazione di Frey è un intervento molto complesso e traumatico che può portare alla morte del paziente.

Le indicazioni per un metodo così radicale di trattamento chirurgico, come una resezione della prostata, sono:

  • necrosi pancreatica;
  • un tumore al pancreas (di solito un tumore maligno);
  • trauma, in cui la maggior parte della ghiandola è danneggiata.

La prognosi dopo tale trattamento del pancreas è ambigua. Il recupero delle parti mancanti del corpo è impossibile. La condizione del paziente dopo l'intervento dipende in gran parte da quale parte della ghiandola è stata rimossa. Se la coda della ghiandola è stata rimossa, allora la probabilità di un esito favorevole è grande, quando è possibile evitare lo sviluppo del diabete e dei disturbi digestivi. Se la milza è stata rimossa in aggiunta alla parte della prostata, il rischio di sviluppare trombosi e ridurre l'immunità è grande.

Inoltre, se l'operazione di Frey è stata eseguita, ci possono essere conseguenze postoperatorie:

  1. sanguinamento;
  2. pancreatite postoperatoria;
  3. danno a vasi e nervi vicini;
  4. complicanze infettive.

Dopo l'intervento chirurgico, il corpo manca di ormoni ed enzimi, che hanno prodotto un ferro a distanza. Pertanto, per tutta la vita, il paziente soffre di diabete mellito e digestione compromessa. Viene mostrato un trattamento di sostituzione, che non contribuisce al ripristino del pancreas, ma può parzialmente compensare la sua funzione.

Trapianto di pancreas

Il primo trapianto del pancreas fu effettuato nel 1967, quando il duodeno fu trapiantato con esso. La durata della vita del paziente durante la vita più lunga dopo un trapianto è stata di tre anni e mezzo.

Questa è un'operazione molto complicata, quindi, di solito non viene eseguita da un paziente, anche se viene diagnosticato un tumore maligno della prostata. Oltre alla ghiandola reale, è consigliabile effettuare simultaneamente un trapianto del duodeno. Inoltre, è necessario prendere in considerazione l'ipersensibilità del pancreas alle ferite (si può danneggiare la ghiandola semplicemente toccandola con il dito) e la necessità di cucire un gran numero di vasi.

Il pancreas viene rimosso in pratica? Molto raramente a causa dell'elevata complessità e del costo dell'intervento chirurgico, nonché della bassa sopravvivenza. C'è un altro motivo. Il pancreas è un organo non appaiato, quindi può essere ottenuto solo da una persona deceduta. Il ferro è molto sensibile alla mancanza di ossigeno e non tollera la cessazione del flusso sanguigno per più di mezz'ora. Dopo il congelamento, il pancreas può essere conservato per non più di cinque ore, il che crea grandi difficoltà per l'operazione.

Il processo di trapianto di pancreas

Il trapianto di pancreas viene effettuato posizionandolo nella cavità addominale con successiva connessione ai vasi epatici, splenici e iliaci. Il posizionamento del pancreas donatore sul suo sito fisiologico è problematico. È molto difficile da attuare tecnicamente ed è gravido di un'alta probabilità di morte a causa di gravi sanguinamenti e shock. Pertanto, questo metodo non è utilizzato nella chirurgia pratica.

Il tessuto del pancreas ha un'elevata antigenicità, quindi in assenza di una terapia appropriata, le funzioni dell'organo donatore rimangono solo pochi giorni dopo l'operazione. Poi c'è il rifiuto.

Attualmente, gli scienziati stanno sviluppando diverse nuove direzioni di trapianto di pancreas, al fine di utilizzare ulteriormente questa operazione per tumori maligni o pancreatonecrosi. Le opzioni ottimali per la conduzione di interventi chirurgici sono in fase di test, solo una parte della ghiandola può essere trapiantata con il drenaggio del dotto pancreatico.

Inoltre, sono attualmente in corso ricerche per ottenere una coltura di cellule endocrine nel pancreas per il trapianto a persone con diabete mellito. Ciò eviterà l'intervento chirurgico e le numerose complicazioni postoperatorie associate.

