Peritonite della cavità addominale

La peritonite della cavità addominale è una malattia molto pericolosa, che è un'infiammazione della parete interna della cavità addominale.
Di norma, la malattia richiede un intervento chirurgico urgente. Ti aiuteremo a capire le cause della malattia.

Perché c'è la peritonite della cavità addominale

La peritonite si verifica a causa della forte intossicazione del corpo, quando alcuni organi interni non riescono a far fronte pienamente al loro lavoro.

Ottenere una piccola quantità di sostanze irritanti non è pericoloso, ma se accade costantemente e in grandi quantità, allora si verifica la peritonite. Questa è una malattia molto pericolosa, che può comportare anche la morte del paziente. Ecco perché è molto importante cercare aiuto da un medico in tempo.

La peritonite può anche iniziare a causa di ferite che provocano ferite negli organi interni. Può essere una conseguenza di un'operazione eseguita in modo non professionale o una complicazione di malattie ginecologiche.

Guarda il video su questo argomento

Diversi tipi di peritonite

La peritonite è divisa in tre tipi: primario, secondario e terziario. Nel primo caso, la malattia è causata dalla presenza di infezione nel corpo. Quindi la cavità addominale rimane illesa.

La peritonite primaria è anche divisa in diverse categorie:

  • bambini spontanei;
  • adulto spontaneo;
  • peritonite nelle persone con tubercolosi attiva.

Nella peritonite secondaria, la cavità addominale è leggermente danneggiata o si verifica una rottura completa del tessuto peritoneale. In questo caso, c'è una violazione dell'integrità degli organi.

La peritonite terziaria, per fortuna, è rara. In realtà, è una recidiva di peritonite, cioè è una peritonite che si sviluppa dopo la peritonite. Con questa malattia si verifica un'intossicazione molto forte dell'organismo.

Quasi tutti gli organi interni smettono di funzionare. Un prerequisito per il suo verificarsi potrebbe essere un forte declino dell'immunità. Questo tipo di peritonite non si presta al trattamento e il paziente muore sempre.

Sintomi e segni della malattia negli adulti

I sintomi della peritonite della cavità addominale possono essere diversi. A seconda di ciò che la malattia è stata provocata, i suoi segni iniziali possono cambiare.

Ma lo stesso, ci sono molti sintomi che sono caratteristici di tutti i tipi di malattia. Gli specialisti distingueranno tre fasi principali dello sviluppo della malattia.

L'aspetto nell'uomo dello stadio reattivo

I sintomi di questo stadio compaiono nel primo giorno. Di solito è accompagnato da un forte dolore nella zona in cui si sviluppa la peritonite. A seconda dell'organo interessato, il dolore può essere di natura diversa.

Ad esempio, se la peritonite si sviluppa sullo sfondo di un'ulcera allo stomaco, sentirai un forte dolore nella regione epigastrica. Se il motivo è la rottura dell'appendice, sentirai dolore nell'area sotto il polmone destro. Nel tempo, il dolore si diffonderà a tutto l'addome.

Una persona che soffre di peritonite è molto facile da identificare dal suo viso. Diventa pallido, acquista una tonalità terrosa. Nei momenti di lampi di dolore, il viso diventa sudato. Inizia la disidratazione e le funzioni del viso diventano più nitide e più nitide.

Ci sono altri sintomi che sono evidenti agli altri. Quindi il paziente cerca di assumere una posa più comoda per alleviare in qualche modo il dolore. Nella maggior parte dei casi, questa è una posa, sdraiata su un fianco con le gambe legate a se stessa.

Ciò è dovuto al fatto che cerca in ogni modo possibile di proteggere lo stomaco da qualsiasi stress. A un tal paziente a indagine l'addome di placca - i muscoli molto intensi di uno stomaco saranno scoperti. Inizia la disidratazione

Sviluppo nel corpo dello stadio tossico

Il suo inizio cade nel secondo o terzo giorno. I sintomi della peritonite diventano meno pronunciati, mentre le condizioni generali peggiorano.

A causa della disidratazione, l'attività cerebrale viene interrotta. La temperatura corporea sale a 40-42 gradi, l'impulso diventa più frequente.

Stadio terminale o irreversibile

Se hai permesso lo sviluppo della malattia prima di questa fase, molto probabilmente tutto finirà in un risultato letale. La disidratazione ha raggiunto un livello critico. Il lavoro dei polmoni viene interrotto, l'impulso inizia a scomparire.

Peculiarità della patologia nelle donne

In alcuni casi, la peritonite può svilupparsi sullo sfondo di un'operazione non riuscita. Nel 5-7% di questa malattia si sviluppa nelle donne dopo un taglio cesareo di bassa qualità. Per tale motivo, la probabilità di un esito letale è molto alta.

Inoltre, la probabilità di sviluppare una peritonite è possibile se si soffre di malattie ginecologiche, comprese quelle croniche e acquisite durante la gravidanza. Queste malattie comprendono vaginosi e colpite.

Nel gruppo a rischio sono donne sotto i 16 anni e dopo i 35 anni. Peritonite e sepsi possono anche essere il risultato di frequenti esami vaginali. Può svilupparsi con parto infruttuoso o prolungato.

Ampia vista di peritonite

La peritonite acuta o estesa è quasi sempre secondaria in tutti i casi. Cioè, si sviluppa sullo sfondo della peritonite già eliminata. Può essere una complicazione di un'operazione errata.

Fattori identificati di occorrenza di questa varietà

La causa della vasta peritonite è la penetrazione di batteri nocivi e altri microrganismi nella cavità addominale. In quasi tutti i casi, la causa sono gli stadi avanzati dell'appendicite.

Lo sviluppo della peritonite dipende direttamente dallo sviluppo dell'appendicite. Inoltre, altre cause gastrointestinali potrebbero essere la causa. Questa è una colecistite acuta, una pancreatite, varie ulcere, danni intestinali e persino malattie ginecologiche.

Segni diagnosticati nei pazienti

Uno dei primi segni di peritonite della cavità addominale è un dolore costante nell'addome, che alla fine diventa più forte. A poco a poco, dalla fonte del dolore, si diffonde all'intero peritoneo. Il paziente ha vomito, in cui il dolore nell'addome diventa ancora maggiore.

La temperatura corporea sale rapidamente a 39 gradi. Con il minimo movimento, il dolore diventa insopportabile.

Il paziente vuole bere. L'ingestione di acqua provoca vomito. Il lavoro intestinale si ferma. C'è un gonfiore, le feci e i gas smettono di muoversi. C'è mancanza di respiro, una persona diventa molto pallida.

La lingua si secca e diventa fiore. La voce sta diventando più tranquilla. C'è un insufficienza cardiaca, che porta alla morte improvvisa.

Video utile sull'argomento

Efficaci tattiche di trattamento

Il trattamento farmacologico per la peritonite è impossibile. La malattia viene trattata solo con l'intervento chirurgico. L'operazione viene eseguita nel minor tempo possibile e richiede un addestramento speciale.

Gli organi interni e il peritoneo sono trattati con una soluzione antisettica e salina. Con un ampio raggio di ferita, la ferita non è completamente ricucita e un secondo esame viene effettuato al secondo o terzo giorno.

Con questa malattia, la cosa principale è non perdere tempo. Prima vai in ospedale, meglio è. Se la malattia raggiunge solo lo stadio reattivo, allora lo stato generale del corpo non soffrirà così tanto.

Nella fase tossica, sarà più difficile. Se permettiamo lo sviluppo della malattia fino allo stadio terminale, non è più possibile salvare il paziente.

