Polipi nell'intestino

Polipi nell'intestino sono formazioni tumorali benigne Si mantiene sullo stelo o su una base larga e pende dalle pareti dell'intestino nel suo lume. I polipi nell'intestino possono apparire come conseguenza di processi infiammatori cronici della mucosa intestinale.

C'è anche una teoria che, anche nel periodo dello sviluppo embrionale, in alcuni casi c'è un eccesso di materiale embrionale. È lui che si trasforma in una tale educazione nel processo di infiammazione. Polipi iperplastici dell'intestino - piccoli, si trovano più spesso nel retto. Tali polipi non appartengono a formazioni neoplastiche.

Polipi amartomatosi nell'intestino crescere da tessuti normali, se la loro combinazione è insolita o un determinato elemento di tessuto si sviluppa in modo sproporzionato.

Polipi giovanili dell'intestino - sono polipi di tipo hamartomatous nel colon.

Polipi adenomatosi nell'intestino Essi sono opzionali predatkom. A seconda del tipo e della dimensione di tali polipi, dipende la probabilità della loro successiva degenerazione. Adenoma tubulare avere un colore rosa, superficie liscia e densa. per adenomi villosi caratteristica di un gran numero di escrescenze simili a rami sulla superficie. Nella maggior parte dei casi, hanno una base ampia e una consistenza morbida. In generale, la malattia è asintomatica, ma in alcuni casi, le feci possono diventare acquose, con la presenza di impurità di sangue scuro. Gli adenomi nasali sono più fortemente saturati dalle cellule, quindi c'è un maggiore rischio di degenerazione. Un altro tipo di adenoma - adenoma villoso tubulare. Contengono elementi di entrambi i tipi di adenomi. Polipi intestinali di tipo infiammatorio compaiono a causa della crescita della mucosa come reazione a un processo infiammato acuto. Queste non sono formazioni neoplastiche, ma il cosiddetto pseudotumor.

Sintomi di polipi nell'intestino

Di norma, le persone con polipi intestinali non mostrano sintomi pronunciati della malattia. Negli adenomi villosi, le feci possono contenere una grande quantità di muco. Può anche sorgere emorragia. Se i polipi nell'intestino sono troppo grandi, allora possono creare un'imitazione dei sintomi dell'ostruzione intestinale parziale, e quindi ci sarà dolore crampi.

Secondo studi, nel 95% dei casi di polipi adenomatosi e villosi cancro colorettale si verifica in 5-15 anni. In considerazione del fatto che la malattia si verifica senza sintomi significativi, i polipi si trovano nell'intestino, soprattutto durante endoscopia. Ma se i tumori dei villi crescono di dimensioni notevoli e raggiungono i due o tre centimetri, il paziente può avere secrezione di sangue e muco, dolore all'addome e all'ano, prurito anale. Una persona può apparire come costipazione, e diarrea. Se i tumori dei villi raggiungono dimensioni molto grandi, allora a causa dell'eccessiva escrezione di muco può essere significativamente compromessa omeostasi. Ciò è dovuto a grandi perdite proteina e elettroliti. Inoltre, a causa di intussuscezione, i polipi nell'intestino possono provocare un'ostruzione parziale o un'ostruzione totale acuta.

Diagnosi di polipi nell'intestino

Se il paziente si lamenta della presenza dei sintomi di cui sopra, lo specialista deve eseguire un esame con le dita del retto e sigmoidoscopia. Durante un esame digitale, un'area del retto accessibile per l'esame si trova a circa dieci centimetri dal bordo dell'ano. È molto importante applicare questo metodo di diagnosi su base obbligatoria, perché è per l'esperto un metodo informativo per rivelare un numero di malattie concomitanti nel retto che circonda la cellulosa e negli uomini per identificare problemi la ghiandola prostatica.

Prima di eseguire la sigmoidoscopia, è necessario preparare a fondo la procedura mettendo clisteri detergenti o assumendo lassativi orali in anticipo. La recto-manoscopia è un metodo che dà un quadro più ampio: ti permette di trovare la maggior parte delle formazioni nell'intestino, perché più della metà di tutti i polipi sono in dritto e colon sigmoide, cioè nella zona di penetrazione del rettoscopio, che viene introdotta a 25-30 cm. Se i polipi nell'intestino sono stati trovati, le sezioni del colon che sono più alte e lo stomaco dovrebbero essere esaminate con molta attenzione. Dopo tutto, i polipi colpiscono spesso diverse parti del tubo digerente. Per ulteriori ricerche, applicare radiologica e ricerca endoscopica.

Un altro metodo, spesso usato per rilevare i polipi, irrigoscopy. Con il suo aiuto, è possibile identificare la maggior parte dei polipi, la cui dimensione raggiunge 1 cm di diametro. Ma piccole formazioni sono difficili da rilevare. In considerazione di ciò, è necessario utilizzare colonscopio, che consente di diagnosticare polipi di qualsiasi dimensione.

Trattamento dei polipi nell'intestino

Per rimuovere polipi nell'intestino su un gambo sottile, utilizzare principalmente i metodi di elettrocoagulazione del ciclo durante una colonscopia. Se i polipi hanno una base ampia, di solito vengono asportati. Se la forma o le dimensioni dei polipi sono tali da non poter essere rimosse dall'endoscopia, vengono rimosse conducendo operazione chirurgica. Lo stesso vale per i polipi con segni di malignità.

Secondo le osservazioni di uno specialista, polipi, sincrono, cioè, quelli che appaiono simultaneamente sono osservati nel 20% dei casi, mentre nel 30% dei casi, le formazioni non sincrone vengono scartate. In considerazione di ciò, gli specialisti per l'individuazione dei polipi prescrivono una radiografia con bario e una colonscopia completa. Questi metodi possono essere combinati e applicati ogni tre anni. Ogni anno, le persone con polipi sono controllate per le feci di sangue nascosto.

Polipi, in cui è passato il processo di rinascita, e il cosiddetto cancro precoce, viene rimosso utilizzando una tecnica endoscopica. Ma il medico prende in considerazione alcune caratteristiche. Quindi, è importante che tali polipi soddisfino le seguenti caratteristiche: devono aderire alla gamba, la degenerazione maligna si osserva solo sulla testa del polipo, le formazioni non germinano con gli elementi sistema venoso o linfatico.