Oltre allo sviluppo di vari metodi di trapianto, è in corso il lavoro per creare un pancreas artificiale. Ad oggi, esiste già un modello che è un piccolo dispositivo dotato di un dispensatore che getta insulina nel flusso sanguigno. Implica sotto la pelle del paziente e simula il lavoro delle cellule endocrine.

Ora il compito principale degli scienziati è quello di sviluppare per il dispositivo sensori speciali che determinino indipendentemente il livello di zucchero nel sangue e, a seconda di ciò, cambino il dosaggio dell'insulina.

Ad oggi, il trapianto del pancreas è la sezione meno esplorata del trapianto.

Attenzione per favore! Gli articoli sul nostro sito web sono puramente informativi. Non ricorrere a se stessi, è pericoloso, soprattutto con le malattie del pancreas. Assicurati di consultare un medico! È possibile registrarsi online per un appuntamento con un medico attraverso il nostro sito Web o consultare un medico nel catalogo.

Conduzione e conseguenze della chirurgia sul pancreas

La necessità di un'operazione chirurgica sul pancreas si verifica spesso con pancreatite e cancro.

Questo è un intervento molto serio nel corpo, le cui conseguenze possono capovolgere la vita del paziente.

Quali sono le caratteristiche dell'operazione e la sua prognosi - conseguenze positive e negative? È possibile condurre una vita piena dopo tale operazione?

Informazioni generali

Secondo alcuni rapporti, la pancreatite è una delle malattie più comuni del sistema digestivo.

In questi dati, di sicuro c'è un posto per la sovradiagnosi - un brutto fenomeno che è caratteristico della medicina russa, in cui gli indicatori diagnostici sono "attratti alle orecchie". Tuttavia, vi è certamente una certa quantità di verità in tali statistiche.

Potenza non riguarda direttamente lo sviluppo della malattia, ma il cibo grasso pesante provoca l'infiammazione della formazione cistifellea e pietra, e questo è uno dei fattori colpevoli di pancreatite.

La prognosi della colelitiasi indica che in circa il 50% dei casi si conclude con pancreatite.

Le donne più degli uomini sono soggette a calcoli biliari e disturbi del metabolismo dei grassi in generale, quindi sono a rischio di pancreatite.

20 - 25% dei casi di pancreatite - gli effetti del consumo regolare di alcol. Quando i medici non sono in grado di individuare le cause dell'infiammazione nella ghiandola, parlano di pancreatite idiopatica.

Ciò non significa che non vi sia alcun motivo, ma i moderni metodi diagnostici non sempre consentono di determinare con precisione le condizioni del paziente.

La pancreatite acuta può svilupparsi in seguito all'assunzione di vari farmaci: dagli antibiotici ai preparati per il contrasto dei raggi x.

Malattie, il cui impatto possono includere l'insorgenza di pancreatite - questa infezione virale (epatite, herpes), infezioni batteriche, come leptospirosi, funghi patogeni come Candida, infezioni parassitarie.

La pancreatite acuta e cronica sono patologie separate. La pancreatite acuta può avere una forma ricorrente e sulla base della pancreatite cronica può svilupparsi acuta, e questo non esacerberà la forma cronica.

La pancreatite cronica aumenta il rischio di degenerazione oncologica del tessuto pancreatico.

Tra le altre malattie precancerose troviamo il pancreas benigno: adenoma e cisti.

Come il cancro gastrico, un tumore pancreatico. di regola, viene diagnosticato negli stadi avanzati, per i quali la metastasi è caratteristica.

Il dolore compare nelle prime fasi della malattia, ma è localizzato male, quindi è spesso confuso con i dolori lombari con radicolite.

Chirurgia del pancreas

Il più pericoloso pancreatite acuta - necrosi pancreatica - morte dei tessuti del corpo sotto l'influenza di enzimi intensificati prematuri che iniziano a digerire letteralmente la ghiandola stessa.