Prognosi postoperatoria per i pazienti

Dopo l'operazione, potrebbero esserci problemi nel funzionamento dello stomaco e dell'intestino. Il paziente può sentire dolore severo nel sito dell'operazione e, con cura impropria, inizia una complicazione in cui si verifica la suppurazione.

Dopo che la causa della peritonite è stata eliminata, il paziente ha bisogno di cure specifiche.

Dovrebbe essere monitorato continuamente. La persona che osserva il paziente deve valutare la frequenza della respirazione ogni ora e misurare anche il polso, la diuresi e la pressione centrale nelle vene.

Hai bisogno di un supporto per farmaci e una terapia speciale. Soluzione colloidale o cristalloide iniettata per via endovenosa, che viene preriscaldata.

Viene effettuata una ventilazione di tre giorni. Pertanto, tutti gli organi e i tessuti ricevono abbastanza ossigeno per funzionare correttamente. Il corpo viene mantenuto con glucosio, l'intestino viene avviato.

Per prevenire l'insorgenza di dolore, vengono utilizzati farmaci combinati con farmaci anti-infiammatori. Ad esempio, a un paziente possono essere prescritti morfina, fentanil, ketorolac e altri.

Le ricadute dopo un'operazione eseguita correttamente sono rare. Per proteggerti completamente da loro, devi seguire una dieta e uno stile di vita speciali.

Recupero dopo l'intervento chirurgico

Il periodo di recupero dopo che la peritonite è stata operata è abbastanza lungo. Dopo l'operazione, inizia la terapia correttiva. Durante di esso, vengono introdotte soluzioni speciali nel corpo.

Lo scopo della terapia è di ricostituire le perdite di elettrolita dell'acqua. Il secondo giorno di recupero, la dose di soluzioni diminuisce e i nutrienti (glucosio) iniziano a essere forniti al corpo. Il valore energetico del cibo dovrebbe essere compreso tra 2000 e 2500 calorie al giorno.

La prossima fase obbligatoria di recupero è il lancio dei polmoni. Dopo l'operazione, la ventilazione artificiale è obbligatoria. Può durare da un giorno a un'intera settimana. Tutto dipende dalla complessità dell'operazione e dalle condizioni del paziente.

Il passo successivo è l'eliminazione dell'insufficienza cardiaca e vascolare. Per il suo successo nel corpo, vengono introdotti glicosidi, adrenalina e altre sostanze che stimolano la contrazione dei muscoli cardiaci.

Per evitare uno shock doloroso nei primi giorni dopo l'operazione, al paziente vengono iniettate alte dosi di antidolorifici narcotici. Questo dura finché c'è un processo di ventilazione artificiale e il recupero del volume di sangue circolante.

Dopo che questi indicatori sono normali, gli analgesici narcotici sono sostituiti dall'anestesia epidurale. Quei pazienti che hanno subito una fase tossica o terminale di peritonite sono suscettibili allo sviluppo di DIC. E questo richiede un trattamento aggiuntivo.

È molto importante ripristinare la quantità di potassio e sodio nel corpo. È grazie a loro che le capacità motorie del tratto gastrointestinale si normalizzano. Anche l'intubazione dell'intestino tenue viene eseguita per ripristinare le sue capacità motorie.

Dieta raccomandata dopo peritonite

Dopo la peritonite, l'intero corpo è ancora molto debole. Pertanto, è importante non sovraccaricare lo stomaco in modo che funzioni normalmente.

Dovrebbe essere escluso dall'alimentazione elettrica:

Il cibo non dovrebbe irritare le pareti dello stomaco. Alcol categoricamente proibito e bevande gassate. Anche i prodotti del tabacco sono vietati.

Bevande come tè e caffè possono essere consumate in quantità molto piccole. La caffeina può danneggiare il paziente.

Mangia più prodotti naturali. Concentrati su frutta e verdura con un alto contenuto di fibre, calcio e altri nutrienti.

  • noci;
  • broccoli;
  • pomodori;
  • peperone dolce;
  • spinaci;
  • fagioli;
  • tutti i tipi di cavolo

Nella sua forma grezza, i prodotti non possono essere. È meglio far bollire o cuocere a vapore. Dopo un po ', il menu può essere variato.

Puoi aggiungere un pollo o un tacchino magro, uova, pappe all'acqua e senza olio, zuppe di verdure su brodo di coniglio e anche pesce magro. È meglio far bollire il pesce.

Puoi anche bere latte magro e prodotti caseari. Includi nella tua dieta miele e marmellata in piccole quantità. Per sostenere il corpo, prendi speciali complessi di vitamine. Dovrebbero nominare un medico direttamente.

Il cibo dovrebbe essere assunto in piccole quantità e allo stesso tempo. Tutto ciò per evitare di sovraccaricare lo stomaco e ritardare il cibo nel corpo. Questa dieta dovrebbe essere seguita sia dopo l'operazione che durante la malattia.

Possibili conseguenze della patologia

Ci sono due tipi di conseguenze della peritonite della cavità addominale. Il primo è le conseguenze della peritonite acuta. Sono molto pesanti e persino mortali per te.

  • scossa;
  • sanguinamento;
  • sepsi;
  • collasso;
  • insufficienza renale;
  • coagulabilità del sangue;
  • in ultima analisi, la morte.

Tutti richiedono una rianimazione immediata.

Il secondo è postoperatorio. È meno pericoloso e di solito non richiede un intervento chirurgico ripetuto.

Tali conseguenze includono punte, ernia, rottura dell'intestino. Le donne possono avere difficoltà a concepire un bambino.

Peritonite - cause, sintomi e trattamento

La peritonite è un'infiammazione del peritoneo, una membrana sottile che riveste la parete addominale e protegge gli organi interni. L'infiammazione è solitamente causata da un'infezione batterica o fungina di questa membrana. Ci sono due tipi principali di peritonite. La peritonite acuta primaria è dovuta alla diffusione dell'infezione nel sangue e nei linfonodi della cavità addominale. Questo tipo di peritonite è raro - meno dell'1% di tutte le diagnosi. Il tipo secondario di peritonite è più comune. Si verifica quando l'infezione penetra nel peritoneo dal tratto gastrointestinale e dalle vie biliari. In entrambi i casi, gli effetti della peritonite sono molto gravi e possono mettere in pericolo la vita se non vengono adottate misure mediche di emergenza.

Sintomi principali

Il quadro clinico della peritonite si sviluppa rapidamente e si manifesta con sintomi acuti, che possono portare a shock doloroso. I probabili segni di peritonite includono:

  • dolore acuto o acuto di natura diffusa su tutte le superfici della parete addominale anteriore;
  • un forte aumento della temperatura corporea ai numeri critici;
  • completa mancanza di appetito;
  • sete forte e bocca secca;
  • una sensazione di pesantezza nell'addome è accompagnata da un bisogno di vomitare;
  • una forte diminuzione del volume della produzione di urina;
  • violazione di atti di defecazione e rimozione naturale dei gas dall'intestino.

A qualsiasi sensazione dolorosa in una cavità addominale la consultazione medica immediata è necessaria. La peritonite acuta può svilupparsi in poche ore e portare ad una morte improvvisa del paziente. Pertanto, si dovrebbe cercare aiuto medico in modo tempestivo.

Cause di infiammazione

La forma primaria di peritonite purulenta acuta è spesso causata da malattie del fegato, dello stomaco e degli organi genitali femminili. Qualsiasi ristagno di liquido nella cavità addominale è un ambiente favorevole per la moltiplicazione dei patogeni. peritonite purulenta non rara acuta si verifica a causa di gravidanza ectopica, ascite, appendicite.