Dopo l'operazione, i pazienti devono essere costantemente sotto supervisione del dispensario. Se i polipi benigni nell'intestino sono stati rimossi, il paziente deve essere esaminato circa due mesi dopo. Dopo di che, è obbligatoria la visita di uno specialista ogni sei mesi. Se i tumori villi sono stati rimossi, allora l'esame è noioso da eseguire ogni tre mesi. Questo programma è rilevante nel primo anno dopo la rimozione dei polipi, un'ulteriore ispezione viene effettuata una volta all'anno. È importante considerare che dopo la rimozione dei polipi è possibile recidiva della malattia.

Prevenzione dei polipi nell'intestino

È importante considerare che, in presenza di parenti ai quali è stata diagnosticata la presenza di polipi nell'intestino, il rischio di una tale malattia aumenta da quattro a cinque volte.

Pertanto, è importante seguire misure preventive. Quindi, è molto importante mangiare cibi sani, bere molta acqua e mangiare regolarmente fibra. Non è raccomandato l'uso di prodotti raffinati. Dovresti smettere di fumare e cercare di seguire uno stile di vita sano e attivo. È anche molto importante non consentire costipazione, che può provocare processi infiammatori e, di conseguenza, lo sviluppo di polipi.

I polipi nell'intestino sono i primi sintomi e manifestazioni. Diagnosi, rimozione e trattamento della poliposi a livello intestinale

Il corpo umano è costantemente rinnovato, spesso compare neoplasie che non recano danno diretto, ma non sono naturali dal punto di vista della fisiologia. Le forme benigne di crescita possono interferire con la normale attività vitale.

Quali sono i polipi nell'intestino?

Polipi - una patologia benigna, che è soggetta a lume dell'intestino o di altri organi cavi. Rappresentano una specie di tumore (un ammasso di cellule) di piccole dimensioni, che è attaccato con un piede o un'ampia base ai tessuti e sporge nella cavità intestinale. Tale formazione è caratteristica per qualsiasi età, specialmente nei pazienti che hanno ereditato la poliposi dell'intestino.

Quali sono i polipi nell'intestino?

Poliposi (codice ICD 10 - D12) si riferisce a malattie con eziologia non rilevabile (occorrenza). Ciò significa che la medicina moderna non è ancora in grado di determinare la causa della comparsa di neoplasie nell'intestino. Ci sono tre teorie che spiegano l'aspetto dei tumori, ma nessuno di questi è provato. Ognuno di essi ha una giustificazione scientifica, ma considera solo uno dei fattori chiave della poliposi:

  1. Teoria infiammatoria Le formazioni rappresentano uno stadio intermedio tra un tumore canceroso e un processo infiammatorio locale dell'organo, pur essendo un'entità benigna.
  2. La teoria del disregeneratore afferma che la malattia è una violazione o un'attivazione accidentale troppo frequente del processo di rigenerazione delle cellule danneggiate, il che porta ad un aumento di accumulo in questo luogo.
  3. Teoria embrionale Afferma che lo sviluppo embrionale patologico delle membrane mucose è coinvolto nella comparsa di tumori a causa di traumi o infiammazioni.

Un diverso approccio alla causa principale non contraddice il fatto che le ragioni per la formazione di polipi nell'intestino sono le seguenti (con le quali, secondo la maggior parte degli esperti):

  • predisposizione genetica (fattore ereditario);
  • alimentazione scorretta con il predominio di grassi animali, carboidrati;
  • stile di vita sedentario;
  • malattia da reflusso;
  • patologia dell'intestino.

Sintomi di polipi nell'intestino negli adulti

I polipi del retto, come il polipo dell'intestino crasso, non sono definiti nella maggior parte dei casi clinici, non hanno sintomi particolari. Il trattamento è molto difficile da avviare in tempo. Spesso, la terapia inizia con una forma sviluppata. I sintomi di polipi nell'intestino del complesso possono farti pensare di andare dal dottore. All'atto di esposizioni generali o comuni di malattia possibile o probabile è necessario consultarsi all'esperto. I sintomi della malattia sono i seguenti:

  • disagio nell'addome con dolore severo;
  • defecazione problematica e scomoda;
  • presenza di sangue, muco nelle feci;
  • frequente voglia di andare in bagno;
  • feci liquide periodiche non sistemiche;
  • alternanza di stitichezza, ostruzione, diarrea;
  • dolore all'addome, vomito, prurito, bruciore attorno al canale anale, comparsa di bande di muco sulle masse fecali (caratteristica della poliposi dell'intestino crasso).

Sintomi di polipi nell'intestino dei bambini

Il bambino non può determinare autonomamente la presenza della malattia da solo, quindi i genitori dovrebbero monitorare il benessere dei bambini. I principali segni di polipi nell'intestino dei bambini sono gli stessi dei pazienti adulti. In caso di feci problematiche o comparsa di sangue nelle feci del bambino, è necessario mostrare al medico. Ci sono diversi tipi di educazione nei bambini:

  1. Polipi giovanili Formato in 3-6 anni, la maggior parte è auto-assorbita senza conseguenze.
  2. Poliposi linfoide. Lo sviluppo della malattia si verifica nel periodo tra i sei mesi e la pubertà. I germogli primari si formano all'età di 1-3 anni. Questo modulo è soggetto a trattamento obbligatorio a causa del pericolo di patologie, sanguinamento, costante disagio, problemi con la defecazione.
  3. La sindrome di Peits-Jagers. La malattia è principalmente ereditaria. Le formazioni sono localizzate nell'intestino tenue o nel retto. Sviluppo a lungo termine, le prospettive positive non aboliscono il trattamento obbligatorio.
  4. Poliposi adenomatosa (poliposi familiare del colon). Crescita massiccia delle formazioni a 3000 unità di volumi ineguali, che tendono ad essere maligni.
  5. La sindrome di Gardner. Poliposi multipla nella localizzazione di neoplasie non solo nell'intestino, ma anche nello stomaco (formazioni iperplastiche), nella ghiandola tiroidea.