In questo caso, c'è un'intossicazione del corpo, che colpisce i vari organi e sistemi vitali, perché le sostanze velenose si diffondono rapidamente attraverso il corpo con il sangue.

Esistono tre gradi di intossicazione: lieve, moderata e grave. In quest'ultimo caso, è più probabile che l'operazione si verifichi.

Storicamente, la chirurgia è stata il primo metodo di trattamento dei processi infiammatori nel pancreas.

Tuttavia, anche in un momento in cui la vita umana valeva poco, il tasso di mortalità del 90 - 100% ha portato alla riduzione degli esperimenti chirurgici e medici hanno fatto grandi le scommesse sullo sviluppo di metodi di trattamento conservativo.

Il pancreas è considerato un organo abbastanza "tenero", le complicazioni possono verificarsi anche dopo un intervento chirurgico su organi vicini.

I principali effetti negativi della chirurgia sul pancreas sono associati a complicanze: ascessi, infezioni, emorragia massiccia e così via.

Tuttavia, l'attuale livello di sviluppo della medicina consente di eseguire operazioni chirurgiche di successo sul pancreas.

In alcune condizioni, ad esempio, con pancreatite necrotica purulenta, è impossibile evitare l'intervento chirurgico.

Il funzionamento è necessario upon pseudocyst rilevamento - formazione all'interno del pancreas, a differenza di cisti congenite, nonché duttale pervietà c'era o fistola Acquisito.

Un argomento separato è la chirurgia per l'oncologia del pancreas. La previsione è condizionatamente sfavorevole.

I medici sono riusciti a ridurre il tasso di mortalità postoperatoria al 5%, ma il tasso di sopravvivenza a 5 anni è dell'8 - 45%.

Il tasso di sopravvivenza rende il cancro del pancreas una delle malattie più pericolose che i medici abbiano mai dovuto combattere.

Tuttavia, anche se si è verificata una recidiva dopo l'intervento chirurgico per cancro, nella maggior parte dei casi l'aspettativa di vita è parecchie volte superiore a quella senza chirurgia.

Inoltre, esiste una cosa come la chirurgia palliativa, quando il trattamento non è mirato alla lotta contro il cancro, ma per alleviare la condizione di un paziente morente.

Vita dopo l'intervento chirurgico sul pancreas

La dieta (cibo proteico leggero, rifiuto di alcol e bevande gassate) è di grande importanza nel trattamento delle malattie del pancreas:

  • La dieta è una delle strategie per il trattamento delle malattie degli organi;
  • una corretta alimentazione è necessaria per una corretta riabilitazione dopo l'intervento chirurgico;
  • la dieta è un modo per ridurre la probabilità e la gravità delle esacerbazioni nella pancreatite cronica, quindi, serve come misura preventiva per ridurre il rischio di degenerazione dei tessuti maligni;
  • sistema digestivo - un meccanismo, tutte parti di cui sono in una relazione complessa. Se i guasti si verificano in almeno uno dei suoi elementi, la nutrizione razionale riduce la probabilità di interruzioni globali che interessano l'intero sistema.

La lavorazione del cibo con succo pancreatico ed enzimi contenuti in esso è una parte importante della digestione.

È logico che il cibo dopo l'operazione non possa essere lo stesso. La dieta prevede una revisione completa dei principi nutrizionali.

Subito dopo l'operazione, il paziente ha bisogno di una dieta estremamente rigida: una completa mancanza di cibo nei primi giorni, quindi una graduale espansione della dieta.

Circa 10 giorni dopo l'operazione, è possibile passare gradualmente a una dieta che diventerà familiare al paziente.

La dieta è basata su proteine ​​digeribili, cibo spazzato, completa assenza di cibi pesanti, grassi e fritti.

È necessaria una terapia sostitutiva a vita: preparati enzimatici e insulina, senza i quali l'alimentazione è assolutamente impossibile.

Diversi anni fa negli Stati Uniti, la pubblicazione di un medico californiano, Murray Ken, su ciò che è più importante - la qualità della vita o la sua durata - era sensazionale.