Non meno comuni sono le seguenti cause di peritonite:

  1. pancreatite con necrosi pancreatica;
  2. colelitiasi;
  3. perforazione dell'ulcera gastrica;
  4. intossicazione acuta con sostanze velenose;
  5. bruciare le malattie;
  6. aborti spontanei e aborti spontanei;
  7. aborti criminali di gravidanza nei primi e nei tardivi periodi.

In un certo numero di casi, la peritonite si sviluppa dopo la dialisi peritoneale. Ciò può essere una conseguenza della violazione delle regole asettiche durante le procedure mediche.

Diagnosi clinica della peritonite purulenta acuta

Per una diagnosi tempestiva della peritonite, è importante un quadro clinico chiaro. L'uso di vari anestetici può distorcerlo. Pertanto, con dolore acuto nell'addome e nella cavità addominale, non si dovrebbero assumere analgesici per conto proprio. Aspetta che arrivi l'ambulanza. Uno specialista esperto ti esaminerà e prescriverà il trattamento appropriato.

All'ispezione visiva è possibile definire:

  • dolore nella palpazione;
  • tensione della parete addominale anteriore;
  • gonfiore nell'addome;
  • cambiamento nella colorazione della pelle della parete addominale anteriore fino a una sfumatura cianotica;
  • la pressione arteriosa è diminuita;
  • il polso è rapido;
  • la pelle è coperta da un sudore appiccicoso;
  • la peristalsi dell'intestino non viene sfruttata durante l'auscultazione;
  • l'ammalato sperimenta i più forti dolori del peritoneo;
  • la temperatura corporea è aumentata a 39 - 40 gradi Celsius.

In condizioni ospedaliere vengono eseguite le seguenti procedure:

  • un esame del sangue generale con una formula di leucociti espanso;
  • analisi del sangue biochimica;
  • semina di sangue per bacimimony;
  • analisi del fluido ottenuto mediante puntura addominale;
  • tomografia computerizzata di organi addominali;
  • L'esame radiografico della cavità addominale e degli organi pelvici nelle donne consente di trovare rapidamente la causa della peritonite.

L'ecografia di solito non è efficace a causa della scarsa acustica attraverso il peritoneo infiammato.

trattamento

Ai primi sintomi di peritonite, dovresti cercare un aiuto medico. La morte di un malato può manifestarsi qualche ora dopo la comparsa dei primi segni di questa malattia. L'ammissione obbligatoria al reparto chirurgico è indicata. Viene eseguita una chirurgia d'urgenza per eliminare la causa della peritonite e la disinfezione del peritoneo.

Un'ulteriore terapia antibatterica viene utilizzata per controllare la crescita e l'abbondanza della microflora batterica. Nel periodo di recupero vengono utilizzati farmaci che favoriscono la rigenerazione dei tessuti e il ripristino del normale funzionamento di tutti gli organi della cavità addominale.

Quando si sceglie un antibiotico, il medico basa l'analisi preliminare della microflora batterica del contenuto del substrato infiammatorio nella cavità del peritoneo. La sensibilità agli antibiotici è determinata. Il corso del trattamento è di almeno 14 giorni.

Dieta dopo peritonite

Nelle prime ore successive all'intervento, per la peritonite è prescritto un alimento completo e un riposo a bere. È permesso solo inumidire le labbra del paziente. Il recupero del volume del sangue e del liquido intercellulare viene eseguito per via parenterale mediante infusione endovenosa di glucosio, plasma sanguigno e soluzione fisiologica.

In futuro, la dieta per la peritonite dovrebbe includere purè di alimenti, porridge di muco, gelatina. Sono esclusi i prodotti che provocano la peristalsi intestinale attiva. La definizione della dieta finale dipende in gran parte dalla causa della peritonite, cioè dalla malattia di base. Quando rimuovi la cistifellea, questa sarà una dieta, con una resezione dello stomaco ti verranno dati consigli completamente diversi. La quantità di cibo in una porzione dovrebbe essere drasticamente ridotta. Il cibo dovrebbe essere frequente e frazionario.

La prevenzione e il trattamento della disbiosi sono importanti. Dopo un intervento chirurgico sul peritoneo sullo sfondo della terapia antibatterica, la microflora intestinale soffre in larga misura. Pertanto, un medico può raccomandare l'uso di additivi speciali, che includono lattobacilli, bifidobatteri e vari ceppi di E. coli.

Potenziali complicazioni

Le complicanze della peritonite possono essere suddivise in conseguenze immediate e problemi di salute a lungo termine. complicazioni immediate includono sepsi, coagulazione del sangue, morte del paziente, insufficienza renale acuta, sanguinamento, collasso, condizioni di shock. In futuro, la peritonite può ricordarci una malattia commissurale, l'ernia postoperatoria, le violazioni della motilità intestinale. In un certo numero di pazienti che hanno manifestato peritonite purulenta acuta, si sviluppano ostruzione intestinale e malattie oncologiche degli organi della cavità addominale. Nelle donne, la peritonite può complicare la storia ostetrica. Più del 20% delle donne che hanno avuto una peritonite acuta hanno successivamente difficoltà con l'inizio della gravidanza fisiologica.

Peritonite, che cos'è? Sintomi e trattamento

La peritonite è il processo di infiammazione peritoneale. Con la peritonite, c'è una rottura nel funzionamento degli organi a causa di una forte intossicazione del corpo. Il tessuto connettivo del peritoneo avvolge tutti gli organi interni della cavità addominale e serve da contenimento tra l'ambiente interno della cavità addominale e muscoli addominali.

Quando esposto a agenti patogeni o agenti chimici sulla superficie del peritoneo, è in grado di rilasciare sostanze specifiche che fermano questo processo. Se il numero di fattori patogeni è elevato, il peritoneo è coinvolto nell'infiammazione e si verifica la peritonite. La peritonite è una condizione molto pericolosa per la vita. Quando si verifica, è necessario un aiuto medico urgente e un trattamento urgente, altrimenti è possibile un esito fatale.

Cos'è?

La peritonite è un'infiammazione dei fogli parietali e viscerali del peritoneo, che è accompagnata da una grave condizione generale del corpo. La definizione generale non riflette completamente la patologia problematica: dal punto di vista di un chirurgo pratico, gli ascessi della cavità addominale dovrebbero essere esclusi dalla definizione generale. Di norma, la peritonite minaccia la vita del paziente e richiede cure mediche urgenti. La prognosi in caso di trattamento inopportuno o inadeguato di peritonite è molto sfavorevole.

cause di

La peritonite è primaria quando la malattia si sviluppa a causa dell'ingresso di microrganismi nella cavità addominale con flusso sanguigno o linfatico e secondaria, quando la malattia si sviluppa nell'infiammazione, perforazione, danni agli organi situati nella cavità addominale.

Si possono distinguere le seguenti cause, che portano alla comparsa di peritonite:

  1. Danni agli organi della cavità addominale;
  2. Operazioni eseguite sugli organi della cavità addominale;
  3. Peritonite ematogena (pneumococco, streptococco, ecc.);
  4. Processi infiammatori che si verificano negli organi della cavità addominale (appendicite, colecistite, salpingite, ecc.);
  5. Processi infiammatori di qualsiasi origine, non associati agli organi addominali (parete addominale del flemmone dell'addome, processi purulenti, localizzati nel tessuto retroperitoneale).
  6. Le perforazioni nel addominale (stomaco o del duodeno 12 con ulcera peptica, appendicite a appendicite gangrenosa o flemmonosa, colecisti colecistite distruttiva, del colon nella colite ulcerosa).