Tipi di polipi nell'intestino

A seconda della localizzazione nel corpo, la moderna classificazione endoscopica dei polipi distingue i seguenti tipi:

  1. Giovanile. Forma pediatrica della malattia che colpisce le mucose del retto. Sembra un grappolo d'uva con una superficie liscia (polipo sulla gamba). Tali formazioni non si sviluppano in forme maligne.
  2. Iperplastica. Formazioni a forma di cono di piccole dimensioni (2-4 mm). Anche con un gran numero appare come ispessimento della mucosa intestinale. Molto raramente vai al cancro.
  3. Il ghiandolare. La forma più comune della malattia, il secondo nome - polipi adenomatosi. Formazione di una forma circolare, con un grande aumento di oltre 2 cm nel 50%, si verifica la malignità.
  4. Il nasale - entrambi con lo stesso nome e ghiandolare-villoso.Questi polipi iperplastici hanno un tappeto o una forma nodosa, si trovano su un'ampia base. Localizzato nel retto e nel colon sigmoideo. Nel 90% dei casi diventano forme oncologiche.

Può un polipo crescere in un cancro?

Questa domanda viene posta da quasi tutti i pazienti che affrontano polipi. Anche se l'educazione è di per sé benigna, ma ha una tendenza alla rinascita: tutto dipende dall'età del paziente, dal sesso, dalla posizione delle formazioni. Sopra, c'erano gruppi di rischio esemplari con la probabilità di un esito del cancro per diversi tipi di neoplasie.

Per diverse localizzazioni, la degenerazione del polipo in cancro è prevista come segue:

Polipi nell'intestino: sintomi e trattamento

I polipi sono formazioni benigne, che rappresentano una crescita "carnosa" dei tessuti, sporgenti al di sopra della membrana mucosa degli organi. Secondo molti chirurghi, i polipi nell'intestino possono essere diagnosticati in ogni 10 abitanti del nostro paese di età superiore a 40 anni, a condizione di un sondaggio totale di questa categoria di età.

Le cause dei polipi nell'intestino

Non esiste una teoria unificata che spieghi l'aspetto dei polipi nell'intestino. Alcuni scienziati sono inclini a credere che queste nuove formazioni appaiano come risultato del disturbo dei processi di rigenerazione nei luoghi di lesione della parete intestinale. Altri considerano la causa della formazione di violazioni di polipi durante lo sviluppo embrionale. Ci sono molte altre opinioni sulla natura di questa malattia.

Tuttavia, ci sono fattori che possono aumentare la probabilità di polipi nell'intestino:

  • sesso maschile (negli uomini, la malattia viene rilevata più spesso rispetto alle donne);
  • predisposizione ereditaria;
  • stile di vita e obesità di basso livello;
  • prevalenza nella dieta di carboidrati e cibi grassi;
  • Stitichezza e disbiosi costanti;
  • diverticolosi e cancri dell'intestino.

Sintomi di polipi nell'intestino

Nella maggior parte dei casi, i polipi nell'intestino non si mostrano, soprattutto quelli piccoli, quindi la patologia non viene diagnosticata in tempo e non può essere curata.

In presenza di polipi nel colon, il paziente può presentare i seguenti reclami:

  • dolore nell'addome;
  • alternanza di stitichezza e diarrea;
  • falsi desideri di defecazione (tenesmo);
  • disagio nel processo di svuotamento intestinale;
  • l'aspetto del sangue e del muco sulle feci e tra i periodi di defecazione.

Nei polipi sottili e duodenali sono rari, la sintomatologia appare quando raggiungono una grande dimensione. E questo è dovuto al fatto che i tumori restringono il lume dell'intestino, risultando in:

  • sensazione di overflow dello stomaco;
  • dolore nella regione epigastrica;
  • bruciori di stomaco;
  • eruttazione;
  • nausea, a volte anche vomito.

Se la malattia non viene diagnosticata e non viene trattata, il risultato potrebbe essere un'ostruzione intestinale elevata.

Diagnosi di polipi nell'intestino

È impossibile stabilire una diagnosi senza procedure diagnostiche speciali, sulla base di reclami e risultati di test di laboratorio il dottore può solo presumere la presenza di neoplasmi nell'intestino. Proctologi e endoscopisti sono impegnati nella diagnosi di questa malattia.

Esame rettale delle dita

Questo è il primo studio obbligatorio eseguito su un paziente con sospetta formazione intestinale. Il medico sente le parti più vicine del retto, varie patologie possono essere identificate durante lo studio, che possono essere i "colpevoli" per l'insorgenza dei sintomi.

Metodi a raggi X.

L'Irrigoscopia è uno studio dell'intestino crasso con mezzo di contrasto, che viene introdotto retrogrado, cioè utilizzando un clistere attraverso il retto. Questo metodo consente di visualizzare le caratteristiche della struttura dell'intestino crasso e di identificare le varie formazioni in esso contenute (difetti di riempimento). È spesso impossibile individuare piccoli polipi con questo studio.

Se si sospetta la presenza di polipi o altri difetti nei reparti superiori viene studiato il passaggio del bario nell'intestino. Prima dell'esame, il paziente deve bere una soluzione con un mezzo di contrasto. Dopo diverse ore, vengono prese le radiografie, in cui vengono visualizzate diverse parti dell'intestino mentre passa il farmaco di contrasto.

Metodi endoscopici

La recto-manoscopia è un metodo diagnostico che consente di esaminare il retto e le parti distali del colon sigmoideo, a circa 20-25 cm dall'apertura anale. Con l'aiuto del dispositivo il medico può:

  • valutare visivamente la condizione della mucosa intestinale;
  • esaminare i neoplasmi, se ce ne sono;
  • prendere il materiale per una successiva biopsia.

La colonscopia è il "gold standard" nella diagnosi delle malattie del colon. Questo metodo consente di esaminare l'intestino quasi per tutta la sua lunghezza (fino a 1,5 m). Con l'aiuto di un colonscopio, un medico può:

  • esaminare la mucosa, rivelando i polipi più piccoli che misurano solo pochi mm;
  • prendere materiale per biopsia;
  • rimuovere l'educazione.

Trattamento dei polipi nell'intestino

Il trattamento radicale di questa malattia è possibile solo con la chirurgia. È impossibile liberarsi dei polipi con l'aiuto di farmaci.

La rimozione endoscopica di polipi sulle pareti dell'intestino crasso viene eseguita utilizzando un sigmoidoscopio o un colonscopio. Il più delle volte, l'operazione viene eseguita in anestesia generale.