Secondo lui, i medici che conoscono perfettamente le possibilità della medicina moderna, spesso si rifiutano di metodi radicali di trattamento delle malattie mortali ad anni recenti, mesi o giorni di vita per trascorrere tra amici intimi, piuttosto che in un ospedale, nel trattamento del dolore.

Nessuna dieta, la dieta più sana e le droghe moderne non possono fornire un'alta qualità della vita dopo la rimozione del pancreas.

Questo è il motivo per cui una dieta dovrebbe essere uno stile di vita abituale di una persona sana che vorrebbe vivere a lungo e nel modo più completo possibile.

Pancreas e pancreatite dopo l'intervento chirurgico - conseguenze, trattamento e riabilitazione

Pubblicato il: 15 ottobre 2014 alle 10:28


Trattamento delle malattie pancreatiche. così come la loro diagnosi, sono associati a molte difficoltà associate alla struttura, alla posizione e alla fisiologia di questo corpo. Pertanto, le conseguenze della chirurgia sul pancreas possono essere imprevedibili. Il periodo postoperatorio è lungo e il rischio di esiti fatali in questi casi è piuttosto ampio.

Ciò è dovuto al fatto che è molto vicino ad altri organi vitali dell'uomo e con il duodeno ha una circolazione sanguigna comune. Pertanto, spesso con la malattia di uno di questi organi è necessario eliminare l'altro.

Le difficoltà della chirurgia pancreatica sono anche associate alla sua funzione enzimatica. Gli organismi alimentari rilasciati dal corpo, a causa della loro alta attività, a volte digeriscono i tessuti della ghiandola stessa, come i prodotti alimentari. tessuto parenchimale che compone il pancreas, è molto fragile, ed è estremamente difficile da sutura, quindi una delle complicanze postoperatorie possono essere sanguinamento e fistole.

Come potete vedere, il pancreas dopo l'operazione offre molti problemi ai medici. Pertanto, tali operazioni vengono eseguite solo da chirurghi esperti, con la massima cautela e solo secondo le indicazioni più severe.

Dopo l'intervento chirurgico sul pancreas, la complicazione più comune è la pancreatite acuta, che si verifica spesso come necrosi pancreatica. Possono anche verificarsi peritonite, insufficienza circolatoria, insufficienza renale epatica, sanguinamento ed esacerbazione del diabete mellito. Pertanto, dopo tale intervento, il paziente viene posto nell'unità di terapia intensiva e gli fornisce assistenza personale.

Segni post-operatorio dei pazienti pancreatite - dolore addominale acuto con la tensione muscolare, fino a quando il deterioramento di shock, febbre, aumento della concentrazione di amilasi nel sangue e nelle urine, leucocitosi.

La grave condizione dei pazienti dopo tali operazioni complica l'individuazione di complicanze postoperatorie precoci. Al fine di evitare gravi conseguenze, la condizione degli organi vitali viene monitorata con particolare attenzione il primo giorno e vengono prese le misure necessarie. A tal fine, il paziente viene monitorato con glicemia, pressione arteriosa e venosa, ematocrito, stato acido-base (CBS) e analisi generale delle urine. I metodi desiderabili per monitorare le condizioni del paziente durante il periodo postoperatorio sono l'elettrocardiografia e la radiografia del torace.

Trattamento e riabilitazione dopo l'intervento chirurgico al pancreas


La durata e la complessità del trattamento del paziente, dopo l'intervento chirurgico sul pancreas, che ha subito, dipende in gran parte dalle sue condizioni e dal metodo dell'intervento chirurgico scelto dal medico in base alle caratteristiche individuali dell'organismo.

Il trattamento e la riabilitazione dopo l'operazione del pancreas iniziano con una revisione della storia medica del paziente e un confronto dei risultati degli ultimi test e test con i dati iniziali ottenuti prima dell'intervento chirurgico. Questo approccio consente di selezionare correttamente i farmaci che possono mettere il paziente in piedi e sviluppare la giusta strategia per il futuro periodo di riabilitazione.