Distinguere tra peritonite batterica e asettica. Attivatori peritonite batterica sono entrambi microrganismi aerobi (Escherichia coli, Klebsiella, Proteus, Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus) e anaerobico (Bacteroides, Clostridium, peptokokki). Spesso, la peritonite è provocata da un'associazione microbica, cioè una combinazione di diversi microrganismi.

La peritonite asettica si sviluppa a contatto del peritoneo con sangue, contenuto gastrointestinale, bile, succo pancreatico. È interessante notare che dopo alcune ore la microflora è coinvolta nel processo patologico e la peritonite asettica diventa batterica.

Sintomi di peritonite

Tutti i sintomi osservati nella peritonite possono essere suddivisi in locali e generali. Sintomi locali si verificano in risposta all'irritazione del peritoneo con contenuto di essudato, bile, gastrico. Questi includono dolore addominale, tensione muscolare nella parete addominale anteriore, nonché sintomi positivi di irritazione del peritoneo, che possono essere rivelati al medico quando esaminati.

I sintomi comuni si sviluppano su uno sfondo di intossicazione del corpo. Questi sono sintomi non specifici, come febbre, debolezza, tachicardia, nausea, vomito, confusione. Inoltre, il paziente non solo i segni di infiammazione del peritoneo, ma anche i sintomi della malattia di base che ha provocato la peritonite.

I sintomi della peritonite addominale per fasi:

  1. Fase reattiva. La fase iniziale è caratterizzata dalla predominanza dei sintomi locali e dallo sviluppo iniziale dei sintomi generali. La sua durata varia da diverse ore a diversi giorni. Nella peritonite purulenta acuta, la sua durata è limitata a 24 ore. In questa fase, il paziente è in una posizione forzata, di solito sdraiato sulla schiena con le gambe portate all'addome. Ci sono sintomi così comuni come la temperatura e le palpitazioni cardiache. La temperatura è causata dall'attività vitale dei batteri e dalla loro penetrazione nel sangue. Il grado di aumento della temperatura è direttamente proporzionale alla patogenicità dei microrganismi. Quindi, con la peritonite da streptococco e stafilococco, la temperatura sale a 39 - 40 gradi Celsius. Quando tubercolare - 38 gradi. Contemporaneamente all'innalzamento della temperatura, aumenta il numero di battiti del cuore. In questa fase della malattia, è associato alla febbre. È noto che per ogni grado elevato il cuore aumenta il numero dei suoi tagli di 8 battiti al minuto. In questa fase compaiono anche nausea e vomito. La lingua del paziente diventa coperta e secca. Quando il paziente viene esaminato, c'è una respirazione superficiale e gentile. Con una sindrome del dolore moderata, coscienza chiara, con shock da dolore - confuso. Anche in questa fase, vengono rivelati sintomi oggettivi di irritazione del peritoneo, come il sintomo di Shchetkin-Blumberg.
  2. Fase tossica Questa fase dura da 24 a 72 ore. Comincia a prevalere sintomi generali, che sono dovuti a intossicazione generale, disturbi del metabolismo idrico-elettrolitico e disturbi metabolici. Le tossine con sangue e flusso linfatico sono trasportate in tutto il corpo. Innanzitutto, raggiungono il fegato e i polmoni, causando insufficienza epatica e problemi al polmone. La respirazione diventa frequente, superficiale, a volte intermittente. Il paziente continua a vomitare in modo accidentale, mentre il vomito diventa fetido. Le principali complicanze in questa fase sono associate a disidratazione e disturbi dell'elettrolito dell'acqua. In connessione con la violazione del tono vascolare e il cambiamento della permeabilità della parete vascolare (tutti causati dall'azione delle tossine), il liquido penetra nella cavità del peritoneo. Lo stato di anidrite si sviluppa, per cui è caratteristica una diminuzione del livello di fluido nel corpo. Il paziente ha sete, che non passa bevendo. La lingua diventa secca, rivestita con un rivestimento marrone. La pressione arteriosa scende e la frequenza cardiaca viene compensata a 140 battiti al minuto. Allo stesso tempo, a causa dell'ipovolemia (bassa pressione sanguigna), i suoni del cuore diventano sordi e deboli. Il vomito frequente porta alla perdita non solo di acqua, ma anche di sali del corpo. A causa di ipopotassiemia e iponatriemia, possono verificarsi convulsioni o aritmia. Le condizioni del paziente peggiorano ancora di più quando si sviluppa l'oliguria. In questo caso, il volume giornaliero di urina diminuisce da un tasso di 800 - 1500 a 500 ml. È noto che nelle urine tutti i prodotti metabolici sono escreti dal corpo. Questi includono urea, acido urico, indikan. Tuttavia, con l'oliguria, non vengono escreti, ma rimangono nel corpo. Ciò porta a un'intossicazione ancora maggiore del corpo. Allo stesso tempo, i sintomi locali di peritonite vengono cancellati. La tensione muscolare scompare e viene sostituito da un gonfiore. In questa fase si sviluppa la paresi dell'intestino, per cui l'assenza della sua peristalsi è caratteristica. Inoltre, il dolore scompare o scompare completamente, che è dovuto all'accumulo di essudato nella cavità del peritoneo. Se non si adottano misure di emergenza, allora questa fase può andare a quella terminale.
  3. Terminal. Si sviluppa dopo 72 ore o più dall'inizio della malattia. È caratterizzato dalla disidratazione del corpo e dallo sviluppo dello stato precomatoso. Il volto del paziente in questa fase corrisponde alle descrizioni di Ippocrate (facies Hippocratica). Le caratteristiche di questa faccia sono affilate, gli occhi e le guance si affondano, la carnagione acquista una sfumatura terrosa. La pelle diventa molto secca e tesa a tal punto che viene premuto il whisky. La coscienza è confusa, il paziente rimane spesso immobile. L'addome è pesantemente gonfiato, la palpazione è indolore. Il polso del paziente è filiforme, la respirazione è intermittente. Oggi, la fase terminale, ovviamente, è estremamente rara. La gravità dei sintomi locali e generali nella peritonite dipende dalla portata della sua diffusione e dalla causa della malattia. Il decorso classico è osservato con peritonite diffusa. Con forme localizzate, i sintomi non sono così pronunciati.

diagnostica

La diagnosi di peritonite addominale include un'attenta raccolta dell'anamnesi e la valutazione dei reclami dei pazienti. Specifica una patologia cronica del sistema digestivo come la malattia ha cominciato, per essa, la gravità delle sindromi dolorose e intossicazione, durata della malattia (fino a 24 ore, due giorni o 72 ore o più).

Metodi di indagine strumentale:

  • Ultrasuoni degli organi della cavità addominale (secondo indicazioni e piccola pelvi);
  • Radiografia della cavità addominale (con ulcerazione dell'ulcera - presenza di gas libero, con ostruzione dell'intestino - la ciotola di Kloyber);
  • laparocentesi (puntura della cavità addominale - massivo versamento);
  • puntura attraverso la volta posteriore vaginale (con processi infiammatori pelvici);
  • laparoscopia diagnostica.

Dai metodi di laboratorio utilizzati per la ricerca:

  • un esame del sangue generale (crescita dei leucociti a 12.000 e oltre, o una diminuzione dei globuli bianchi a 4.000 o meno, spostare la formula a sinistra, accelerare ESR);
  • analisi del sangue biochimica (albumina, enzimi epatici, zucchero, enzimi pancreatici, ecc.);
  • analisi generale di urina;
  • lo stato acido-base è determinato.