  1. Quando vengono rilevati polipi nel retto, viene eseguita l'escissione transanale, la maggior parte di tali operazioni viene eseguita con anestesia locale. Si raccomanda di rimuovere l'educazione in questa parte dell'intestino, anche se di piccole dimensioni e di natura benigna, poiché sono spesso traumatizzati, causando sintomi spiacevoli per il paziente.
  2. Se la formazione endoscopica non può essere rimossa, allora la rimozione viene effettuata attraverso un taglio nella parete dell'intestino, un'operazione del genere viene chiamata colotomia.
  3. Nella poliposi, quando i polipi sono più di cento, e sono concentrati in una zona dell'intestino, viene effettuata la rimozione dell'area interessata e tra le estremità dell'intestino si sovrappone una anastomosi.

Polipi dell'intestino - è cancro o no?

Questa domanda sorge in molti pazienti che hanno polipi nel loro intestino.

I polipi sono formazioni benigne, non è un cancro, tuttavia alcune delle loro specie possono diventare maligne nel tempo (diventare maligne).

Quando vengono trovati polipi durante una colonscopia, viene prelevato materiale bioptico. Lo studio di laboratorio ci consente di stabilire il tipo di neoplasie, che consente di concludere che la malignità è possibile.

Polipi adenomatosi (ghiandolari)

La probabilità di malignità di questo tipo di polipi è molto alta, nell'85% dei casi 5-15 anni dopo il loro rilevamento, il cancro del colon-retto viene rilevato nei pazienti. Più grande è la dimensione di tali polipi e maggiore è il loro numero, maggiore è la probabilità di un decorso sfavorevole della malattia, pertanto i polipi adenomatosi sono spesso chiamati precancerosi.

I pazienti che hanno un tipo di polipi adenomatosi a seguito di una biopsia sono invitati a rimuoverli con successiva colonscopia annuale. Ci sono prove che le persone i cui genitori erano "proprietari" di polipi di questo tipo (anche se non raggiungevano il cancro dell'intestino), il rischio di questa patologia aumenta del 50%.

Anche istologicamente, ci sono polipi iperplastici, infiammatori e amartoriali, che raramente degenerano in cancro. Singoli polipi di piccole dimensioni con una bassa probabilità di malignità, che non causano alcun sintomo, di solito non vengono rimossi, e ai pazienti viene raccomandato un esame regolare.

Raccomandazioni dell'OMS

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda l'esecuzione della colonscopia diagnostica per tutti gli individui di 55 anni e successivamente ogni 10 anni (in assenza di disturbi e sintomi caratteristici dei polipi nell'intestino). Questa raccomandazione è dovuta al fatto che oltre l'85% dei casi di tumore del colon sono rilevati in pazienti di età superiore a 60 anni.

La soglia di età per il primo studio è ridotta a 45 anni, se la famiglia è nei primi parenti di linea (madre, padre, fratelli e sorelle) è stato rilevato o polipi cancro dell'intestino, in particolare prima dei 45 anni.

In diversi paesi ci sono degli standard per includere questa procedura nel piano di visita medica della popolazione. In molti paesi europei, si raccomanda di eseguire la colonscopia ogni anno per tutte le persone di età superiore a 45 anni e l'analisi delle feci per sangue latente (la reazione di Gregersen) è inclusa nel piano di indagine.

Se ci sono dei reclami che possono indicare la presenza di questa malattia, la colonscopia viene eseguita secondo la prescrizione del medico indipendentemente dall'età del paziente. Ci sono spesso casi di rilevamento di polipi benigni nei bambini.

Tali raccomandazioni sono dettate da statistiche deludenti. Negli ultimi 30 anni, il cancro del colon-retto, un segno di cui spesso sono polipi nell'intestino, è giunto al secondo posto tra le cause di morte per cancro nei paesi sviluppati. E nella stragrande maggioranza dei casi, la malattia viene diagnosticata già nella fase III o IV, quando il trattamento radicale è impossibile o inefficace. Pertanto, l'inclusione di una colonscopia in un piano di indagine di persone di età superiore a 45 anni è una delle misure più efficaci per prevenire il cancro dell'intestino.

L'esperto parla di polipi dell'intestino crasso:

Polipi nell'intestino, colon e sigmoide: rimozione, segni, cause

I polipi nell'intestino sono abbastanza comuni in tutte le fasce di età, interessando un quinto della popolazione di tutti i paesi e continenti. Negli uomini, si trovano più spesso. Il polipo è una formazione ghiandolare benigna nella parete intestinale, che cresce dalla sua membrana mucosa.

I polipi possono verificarsi in qualsiasi parte dell'intestino, ma la metà sinistra del colon, il sigma e il retto sono più spesso colpiti. Queste neoplasie benigne si verificano spesso in modo asintomatico, ma c'è sempre il rischio della loro degenerazione maligna, quindi è inaccettabile iniziare la malattia da sola.

Non è un segreto tutti i processi nel corpo dipendono da ciò che mangiamo. La natura della nutrizione determina non solo le caratteristiche del metabolismo, ma anche, prima di tutto, lo stato dell'apparato digerente. La parete intestinale, direttamente a contatto con il cibo mangiato, sentendo l'intero spettro di effetti avversi correlati alla qualità e alla composizione del cibo consumato. Fascino con fast food uomo moderno, cibi grassi e raffinati, negligenza, verdura e fibre crea problemi digestivi, costipazione e contribuire alla ristrutturazione della mucosa intestinale. In tali condizioni l'eccesso proliferazione delle cellule epiteliali intestinali pareti comporta non solo polipi, ma neoplasie.

Una chiara definizione del polipo non è stata formulata. Di solito significa elevazione al di sopra della superficie della mucosa sotto forma di un fungo, crescite papillari o grappoli, situati su un peduncolo o su una base ampia. Il polipo è singolo o multiplo, interessando diverse parti dell'intestino. A volte ci sono fino a cento o più di queste formazioni, quindi parlano di poliposi dell'intestino crasso.

Il decorso asintomatico dei polipi non li rende sicuri e il rischio di una trasformazione maligna aumenta con l'esistenza e la crescita prolungate. Alcuni tipi di polipi rappresentano inizialmente una minaccia dell'aspetto di un tumore canceroso e pertanto dovrebbero essere rimossi tempestivamente. Il trattamento di questa patologia ha coinvolto medici, chirurghi, proctologi, endoscopisti.

Poiché polipi e poliposi vengono di solito diagnosticati all'interno dell'intestino crasso, questa localizzazione della malattia sarà discussa di seguito. Nei polipi dell'intestino tenue sono molto rari, ad eccezione del duodeno, dove possono essere rilevati polipi iperplastici, soprattutto se c'è un'ulcera.