La base per un moderno trattamento post-operatorio è l'assunzione regolare di farmaci prescritti da uno specialista in determinate condizioni ospedaliere o domiciliari. Particolare attenzione è rivolta al monitoraggio medico continuo del paziente, dando il tempo per prevenire le complicanze indesiderate e, in caso di necessità di adottare misure urgenti per eliminare la loro qualità.

Quali conseguenze possono essere dopo un'operazione per rimuovere il pancreas

Il pancreas consiste di cellule ghiandolari. Alcuni di loro si collegano ai dotti e producono un ricco di enzimi segreti, altri secernono il loro segreto - ormoni - direttamente nel sangue. Delle cellule ghiandolari di questo organo si possono formare tumori benigni e maligni; a causa dell'infiammazione, in essa si formano delle cavità - cisti e ascessi; nei suoi condotti si formano le pietre. Tutte queste condizioni sono trattate operativamente.

Sul pancreas possono essere eseguiti diversi tipi di operazioni

In questo articolo considereremo le conseguenze della chirurgia sul pancreas, poiché l'organo è presente nel corpo al singolare ed è molto specifico.

Indicazioni per l'intervento chirurgico

Le operazioni sul pancreas sono effettuate a:

  • trauma d'organo;
  • alcune malformazioni;
  • cisti;
  • pancronecrosi, quando il trattamento conservativo non produce un effetto;
  • tumori, incluso metastatico;
  • ascessi;
  • fistole;
  • pietre in-flusso, che portano al loro blocco;
  • peritonite causata da infiammazione della ghiandola;
  • sanguinamento dai vasi sanguigni del corpo.
  • Tipi di operazioni sul ferro

    Con le patologie del pancreas, vengono eseguiti vari tipi di interventi chirurgici, a seconda della natura della malattia e delle condizioni del paziente:

    1. Quando la ghiandola viene traumatizzata, la sacca della ghiandola viene aperta, il sangue rimosso, il tessuto schiacciato e la secrezione della ghiandola secreta. Quindi il tessuto viene suturato, i vasi sanguinanti vengono fasciati. Fuori dalla ghiandola, il drenaggio viene drenato verso l'esterno.
    2. Se c'è una rottura completa dell'organo o del suo condotto principale, viene cucita o, a seconda della situazione, viene creato un messaggio artificiale (anastomosi) tra la ghiandola e il digiuno. La sacca di omento è drenata.
    3. Grosse pietre vengono rimosse dopo la dissezione di una parte della ghiandola, quindi il condotto viene drenato e l'organo viene suturato.
    4. Se ci sono molte pietre nei dotti, e inoltre ci sono molti restringimenti cicatriziali dei dotti, le pietre vengono rimosse, il restringimento è sezionato, dopo di che viene posta una anastomosi tra la ghiandola e il digiuno.
    5. Quando la cisti viene formata, viene rimossa, spesso insieme a un sito di tessuto pancreatico. È anche possibile condurre il drenaggio dal lume della cisti allo stomaco, quindi, dopo essere stato rilasciato dal contenuto, si cicatrerà da solo.
    6. Se viene rilevato un percorso patologico che collega il pancreas con organi interni o emergenti verso l'esterno, esso viene o escisso ed escreto da un drenaggio temporaneo esterno o forma una connessione artificiale tra la ghiandola e l'intestino.

    Se il tessuto dell'organo è danneggiato in modo significativo, la medicina moderna ha imparato a rispondere affermativamente alla domanda se sia possibile rimuovere il pancreas. Nel mondo ci sono diverse decine di migliaia di operazioni eseguite con successo sulla pancreatectomia.

    Attenzione! Le persone con la ghiandola estratta continuano a vivere, ma hanno sempre bisogno di aderire a una dieta rigorosa e, sotto il controllo di alcuni test, assumono costantemente la terapia sostitutiva.

    I nostri lettori raccomandano!