L'esame clinico valuta l'impulso (fino a 120), la pressione sanguigna (diminuzione), la frequenza respiratoria e l'addome. La parete addominale viene palpata, la cavità dell'addome viene ascoltata, vengono determinati i segni di irritazione del peritoneo.

complicazioni

Complicazioni da un tipo specifico di infiammazione sono interessate. I più comuni sono:

  1. Ostruzione intestinale di Vesidiviruyuschaya - avere una stretta relazione con le punte sopra, perché portano a difficoltà nel promuovere il contenuto dell'intestino.
  2. Adesioni intraperitoneali (connessione permanente anormale tra due aree infiammate della superficie peritoneale, a volte possono verificarsi picchi tra il peritoneo e l'intestino);
  3. Gli ascessi intraperitoneale e sub-diaframmatico sono cavità chiuse contenenti pus, separate dal resto della cavità addominale attraverso le aderenze. La loro autopsia può essere il punto di partenza per la reinfiammazione del peritoneo.

Il trattamento consiste principalmente nel funzionamento e nell'eliminazione della causa dell'infiammazione del peritoneo, ad esempio l'archiviazione dell'ulcera gastrica o la rimozione dell'appendicite. Inoltre, il trattamento può essere utilizzato sotto forma di antibiotici e analgesici.

Come trattare la peritonite?

Secondo le idee moderne, uno dei principali fattori che determinano la gravità e l'esito avverso della peritonite è la sindrome dell'intossicazione endogena.

Nelle fasi iniziali dello sviluppo, i metodi chirurgici con radicale sanificazione della focalizzazione primaria e della cavità addominale sono ampiamente utilizzati con successo. Tuttavia, in primo luogo, non è sempre possibile sanare radicalmente un fuoco purulento; in secondo luogo, al momento dell'operazione, il processo infiammatorio nella cavità addominale può acquisire il carattere di un'infezione generalizzata. Procedendo da quanto sopra, l'interesse della medicina moderna è chiaro per i metodi di rimozione dei prodotti tossici dal lume intestinale.

È abbastanza logico aumentare l'effetto di disintossicazione raggiunto dal drenaggio del tratto gastrointestinale in combinazione con enterosorbenti. A questo proposito, è giustificato cercare tali enterosorbenti che possiedono tutte le qualità positive degli assorbenti granulari, ma differiscono da essi per fluidità e capacità acquisita di passare attraverso vari canali di scolo. Dati sperimentali e osservazioni cliniche indicano che l'enterosorbimento con polifepina può essere utilizzato in un complesso di misure contro l'endotossicosi nella peritonite diffusa.

Con alcune eccezioni (peritonite limitata di origine ginecologica), la diagnosi di "peritonite acuta" implica la necessità di un intervento chirurgico urgente per identificare ed eliminare la fonte di peritonite, igiene.

La necessità di un trattamento tempestivo nel 1926, SI Spasokukotsky disse: "Con la peritonite, l'operazione nelle prime ore dà fino al 90% di recupero, il primo giorno - 50%, dopo il terzo giorno - solo il 10%." Va notato che nel 1926 non esistevano antibiotici, che aumentavano notevolmente la percentuale dei recuperi.

Dopo l'operazione

Nel periodo postoperatorio, possono esserci alcuni problemi associati al normale funzionamento dell'intestino, una forte sindrome del dolore, lo sviluppo di complicanze purulente. consigliata:

  • monitoraggio orario della frequenza di respirazione, polso, diuresi, pressione venosa centrale, scarico del drenaggio;
  • terapia infusionale con soluzioni colloidali e cristalloidi;
  • Per riscaldare i pazienti, il mezzo di infusione viene riscaldato alla temperatura corporea;
  • i polmoni sono ventilati per 72 ore per un sufficiente apporto di ossigeno agli organi e ai tessuti;
  • una soluzione di glucosio viene iniettata attraverso un sondino nasogastrico;
  • recupero precoce della peristalsi intestinale;
  • prevenzione della sindrome del dolore. Analgesici narcotici usati in combinazione con farmaci antinfiammatori non steroidei. Utilizzare fentanil, morfina, ketorolac.

prevenzione

Peritonite, di regola, è una complicazione delle malattie esistenti della cavità addominale. Si sviluppa spesso sullo sfondo di appendicite, pancreatite e ulcere gastriche. Lo scopo della profilassi della peritonite è informare la popolazione del suo pericolo e la diagnosi tempestiva delle malattie che lo portano.

prospettiva

La durata del trattamento dipende cause della malattia peritonite e della gravità.

In media, questo è 2-4 settimane, ma con un processo diffuso e trascurato, la previsione è sfavorevole. In un periodo fino a 24 ore, la prognosi della peritonite è generalmente favorevole, con una mortalità che va dal 20 al 90% per un periodo più lungo di 24 ore.

peritonite

Tra tutte le patologie degli organi addominali, la peritonite (infiammazione del peritoneo) ha la più alta percentuale di mortalità. Più tardi il paziente si rivolge al medico, meno le sue possibilità di recupero. Negli ultimi anni, i tassi di mortalità sono diminuiti in modo significativo, a causa dei significativi progressi della medicina. Tuttavia, in alcuni casi, anche i chirurghi più esperti sono impotenti.

Importanti fatti storici

Con il quadro clinico della peritonite, la medicina è nota da tempo. Il suo trattamento chirurgico è stato effettuato nell'antico Egitto e in India. La prima descrizione della malattia fu fatta da un antico medico greco: Ippocrate. La data esatta non è nota, ma i medici usano ancora la sua collezione per chiarire i sintomi e fare la diagnosi.

In Russia, la prima descrizione della patologia è stata fatta all'inizio del XIX secolo da V. Shabanov (chirurgo militare). Allo stesso tempo, iniziarono le operazioni per aprire la cavità addominale.

Un significativo contributo alla storia della guarigione dalla peritonite è stato fatto da V. Kert nel 1892, che ha insistito sulla necessità di eseguire l'operazione in primo luogo e rinviare il resto delle misure per il periodo postoperatorio. Grazie a questa affermazione, è stato possibile ridurre significativamente la percentuale di decessi dall'87% al 66%. In Russia c'era un'immagine simile. Qui, l'intervento chirurgico di emergenza cominciò ad essere utilizzato dal 1913.

Nel trattamento della peritonite, gli antibiotici sono diventati il ​​reperto più importante e hanno ridotto la mortalità nel periodo reattivo al 15%.

Cos'è la peritonite

La peritonite è un'infiammazione delle placche addominali sierose, la maggior parte delle quali è causata da una flora batterica. I patogeni più frequenti sono streptococchi ed E. coli.

Cause e varietà della malattia

Il decorso della malattia può essere:

  • affilato. I suoi sintomi sono pronunciati e provocano forti dolori al paziente.
  • cronico. Si verifica abbastanza raramente (nel 0,3-0,5% dei casi). Questa forma può manifestarsi con un processo infiammatorio prolungato di altri organi. Segni lubrificati, quindi non sempre è possibile stabilire la causa di disturbi nel tempo.
  • sistema linfatico;
  • il sangue;
  • Tubi di Falloppio.
  • lesioni ulcerative dell'apparato digerente;
  • appendicite;
  • pancreatite;
  • Malattia di Crohn;
  • necrosi pancreatica;
  • forma flemmonica di colecistite;
  • diverticoli;
  • ostruzione intestinale;
  • rottura della cisti.
  • succo gastrico e pancreatico;
  • bile;
  • il sangue;
  • urine.
  • tubercolosi renale;
  • infiammazione delle tube di Falloppio (salpingite);
  • infiammazione dell'intestino (enterocolite).