Cause e tipi di polipi intestinali

Le ragioni per la formazione di polipi intestinali sono molteplici. Nella maggior parte dei casi, vi è un effetto complesso di diverse condizioni ambientali e stile di vita, ma a causa della natura asintomatica del flusso, è praticamente impossibile stabilire la causa esatta del polipo. Inoltre, alcuni pazienti non rientrano nel campo di vista degli specialisti, pertanto la presenza del polipo e la sua prevalenza possono essere giudicati solo condizionatamente.

I più importanti sono:

  • Predisposizione ereditaria;
  • Natura del cibo:
  • Stile di vita;
  • Patologia dell'apparato digerente, così come altri organi;
  • Cattive abitudini

ereditario fattore È di grande importanza nei casi familiari di polipogenesi nell'intestino. Una malattia così grave come una diffusa poliposi familiare si riscontra nei parenti stretti ed è considerata un precancro obbligato, cioè il tumore intestinale in tali pazienti si presenterà prima o poi, se non per rimuovere l'intero organo interessato.

Natura del cibo ha un effetto significativo sulla condizione della mucosa dell'intestino crasso. Questa influenza è particolarmente evidente nelle regioni economicamente sviluppate, i cui abitanti possono permettersi di consumare molta carne, prodotti dolciari, alcolici. Per la digestione dei cibi grassi richiede una grande quantità di bile nell'intestino viene convertito cancerogeni e il contenuto stesso, fibre povero inibisce la motilità ed evacuato più lentamente, con conseguente ristagno di stitichezza e feci.

L'inattività fisica, lo stile di vita sedentario e l'abbandono dell'attività fisica causano una diminuzione della funzione contrattile dell'intestino, conducono all'obesità, che è spesso accompagnata da stitichezza e processi infiammatori nella mucosa intestinale.

Si ritiene che il principale fattore di formazione del polipo sia infiammazione cronica parete intestinale (colite), a seguito della quale le cellule della mucosa iniziano a moltiplicarsi intensamente con la formazione del polipo. La colite è causata da stitichezza, alimentazione irregolare e irregolare, abuso di determinati tipi di alimenti e alcol.

Il rischio per la polipoobrazovaniyu comprende persone con cronica infiammatoria processi colon e la costipazione, la "vittima" di cattive abitudini alimentari e dipendenze, così come gli individui i cui parenti stretti hanno sofferto o soffrono di questa malattia.

I tipi di polipi sono determinati dalla loro struttura istologica, numero e localizzazione. secernere solitario e multiplo polipi (poliposi), gruppo e sparpagliato dagli intestini dell'educazione. I polipi multipli hanno un rischio maggiore di neoplasia rispetto a quelli singoli. Più grande è la dimensione del polipo, maggiore è la probabilità della sua transizione nel cancro. La struttura istologica del polipo determina il suo decorso e la probabilità di malignità, che è un indicatore piuttosto importante.

A seconda delle caratteristiche microscopiche, si distinguono diverse varietà di polipi dell'intestino:

  1. Ghiandolare, che rappresentano oltre la metà di tutte le neoplasie.
  2. Il ghiandolare è villo.
  3. Villi.
  4. Iperplastica.

Polipi ghiandolari diagnosticare più spesso. Sono strutture arrotondate fino a 2-3 cm di diametro, situate su un peduncolo o su una base larga, rosa o rossa. Per loro, il termine adenomatosa polipo, perché nella struttura assomigliano a un tumore ghiandolare benigno - un adenoma.

Tumori inoculati avere la forma di noduli lobati che si trovano singolarmente o "diffondersi" sulla superficie della parete intestinale. Queste neoplasie contengono villi e un gran numero di vasi sanguigni, facilmente ulcerati e sanguinanti. Al di sopra di 1 cm, il rischio di trasformazione maligna aumenta decine di volte.

iperplastica polipo - una proliferazione locale di epitelio ghiandolare, che è il tempo che non mostra segni di tumore struttura ma con lo sviluppo di detta entità può girare in polipi adenomatosi o tumore villi. Le dimensioni dei polipi iperplastici raramente superano mezzo centimetro e spesso appaiono in uno sfondo di infiammazione cronica cronica.

Un tipo separato di polipi sono giovanile, più caratteristico dell'infanzia e della giovane età. La fonte di questi sono i resti dei tessuti embrionali. Il polipo giovanile è in grado di raggiungere 5 o più centimetri, ma il rischio di malignità è minimo. Inoltre, queste formazioni non sono considerate come veri tumori, poiché mancano l'atipia delle cellule e la proliferazione delle ghiandole nella mucosa intestinale. Tuttavia, si raccomanda di essere rimossi, dal momento che la probabilità di cancro non può essere esclusa.

Segni di polipi dell'intestino

Come notato sopra, i polipi sono asintomatici nella maggior parte dei pazienti. Per molti anni il paziente potrebbe non essere consapevole della propria presenza, pertanto si raccomanda di condurre uno studio pianificato per tutti dopo 45 anni, anche se non ci sono lamentele e disturbi di salute. Le manifestazioni del polipo, se sono comparse, non sono specifiche e sono causate da concomitante infiammazione della parete intestinale, traumi della stessa neoplasia o ulcerazioni.

I sintomi più frequenti dei polipi sono:

  • Scarico sanguinante dall'intestino;
  • Dolore nell'addome o nell'ano;
  • Stitichezza, diarrea.

Polipi relativamente rari sono accompagnati da ostruzione intestinale, violazione dell'equilibrio elettrolitico e persino anemia. Il metabolismo degli elettroliti può essere disturbato dal rilascio di un grande volume di muco, che è particolarmente caratteristico delle grandi formazioni villiose. I polipi del colon, cieco e sigmoideo sono in grado di raggiungere grandi dimensioni, che sporgono nel lume dell'intestino e causano l'ostruzione intestinale. Le condizioni del paziente peggioreranno progressivamente, compaiono dolori intensi nell'addome, vomito, secchezza della bocca, segni di intossicazione.

I tumori del retto tendono a manifestare dolore nell'area del canale anale, prurito, scarico, sensazione di un corpo estraneo nel lume intestinale. Ci possono essere costipazione o diarrea. Isolamento del sangue in grandi quantità - un sintomo allarmante, che richiede una visita immediata dal medico.

Le misure diagnostiche per i polipi dell'intestino diventano spesso una procedura curativa, se è tecnicamente possibile rimuovere la formazione con un endoscopio.