    Per la prevenzione e il trattamento delle malattie del tratto gastrointestinale, i nostri lettori consigliano il tè monastico. Questo rimedio unico consiste di 9 erbe medicinali utili per la digestione, che non solo integrano, ma rafforzano anche le azioni degli altri. Il tè monastico non solo eliminerà tutti i sintomi del tratto gastrointestinale e del sistema digestivo, ma eliminerà anche in modo permanente la causa del suo verificarsi.
    Opinione dei lettori. "

    Quando è necessaria una rimozione del pancreas

    Prelievo di un organo - un passo estremo, alla quale i chirurghi sono stringenti indicazioni per tale intervento è molto difficile, traumatica ed è accompagnata da un alto tasso di mortalità. Questo è dovuto alla particolarità del corpo: enzimi prodotti in esso, se entra nel sangue provoca uno shock lampo, e nel caso del tessuto circostante li digerire.

    Il pancreas deve essere rimosso quando un tumore maligno colpisce il suo volume maggiore

    Le ragioni per rimuovere il pancreas sono le seguenti:

    1. Trauma con danni alla maggior parte delle parti del corpo;
    2. Cancro del pancreas;
    3. Necrosi pancreatica

    Il pancreas può essere rimosso in due modi:

    1. Se il tumore si trova più vicino alla testa della ghiandola, eseguito un intervento chirurgico Whipple: rimossa la testa e parte del duodeno, spesso - con una porzione dello stomaco, cistifellea e vie biliari, linfonodi. Le connessioni del corpo pancreatico si formano con lo stomaco e parte dell'intestino tenue. I drenaggi vengono posizionati, la cavità addominale viene suturata.
    2. Se il tumore prende la localizzazione vicino alla coda della ghiandola, viene rimossa la parte del corpo della ghiandola, della coda, della milza e dei suoi vasi.

    Dopo la pancreatectomia

    La prognosi dopo la rimozione del pancreas è ambigua. Include lo sviluppo di complicazioni così precoci come:

    • sanguinamento;
    • danno ai nervi o ai vasi che si trovano vicino al pancreas;
    • complicanze infettive;
    • pancreatite postoperatoria.

    C'è una possibilità molto alta che nel periodo postoperatorio ci sarà una carenza nella produzione di entrambi gli enzimi e gli ormoni della ghiandola. Pertanto, per mantenere una qualità della vita sufficiente, oltre alla terapia sostitutiva con preparati enzimatici e insulina o glucagone, è necessario seguire una dieta dopo la rimozione del pancreas.

    I primi giorni dopo l'intervento, viene fornita nutrizione per proteine, grassi e carboidrati adatti alla somministrazione venosa

    1. Tre giorni dopo l'intervento, il paziente mangia e riceve fluido solo attraverso la vena. È permesso bere solo acqua senza gas a piccoli sorsi, fino a un litro al giorno.
    2. Il quarto giorno, un debole tè senza zucchero viene introdotto nella dieta, nel giorno si possono mangiare 1-2 briciole di pane bianco.
    3. Un po 'più tardi, è permesso mangiare zuppa grattugiata con una piccola quantità di sale, cracker, frittata di vapore.
    4. Più tardi, l'espansione della dieta si verifica a causa di riso e farina di grano saraceno, cotto su acqua o brodo vegetale. Puoi mangiare pane bianco.
    5. Dal settimo giorno, purè di patate, zuppe, carne al vapore e pesce sotto forma di soufflé.
    6. Dal nono al decimo giorno, la dieta viene ampliata con "grandi passi". Ma manca ancora di cibi fritti, grassi, carne affumicata, pesce grasso e carne.

    Suggerimento: Rompere la dieta prescritta da un medico è pericoloso. Espandilo solo dopo una consultazione preliminare con lo specialista operativo.

    Ma forse è più corretto trattare non una conseguenza, ma una ragione? Ti consigliamo di leggere la storia di Galina Savina, mentre lei guarisce lo stomaco. Leggi l'articolo >>

    Ti Piace Di Ulcere Allo Stomaco