Tutte le peritoniti possono essere suddivise nelle seguenti forme, a seconda della natura del danno:

  • Fibroso (adesivo). Portano alla formazione di un processo adesivo sulla superficie degli organi interni. A questo proposito, il loro lavoro è violato e ci sono lamentele tipiche.
  • Sieroso. Compaiono in un gruppo di essudati sierosi all'interno della cavità addominale. Tali pazienti si lamentano di forti dolori, febbre alta e assenza di vomito.
  • Emorragica. Associata all'irritazione del peritoneo, dovuta all'ingresso di sangue. Tale patologia può verificarsi a seguito di lesioni e sanguinamento estensivo associato alla malattia di base.
  • Bile. Si verificano dopo che la bile entra nella cavità addominale. La sostanza è estremamente aggressiva. Porta rapidamente alla necrosi dei tessuti circostanti e si diffonde attraverso il flusso sanguigno sistemico, avvelenando il corpo nel suo complesso e causando gravi conseguenze.
  • Purulenta. Causato da una specifica flora purulenta e sorge quando l'integrità dei gusci della cavità addominale e il trasferimento di contenuti nello spazio peritoneale. La causa può essere patologie acute del tratto gastrointestinale o traumi addominali.
  • Sgabello. Come risultato della perforazione della parete intestinale e dell'ingestione dei suoi contenuti all'esterno.
  • Putrefazione. Queste peritoniti si presentano come conseguenza della rottura dell'appendice.

In base all'area della lesione, si verifica la peritonite:

  • Locale (limitato). Quando i confini del processo infiammatorio possono essere chiaramente definiti.
  • Diffuse. Nel caso in cui la peritonite si sviluppi su tutta la superficie del peritoneo e non abbia sfaccettature chiare.

sintomi caratteristici

La peritonite acuta sta progredendo rapidamente. I sintomi principali dipendono dallo stadio in cui si trova la malattia:

  • Periodo reattivo (24 ore dopo l'infezione) inizia con forti dolori addominali che hanno una chiara localizzazione. Possono dare ad altre parti del corpo, più spesso nella scapola e nella clavicola. A poco a poco, il dolore perde il suo epicentro e il paziente può sentire dolore in tutta l'area addominale. I sintomi generali sono scarsamente espressi, ma l'aspetto del paziente ha già alcune caratteristiche speciali: caratteristiche facciali appuntite e la sua espressione sofferente, cerchi scuri sotto gli occhi combinati con il pallore della pelle. In medicina, questo segno è chiamato "la faccia di Ippocrate".
  • Periodo tossico (4-72 ore) si esprime nella crescente intossicazione generale e può manifestarsi come un forte vomito di non portare sollievo. Nella sua composizione, puoi trovare la bile, le feci, il sangue. Il paziente aumenta significativamente la temperatura corporea e la frequenza cardiaca aumenta (fino a 120-140 battiti al minuto). A causa della grande perdita di liquidi, molto rapidamente, si verifica la disidratazione. Il paziente può provare uno stato di "euforia" e una riduzione del dolore, che è un sintomo pericoloso, e non indica una guarigione.
  • Periodo terminale (72 ore o più) è definitivo e porta rapidamente alla morte. Secondo le statistiche, solo il 10% dei pazienti riesce a sopravvivere dopo una tale patologia. La forma è considerata irreversibile a causa del danneggiamento degli organi vicini e dell'interruzione dell'intero organismo. Vomito aumenta solo, si osserva un comportamento inadeguato, appare un sudore sulla fronte. Quando la palpazione dell'addome non avviene, ciò è dovuto alla morte delle terminazioni nervose del peritoneo. Lo stomaco è traboccato di gas e l'escrezione di urina e feci non si verifica.

Quando ci sono segni evidenti di intossicazione (vomito, febbre, battito cardiaco frequente, ecc.) In combinazione con un forte dolore all'addome, è necessario assumere una posizione orizzontale e chiamare un'ambulanza. Prima del suo arrivo, non dovresti intraprendere alcuna azione indipendente.

Metodi di diagnosi informativi

Durante il trattamento iniziale, il paziente viene esaminato. Il suo aspetto può già indicare un processo patologico che si verifica nel corpo.

a palpazione (palpazione, carezze) dell'addome, rivela la tensione pronunciata delle sue pareti.

L'applicazione delle seguenti tecniche dà un risultato positivo:

  • Shchetkina-Blumberg. Premendo dolcemente sulla parete addominale e ritirando bruscamente le dita, si provoca un aumento del dolore.
  • Resurrezione. Tenendo una mano attraverso la camicia del paziente, lungo la parete addominale dal processo sinuoso, si intensifica il dolore.
  • Medel. Con una leggera percussione (picchiettamento) sulla parete dell'addome, si verifica un'esacerbazione del dolore.

Se sospetti una peritonite, il paziente può identificare:

  • "Rumore di schizzi";
  • "Grave silenzio";
  • "Il suono di una goccia che cade".

Le analisi del sangue di laboratorio aiuteranno a scoprire la presenza di ubriachezza, per questo è necessario passare:

  • analisi generale e dettagliata;
  • biochimica;
  • un coulogramma.

Per identificare questa fonte, conduci ampi radiografia La cavità addominale con l'uso del contrasto (miscela di bario).

La peritonite può essere indicata dai seguenti sintomi:

  • Presenza di "Clauber Bowls". L'immagine identifica chiaramente le aree gonfie dell'intestino, pieno di gas e liquido. Nella posizione verticale del paziente, il liquido in queste formazioni è posto orizzontalmente.
  • Sintomo "Falce". Rilevazione del gas libero sotto la cupola del diaframma.

In alcuni casi, CT (tomografia computerizzata).

Se dopo gli studi condotti la diagnosi non può essere confermata o la sua causa rimane inspiegabile, puntura addominale (laparocentesi) e esame endoscopico, che viene introdotto attraverso una piccola puntura (laparoscopia diagnostica).

Il rilevamento della peritonite postoperatoria è significativamente complicato:

  • l'impossibilità di eseguire una varietà di tecniche;
  • prendendo farmaci.

Trattamento chirurgico

La peritonite è eliminata solo in un ospedale. Dopo aver impostato la diagnosi esatta, il paziente viene inviato all'operazione in un ordine di emergenza. Ogni minuto di ritardo riduce la possibilità di un esito favorevole della procedura.

Per ridurre i rischi durante l'operazione, è necessario attuare alcune misure preparatorie:

  • direttamente sul tavolo operatorio, cerucal iniettato per via endovenosa (10-20 mg) o midazolam (5 mg);
  • per ridurre l'acidità dello stomaco, utilizzare ranitidina (50 mg) o omeprazolo (40 mg);
  • eseguire la ventilazione artificiale dei polmoni;
  • applicare la terapia per infusione, consistente nell'introduzione di una goccia di soluzione fisiologica (circa 1,5 litri);
  • stabilire cateteri sulla vescica, la vena centrale e periferica.
  • aprire la cavità addominale;
  • rimuovere o isolare la fonte di infezione;
  • lavare la cavità con soluzioni speciali;
  • scarico (se necessario);
  • effettuare misure di decompressione (riduzione della pressione) nell'intestino tenue;
  • sutura.

La decontaminazione è la fase più importante. È effettuato con i seguenti mezzi:

  • Soluzione acquosa allo 0,02% di clorexidina;
  • Soluzione allo 0,6% di ipoclorito di sodio.

Installazione sonda nazogastrointestialnoy, consente di effettuare una decompressione dell'intestino tenue.

Il drenaggio della cavità addominale o delle sue singole sezioni viene effettuato attraverso l'ano.