Di solito per stabilire una diagnosi, effettuare:

  1. Esame delle dita del retto;
  2. Recto-manoscopia o colonscopia;
  3. Irrigoscopia con l'introduzione del contrasto (sospensione di bario);
  4. Biopsia e esame istologico (dopo la rimozione dell'istruzione).

Trattamento dei polipi dell'intestino

Il trattamento dei polipi dell'intestino è solo chirurgico. Nessuna terapia conservativa o medicina tradizionale promettente è in grado di eliminare o ridurre queste formazioni. Inoltre, posticipare l'operazione porta ad un ulteriore aumento dei polipi che minacciano di trasformarsi in un tumore maligno. Il trattamento farmacologico è consentito solo come fase preparatoria per l'intervento chirurgico e per la rimozione dei sintomi negativi del neoplasma.

Dopo la rimozione del polipo, è necessariamente sottoposto ad un esame istologico per la presenza di cellule atipiche e segni di malignità. Lo studio preoperatorio dei frammenti del polipo è inopportuno, poiché per la conclusione esatta è necessario l'intero volume di formazione con un piede o una base, con cui è attaccato alla parete intestinale. Se, dopo la completa escissione del polipo e l'esame microscopico, vengono rivelati i segni di un tumore maligno, il paziente può aver bisogno di un ulteriore intervento sotto forma di resezione del tratto intestinale.

Il trattamento riuscito è possibile solo con la rimozione chirurgica del tumore. La scelta dell'accesso e del metodo di intervento dipende dalla posizione della formazione in questa o quella parte dell'intestino, dalle dimensioni e dalle caratteristiche di crescita in relazione alla parete intestinale. Ad oggi, applica:

  • Polipectomia endoscopica con colonoscopio o rettoscopio;
  • Escissione attraverso il retto (transanale);
  • Rimozione attraverso l'incisione della parete intestinale (colotomia);
  • Resezione dell'intestino con il tumore e la formazione di una anastomosi tra le estremità dell'intestino.

Prima dell'operazione per rimuovere il polipo, il paziente deve essere sottoposto ad un addestramento appropriato. Alla vigilia dell'intervento e due ore prima, viene fatto un clistere di pulizia per rimuovere il contenuto dell'intestino, il paziente è limitato nella nutrizione. Quando si esegue la rimozione endoscopica del polipo, il paziente viene posto nella posizione del ginocchio-gomito, eventualmente con somministrazione locale di anestetici o addirittura di immersione nel sonno indotto da farmaci, a seconda della specifica situazione clinica. La procedura viene eseguita su base ambulatoriale. Se necessario, la resezione intestinale e un intervento più ampio, viene indicata l'ospedalizzazione e l'operazione viene eseguita in anestesia generale.

Polipectomia endoscopica con un colonscopio

La resezione endoscopica della formazione è il metodo più comune di rimozione del polipo dell'intestino crasso. Viene eseguito con piccoli polipi e senza segni evidenti di crescita maligna. Viene introdotto attraverso il retto con un ciclo colonscopio o rectoscope che cattura polipo ed alimentato da una corrente elettrica in esso come cauterizes base o gamba formazione, nello svolgimento emostasi. Questa procedura è indicata per i polipi delle sezioni centrali dell'intestino crasso e del retto, quando la formazione è sufficientemente alta.

Se il polipo è grande e non può essere rimosso allo stesso tempo usando un ciclo, viene estratto in parti. In questo caso, è necessaria un'estrema cautela da parte del chirurgo, poiché sussiste il rischio di un'esplosione di gas che si accumula nell'intestino. La rimozione di neoplasie di grandi dimensioni richiede un'elevata qualifica di uno specialista, dalla cui abilità e precisione dipende il risultato e la possibilità di pericolose complicazioni (perforazione intestinale, sanguinamento).

Con polipi nel retto, situati a una distanza di non più di 10 cm dall'ano, è indicata la polipectomia transanale. In questo caso, il chirurgo dopo anestesia locale con soluzione di novocaina allunga il retto per mezzo di uno specchietto speciale, afferra il polipo con un morsetto, lo taglia via e il difetto delle suture della mucosa. I polipi con una base ampia vengono rimossi all'interno dei tessuti sani con un bisturi.

Nei polipi del colon sigmoideo possono essere necessari tumori villosi, grandi polipi adenomatosi con un peduncolo spesso o un'ampia base. Pazienti sono stati sottoposti anestesia generale, durante la quale il chirurgo taglia attraverso la parete addominale, intestino alloca terreni, il che rende il taglio, reperti, esamina il tumore e lo rimuove con un bisturi. Quindi i punti vengono posizionati sulle incisioni e la parete addominale viene suturata.

Kolotomy: rimozione attraverso l'incisione della parete intestinale

Resezione o la rimozione della sezione intestinale, è effettuata quando riceve il risultato dell'esame istologico indicativo del fatto della presenza di cellule maligne in un polipo o la crescita di adenocarcinoma. Inoltre, una malattia così grave come una poliposi familiare diffusa, quando polipi diventano molto e alla fine il cancro, richiede sempre la rimozione totale del colon con anastomosi tra l'intestino rimanente. Queste operazioni sono traumatiche e comportano il rischio di pericolose complicazioni.

Tra le possibili conseguenze della rimozione del polipo sono più frequenti - emorragia, perforazione budella e ricaduta. Di solito in tempi diversi dopo la polipectomia, i medici affrontano il sanguinamento. presto emorragia manifesta durante i primi giorni dopo l'intervento, e causa di insufficiente gambe coagulazione buone crescite, contenente un vaso sanguigno. L'aspetto del sangue nelle secrezioni dall'intestino è un segno caratteristico di questo fenomeno. Quando può apparire anche il rifiuto della crosta nella asportazione di una zona di polipo sanguinante, solitamente 5-10 giorni dopo l'intervento chirurgico. sanguinamento intensità è diversa - dalle piccole alle massiccia, pericolosa per la vita, ma in tutti i casi queste complicazioni deve essere ri-endoscopia, trovare il vaso sanguinante e ri attenta emostasi (elettrocauterizzazione). Con emorragia massiva, può essere indicata laparotomia e la rimozione del frammento intestinale.

perforazione È anche una complicazione abbastanza frequente, che si sviluppa non solo durante la procedura di polipectomia, ma anche dopo qualche tempo dopo di essa. L'azione della corrente elettrica provoca ustioni mucose, che può essere abbastanza profonda in modo che la parete intestinale rotto. Poiché il paziente prima dell'operazione passa addestrato, la cavità addominale ottiene solo gas intestinali ma, tuttavia, i pazienti vengono trattati come nel caso di peritonite: antibiotici nominati prodotti laparotomia e rimuovere la porzione dell'intestino danneggiata sovrapposti fistola nella parete addominale (colostomia) per provvisorio feci di piombo. Dopo 2-4 mesi, a seconda della condizione del paziente, colostomia è chiuso, si forma mezhkishechny anastomosi e ripristinare il normale passaggio del contenuto all'ano.

Sebbene il polipo venga solitamente rimosso completamente, le cause della polipogenesi rimangono spesso irrisolte, il che causa ricaduta neoplasie. La crescita ripetuta di polipi è osservata in circa un terzo dei pazienti. In caso di recidiva, il paziente viene ricoverato, esaminato e viene posta la domanda sulla scelta del metodo di trattamento del neoplasma.

Dopo l'escissione del polipo, è necessario un monitoraggio costante, specialmente durante i primi 2-3 anni. Il primo esame colonscopico di controllo è stato dimostrato da uno a due mesi e mezzo dopo il trattamento di formazioni benigne, quindi - ogni sei mesi e ogni anno nella malattia libera da malattia. Nel caso di polipi villosi, una colonscopia viene eseguita ogni tre mesi nel primo anno, poi una volta all'anno.

La rimozione di polipi con segni di malignità richiede grande attenzione e attenzione. Il paziente esegue l'esame endoscopico dell'intestino una volta al mese durante il primo anno dopo il trattamento e ogni tre mesi nel secondo anno. Solo 2 anni dopo il successo della rimozione del polipo e in assenza di recidive o cancro, passano all'esame ogni sei mesi.

L'escissione del polipo è considerata una prevenzione di un'ulteriore crescita di tali formazioni e cancro intestinale, ma i pazienti che sono stati trattati, così come le persone a rischio devono seguire alcune regole e caratteristiche di stile di vita:

  1. La dieta dovrebbe includere verdure fresche, frutta, cereali, fibre, prodotti di latte acido, se possibile, rinunciare ai grassi animali a favore di pesce e frutti di mare; è necessario consumare abbastanza vitamine e oligoelementi (specialmente selenio, magnesio, calcio, acido ascorbico);
  2. È necessario escludere l'alcol e il fumo;
  3. Sono necessari uno stile di vita attivo e un'adeguata attività motoria, normalizzazione del peso per l'obesità;
  4. Trattamento tempestivo delle malattie dell'apparato digerente e prevenzione della stitichezza;
  5. Visite periodiche al medico, incluso - esami preventivi, anche in assenza di reclami da parte di persone predisposte.

Queste semplici misure sono progettate per escludere la possibilità di crescita del polipo nell'intestino, così come la possibilità di recidiva e cancro nelle persone che hanno già subito un trattamento adeguato. Visite regolari dal medico e colonscopia di controllo sono obbligatorie per tutti i pazienti dopo la rimozione delle neoplasie intestinali, indipendentemente dal loro numero, dimensioni e posizione.

Trattamento con rimedi popolari non ha una giustificazione scientifica e non porta i pazienti, che rifiutano di rimuovere il tumore, il risultato desiderato. Su Internet, molte informazioni sull'uso di celidonia, chaga, erba di San Giovanni e persino rafano con miele, che può essere assunto per via orale. Va ricordato che tale autotrattamento è pericoloso non solo per la perdita di tempo, ma per traumatizzare la mucosa intestinale, che porta a sanguinamento e aumenta significativamente il rischio di malignità del polipo.

L'unica cosa certa è la rimozione chirurgica dei tumori, e rimedi popolari può essere solo un carattere ausiliario dopo l'operazione, ma solo in accordo con il medico. Se è difficile resistere alle ricette popolari, la sicurezza può essere camomilla brodo o calendula, compresi olio vegetale, che può avere un effetto antisettico e facilitare il processo di defecazione.

Polipi dell'intestino

I polipi sulle pareti dell'intestino raramente si presentano sintomi, ma alla fine possono trasformarsi in neoplasie maligne. Pertanto, quando vengono trovati polipi, è meglio sbarazzarsene.

Quali sono i polipi dell'intestino?

I polipi dell'intestino sono piccole neoplasie benigne che crescono asintomaticamente sulla sua membrana interna (mucosa). I polipi dell'intestino spesso sono più comuni. Questa è una malattia abbastanza comune che colpisce il 15-20% delle persone. La dimensione dei polipi è solitamente inferiore a 1 cm, ma può raggiungere diversi centimetri. Crescono da soli o in gruppo. Alcuni sembrano esteriormente piccoli pomelli, altri hanno un gambo spesso o sottile con un sigillo sotto forma di un fungo o un pennello di uva.

I polipi stessi sono formazioni benigne, che raramente peggiorano il benessere di una persona. Ma possono essere trasformati in tumori maligni e mal curabili. Pertanto, quando si rilevano polipi, si raccomanda di essere rimossi.

La diagnosi di "polipi dell'intestino" può mettere persone di ogni età, sesso, razza. Alcuni sono più frequenti negli uomini e l'età più caratteristica dei pazienti è di 50 anni e più. Le persone della razza negroide sono più inclini ai polipi e alla loro degenerazione maligna rispetto ai caucasici.

Tipi di polipi

  1. adenomatosa - il più comune, circa 2/3 di tutti i neoplasmi sono riferiti a questo gruppo. In alcuni casi, questi polipi degenerano in tumori cancerosi o sono maligni, come dicono i medici. Non tutti sono capaci di malignità, ma se il cancro dell'intestino crasso si verifica dal polipo, allora il polipo adenomatoso è da incolpare in 2 casi su tre;
  2. dentata - a seconda delle dimensioni e della posizione hanno una diversa probabilità di malignità. Piccoli polipi situati nella parte inferiore dell'intestino crasso (polipi iperplastici) raramente si trasformano in tumori cancerosi. Ma il grande, piatto (sessile), situato nella parte superiore dell'intestino, si trasforma più spesso;
  3. infiammatorio insorgono dopo le malattie infiammatorie intestinali trasferite (colite ulcerosa, morbo di Crohn). Sono soggetti a degenerazione maligna.