Prima della fine dell'operazione, il paziente riceve un drenaggio speciale dal clorovinile per la somministrazione di farmaci e l'aspirazione dell'essudato.

Periodo postoperatorio ricostruttivo

Nelle prime 72 ore dopo l'intervento, il paziente viene attentamente monitorato:

  • ogni ora la diagnosi e la valutazione di pressione, respirazione, polso, scarico dal drenaggio;
  • per escludere il minimo sovraraffreddamento, tutte le soluzioni iniettate riscaldano le temperature corporee del paziente;
  • nel corso di 3 giorni, i polmoni sono sottoposti a ventilazione artificiale, per un sufficiente apporto di ossigeno ai tessuti e agli organi;
  • interrompere le sindromi dolorose con l'uso di analgesici, antispasmodici, analgesici e sostanze stupefacenti;
  • eseguire la terapia di infusione con soluzioni cristalloide e colloidali;
  • una soluzione di glucosio viene somministrata regolarmente;
  • ripristinare i perelstatics dell'intestino.
  • forte dolore;
  • complicanze suppurative (indicazione per una seconda operazione);
  • problemi nel lavoro dell'intestino.

Cosa fare come prevenzione

Provenendo dal fatto che la maggior parte della peritonite è causata da complicanze di altre malattie degli organi della cavità addominale, è necessario:

  • quando ci sono lamentele dal tratto digestivo, non intraprendere un'autoterapia, ma andare dal medico;
  • passare un sondaggio che includa metodi consigliati da specialisti;
  • in tempo per trattare tutte le patologie e prevenirne il passaggio a uno stadio cronico;
  • aderire alle diete, selezionate in base allo stato di salute;
  • in assenza di reclami, si svolgono 1-2 volte all'anno un esame preventivo (non sempre l'assenza di sintomi è un indicatore dell'assenza di problemi).

complicazioni

La peritonite è classificata come una patologia estremamente grave che, se non trattata, può portare a:

  • Shock tossico;
  • la disidratazione;
  • disordini nei polmoni;
  • sviluppo di insufficienza renale acuta.

Nel periodo postoperatorio il paziente può essere minacciato di:

  • assenza di attività motoria dell'intestino (paresi);
  • peritonite ripetuta;
  • infezione e suppurazione della sutura;
  • la formazione di aderenze e ostruzione intestinale.

Prevedere il destino di un paziente con una diagnosi - la peritonite è impossibile. Dipende da una chiamata tempestiva a un medico, un'operazione di qualità e un'adeguata assistenza nel periodo postoperatorio. Quando tutte le raccomandazioni del medico sono soddisfatte e la malattia di base viene eliminata, dopo 6-12 mesi, la malattia interessata assomiglierà solo alla cicatrice dell'addome. Ma il risultato potrebbe essere diverso, quindi devi essere vigile in relazione alla tua salute.

Sintomi e trattamento di peritonite

La peritonite è un'infiammazione del peritoneo. La malattia è considerata all'interno del concetto di "addome acuto", che è caratterizzato da dolore addominale e tensione muscolare della parete addominale anteriore. Nonostante il fatto che ogni anno i metodi di trattamento stiano migliorando sempre di più, la peritonite non diventa meno pericolosa. I tassi di mortalità per peritonite sono ancora piuttosto alti. Dunque, con la peritonite locale la mortalità è il 4-6%, e con diffusione - più del 45%.

Cause di peritoneite

Il peritoneo è una membrana sierosa che copre gli organi della cavità addominale. Il peritoneo che riveste la parete interna dell'addome è chiamato parietale e la superficie degli organi è viscerale. L'area totale del peritoneo è di circa 2 m 2.

Il peritoneo ha una capacità di assorbimento, che è designata come funzione di riassorbimento. Allo stesso tempo, ha la capacità di secernere fluido e fibrina nella cavità addominale - questa è una funzione essudativa. Normalmente, questi processi sono bilanciati e nella cavità addominale contiene solo una piccola quantità di liquido tra i fogli peritoneali. Durante lo stato patologico, i processi di essudazione sono attivati, a causa dei quali un notevole volume di liquido può accumularsi nella cavità addominale.

Si verifica la peritonite primario, quando la malattia si sviluppa a causa dell'ingresso di microrganismi nella cavità addominale con flusso sanguigno o linfatico, e secondario, quando la malattia si sviluppa con infiammazione, perforazione, danno agli organi situati nella cavità addominale.

Si possono distinguere le seguenti cause, che portano alla comparsa di peritonite:

  1. Processi infiammatori che si verificano negli organi della cavità addominale (appendicite, colecistite, salpingite, ecc.);
  2. Le perforazioni nel addominale (stomaco o del duodeno 12 con ulcera peptica, appendicite a appendicite gangrenosa o flemmonosa, colecisti colecistite distruttiva, del colon nella colite ulcerosa);
  3. Danni agli organi della cavità addominale;
  4. Operazioni eseguite sugli organi della cavità addominale;
  5. Peritonite ematogena (pneumococco, streptococco, ecc.);
  6. Processi infiammatori di qualsiasi origine, non associati agli organi addominali (parete addominale del flemmone dell'addome, processi purulenti, localizzati nel tessuto retroperitoneale).

distinguere batterico e asettico peritonite. Attivatori peritonite batterica sono entrambi microrganismi aerobi (Escherichia coli, Klebsiella, Proteus, Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus) e anaerobico (Bacteroides, Clostridium, peptokokki). Spesso, la peritonite è provocata da un'associazione microbica, cioè una combinazione di diversi microrganismi.

La peritonite asettica si sviluppa a contatto del peritoneo con sangue, contenuto gastrointestinale, bile, succo pancreatico. È interessante notare che dopo alcune ore la microflora è coinvolta nel processo patologico e la peritonite asettica diventa batterica.

Tipi di peritonite

A seconda della prevalenza del processo infiammatorio, si distinguono queste forme di peritonite:

  • Locale (occupa una sezione anatomica della cavità addominale);
  • Comune (sono coinvolte 2-5 divisioni anatomiche della cavità addominale);
  • Totale (sono coinvolte sei o più divisioni anatomiche della cavità addominale).

È anche importante considerare il tipo di essudato. Pertanto, a seconda della natura dell'essudato, si distinguono queste forme di peritonite:

  • sierosa;
  • fibrinoso;
  • purulenta;
  • emorragica;
  • Gall;
  • Le feci;
  • Misto.

La peritonite è anche acuta e cronica. Forma cronica della malattia è più comune nelle infezioni sistemiche del corpo (sifilide, tubercolosi). Peritonite acuta scorre in tre fasi: reattivo, tossico, terminale.

Il primo stadio (reattivo) viene registrato nelle prime 12-24 ore della malattia. Durante questo periodo, il peritoneo drena, essudato con la precipitazione della fibrina. Nel quadro clinico, i sintomi locali della malattia sono particolarmente pronunciati.

Il secondo stadio (tossico) si sviluppa in 24-72 ore. Durante questo periodo, aumenta la tossicosi, con conseguente generale sintomi di toxificazione prevalgono sul locale.

Il terzo stadio (terminale) si sviluppa dopo 72 ore. Questo periodo è caratterizzato da grave intossicazione.

Sintomi di peritonite

Tutti i sintomi osservati nella peritonite possono essere suddivisi in locali e generali. Sintomi locali si verificano in risposta all'irritazione del peritoneo con contenuto di essudato, bile, gastrico. Questi includono dolore addominale, tensione muscolare nella parete addominale anteriore, nonché sintomi positivi di irritazione del peritoneo, che possono essere rivelati al medico quando esaminati. I sintomi comuni si sviluppano su uno sfondo di intossicazione del corpo. Questi sono sintomi non specifici, come febbre, debolezza, tachicardia, nausea, vomito, confusione.

Inoltre, il paziente non solo i segni di infiammazione del peritoneo, ma anche i sintomi della malattia di base che ha provocato la peritonite.

Sintomi della prima fase di peritonite

I primi segni di peritonite sono un dolore costante, non diminuito nell'addome, che viene amplificato cambiando la posizione del corpo. Pertanto, il paziente giace sulla schiena o sul fianco con le ginocchia portate allo stomaco e cerca di non muoversi di nuovo. La localizzazione del dolore dipende dalla posizione del processo patologico nel peritoneo.

Durante l'esame del paziente, il medico può rilevare la tensione dei muscoli della parete addominale anteriore. Nella peritonite, ci sono sintomi positivi di irritazione del peritoneo. Quindi, per determinare il sintomo di Shchetkin-Blumberg, è necessario premere lentamente sull'addome, fissare la mano per un paio di secondi e poi bruscamente allontanarsi. Se in questo momento c'è un forte dolore, significa che una persona ha la peritonite.

Il sintomo di Mendel è determinato dalla percussione (tappatura) dell'intero addome. Secondo la reazione del paziente, il medico può non solo determinare l'intensificazione del dolore, ma anche la localizzazione del processo patologico.

Tra i sintomi generali, il paziente ha febbre, tachicardia, aumento della pressione sanguigna, secchezza delle mucose e nausea con vomito.

Sintomi della seconda fase della peritonite

Durante questo periodo, il dolore addominale può diventare meno pronunciato. La tensione dei muscoli della parete addominale anteriore, così come i sintomi di irritazione del peritoneo, sono presenti, ma diventano meno pronunciati. In prima linea ci sono sintomi come ritardo delle feci, flatulenza, gonfiore causato dalla paresi intestinale. Vi è abbondanza di vomito con odore fetido.

I sintomi generali di tossicità aumentano. La frequenza cardiaca del paziente aumenta (più di 120 battiti al minuto), la pressione sanguigna scende. La temperatura aumenta, la lingua e la mucosa della bocca si asciugano e le caratteristiche del viso sono puntate.

Sintomi della terza fase di peritonite

L'intossicazione diventa ancora più pronunciata. Sullo sfondo della disidratazione, la pelle del paziente impallidisce, i lineamenti del volto sono affilati, la membrana mucosa della bocca e la lingua sono asciutte. Le palpitazioni cardiache e la bassa pressione sono mantenute, e la respirazione diventa frequente, superficiale.

L'addome è gonfio, la peristalsi è assente, c'è abbondante vomito di contenuti gastrici e intestinali.

A causa della grave intossicazione, il sistema nervoso soffre: il paziente è allora adinamico, quindi cade in euforia. Ci può essere confusione, sciocchezze.

diagnostica

Con i sintomi di un "addome acuto" vengono effettuati i seguenti studi:

  • Esame del sangue clinico - si nota la leucocitosi e uno spostamento della formula dei leucociti a sinistra;
  • Esame rettale e vaginale - consente di rilevare il dolore pronunciato del retto o della volta vaginale a causa di irritazione del peritoneo pelvico con essudato infiammatorio peritoneale;
  • Esame a raggi X degli organi della cavità addominale - consente di determinare il blackout della cavità addominale a causa dell'essudato accumulato in esso;
  • Ultrasuoni della cavità addominale - consente di rilevare la presenza di fluido libero.
  • Laparocentesi (puntura addominale): consente di esaminare il contenuto della cavità addominale;
  • Laparoscopia - viene condotta in caso di dubbio nella diagnosi.

Trattamento di peritonite

Trattamento di peritonite - operativo. L'obiettivo del trattamento chirurgico è eliminare la causa che ha portato allo sviluppo della peritonite, così come il drenaggio della cavità addominale.

La sequenza di manipolazioni chirurgiche con peritonite si presenta così:

  1. Conduzione della preparazione preoperatoria (purificazione del tratto gastrointestinale, anestesia);
  2. Laparotomia (taglio della parete addominale anteriore dell'addome);
  3. Eliminazione della fonte di peritonite (rimozione dell'appendice, cistifellea, resezione dell'ulcera, sutura delle pareti dell'organo);
  4. Igiene della cavità addominale (lavaggio con soluzioni antisettiche);
  5. Decompressione dell'intestino;
  6. L'introduzione del drenaggio nella cavità addominale;
  7. Cucire una ferita.

La prognosi per il recupero è migliore quanto prima l'operazione è stata eseguita. Operazione ottimale nelle prime ore della malattia. L'intervento chirurgico, condotto un paio di giorni dopo la comparsa dei primi sintomi, riduce significativamente le possibilità di recupero del paziente. Pertanto, quando c'è dolore all'addome, non si può esitare, è necessario consultare urgentemente un medico.

Inoltre, il trattamento della peritonite è completato da farmaci. Lo scopo del trattamento farmacologico - l'eliminazione della microflora patogena, così come la correzione dei disturbi metabolici. Vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • Antibiotici - utilizzano principalmente antibiotici ad ampio spettro (gentamicina, sigmamicina, benzilpenicillina, ampicillina, ceftriaxone);
  • Mezzi di disintossicazione (soluzione di cloruro di calcio del 10%);
  • Soluzioni per infusione (5% e 25% di soluzioni di glucosio, hemodez, soluzioni di Ringer, Hartmann);
  • Agenti colloidali e preparati proteici di sangue (plasma, albumina, proteine);
  • Droghe diuretiche (furosemide, mannitolo);
  • FANS (ibuprofene, paracetamolo);
  • Farmaci antiemetici (metoclopramide);
  • I farmaci anticolinesterasici (proserina) - sono usati per prevenire lo sviluppo della paresi intestinale.

Nota: quando si verifica dolore addominale, non prescrivere l'auto-somministrazione di antidolorifici. Ciò porterà al fatto che i sintomi della malattia diventeranno meno pronunciati e discutibili, il che renderà difficile al medico determinare la diagnosi corretta.

Cure post-operatorie

Dopo l'operazione, è importante continuare il trattamento per evitare complicazioni.

Il secondo giorno dopo l'operazione inizia la nutrizione parenterale. Il volume di terapia per infusione è di circa 50-60 ml per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Quando si ripristina la motilità intestinale, entra nella nutrizione enterale: l'introduzione di miscele di nutrienti usando una sonda attraverso la bocca e il naso. La composizione delle miscele e la durata di tale alimentazione sono determinate dal medico.

Con dinamiche positive, il ripristino del normale lavoro intestinale va alla nutrizione naturale. Ciò si verifica di solito non prima del quinto giorno dopo l'operazione. È necessario aderire a una dieta ipocalorica. In questo periodo si consiglia di mangiare brodi di carne magra, puree vegetali, baci e composte. Aumentare gradualmente il contenuto calorico della dieta aggiungendo carne, uova e latticini. Non puoi mangiare ricchi brodi di carne, prodotti affumicati, spezie, dolciumi, cioccolato, caffè, bevande gassate, fagioli.

Più volte al giorno è necessario ispezionare la ferita postoperatoria, prestare attenzione alla purezza della benda, al grado di blotting. La benda dovrebbe essere cambiata regolarmente. Quando si cambia la medicazione, è necessario seguire le regole antisettiche e non permettere al tubo di drenaggio di muoversi.

Grigorova Valeriya, revisore medico

33.961 visualizzazioni in totale, 1 visualizzazioni oggi