Le cause della formazione di polipi dell'intestino crasso

Perché le cellule iniziano a trasformarsi improvvisamente in neoplasie atipiche e forme, è ancora sconosciuto. L'analisi della morbilità ha contribuito a identificare i fattori che aumentano il rischio di crescita dei polipi:

  1. età oltre 50 anni
  2. malattia infiammatoria dell'intestino (morbo di Crohn, colite ulcerosa)
  3. fumo
  4. consumo di alcol
  5. l'eccesso di peso
  6. stile di vita sedentario
  7. diabete di tipo 2 gravemente curabile
  8. l'ereditarietà è il fattore più significativo.

La probabilità della malattia è maggiore se ai parenti di sangue (genitori, figli, fratelli e sorelle) sono stati diagnosticati polipi dello spesso intestino. Importa anche il numero di parenti con una tale malattia. Anche se a volte più casi di poliposi in famiglia non sono associati a fattori genetici.

Esiste un intero gruppo di malattie genetiche che aumenta la probabilità di sviluppare determinati tipi di tumori (maligni e benigni), compresi i polipi intestinali:

  • La sindrome di Lynch è la variante più comune del cancro del colon ereditario. La malattia inizia con la formazione di polipi, che sono molto rapidamente maligni;
  • poliposi adenomatosa familiare (SAP, FAP) - una patologia rara, la formazione di centinaia e talvolta migliaia di polipi nell'adolescenza. Senza trattamento, la probabilità di degenerazione maligna è del 100%;
  • La sindrome di Gardner (un caso speciale di SAP);
  • La poliposi MYH è una causa rara di polipi multipli nei bambini;
  • alla sindrome di Peitsa-Jgers appaiono dapprima macchie scure di pigmento su tutto il corpo, comprese le labbra, le gengive e i piedi; In futuro, polipi multipli crescono in tutto il tratto gastrointestinale;
  • sindrome da poliposi dentale.

sintomi

I polipi segnalano raramente la loro presenza con i sintomi. Nella maggior parte dei pazienti, vengono scoperti accidentalmente durante un esame intestinale.

Ma in alcune persone i polipi possono manifestarsi:

  • sanguinamento rettale (sanguinamento rettale);
  • cambiare il colore delle feci (nero o con venature rosse);
  • costipazione o diarrea di durata superiore a una settimana;
  • dolore all'addome, nausea, vomito - con parziale sovrapposizione del grande polipo del lume intestinale;
  • anemia da carenza di ferro, che deriva dal sanguinamento intestinale costante.

Uno dei sintomi sopra riportati è un segno di un problema serio e un'occasione per presentarsi immediatamente al medico.

diagnostica

Fondamentalmente, i polipi vengono rilevati durante l'esame di routine dell'intestino spesso. Ciò è dovuto al fatto che i sintomi non sono osservati o caratteristici di molte patologie: emorroidi, malattie infiammatorie intestinali, ulcera peptica. L'analisi delle feci può mostrare la presenza di sangue, un esame del sangue - un basso contenuto di globuli rossi. Ma questi indicatori sono anche non specifici. Grandi polipi si trovano con risonanza magnetica o TC. Entrambi i metodi sono indolori, convenienti, ma non rivelano neoplasie piccole (meno di 1 cm).

Pertanto, quando si sospettano polipi dell'intestino crasso o durante controlli di routine, al paziente viene assegnato uno dei due esami:

  • colonscopia - il test più sensibile, durante il quale il medico ha l'opportunità di ispezionare la superficie interna dell'intestino con un tubo flessibile con una videocamera alla fine - un endoscopio. Viene iniettato nel retto attraverso l'ano e sul grande schermo è possibile visualizzare l'intera superficie dell'intestino crasso. Oltre alla videocamera, l'endoscopio è dotato di microtools. Pertanto, i polipi vengono spesso rimossi direttamente durante la procedura. Inoltre, un medico può prelevare un piccolo pezzo di intestino da un'area sospetta e inviarlo a una diagnosi istologica;
  • sigmoidoscopia flessibile - Una versione abbreviata di una colonscopia, durante la quale solo il retto e parzialmente sigmoideo vengono esaminati utilizzando un tubo flessibile lungo 35-60 cm con una videocamera - un sigmoidoscopio.

Preparazione per la procedura

Prima della colonochirurgia o della sigmoidoscopia, devono essere condotte procedure preparatorie. Puliscono l'intestino delle feci, rendendolo accessibile per un'ispezione approfondita. Per fare questo è necessario:

  1. Discutere con il medico e regolare l'assunzione di eventuali farmaci che il paziente di solito prende, almeno una settimana prima della procedura. Il medico dovrebbe essere informato sulle malattie esistenti, in particolare il diabete, l'ipertensione arteriosa o problemi cardiaci.
  2. Alla vigilia dello studio, non puoi mangiare cibo solido. Puoi bere acqua, tè e caffè senza latte o panna, brodo. Dovrebbe essere astenuto da bevande rosse, i cui resti possono essere scambiati per un sanguinamento da un medico. Di notte prima dello studio non puoi mangiare o bere.
  3. Prendendo un lassativo (compresse o liquido) secondo lo schema proposto dal medico. Di norma, il farmaco viene assunto la sera prima del test, e talvolta anche al mattino della procedura.
  4. Clisteri di pulizia. Meglio di tutto la sera prima e poche ore prima della procedura.

trattamento

L'unico modo efficace per sbarazzarsi dei polipi è la loro rimozione chirurgica. Nella stragrande maggioranza dei pazienti, questa procedura (polipectomia) viene eseguita durante l'esame dell'intestino crasso. È molto veloce e indolore. Quando viene trovato un polipo, il medico invia uno strumento ad esso, inietta una piccola quantità di liquido nella parete intestinale sotto il polipo, in modo che i confini della lesione diventino chiaramente visibili. Quindi uno speciale anello di presa afferra il polipo, stringe la gamba e taglia la parete intestinale, facendo passare una corrente elettrica attraverso il circuito.

I grandi polipi possono richiedere un intervento chirurgico. Se possibile, i medici cercano di cavarsela con un intervento minimo: la chirurgia laparoscopica microinvasiva. In questo endoscopio, dotato di tutti gli strumenti necessari, viene introdotto attraverso piccoli fori nella parete addominale.

In casi molto rari, quando ci sono troppi polipi, vengono rimossi insieme alla zona interessata dell'intestino. Questa è un'operazione complessa che richiede preparazione e un lungo recupero.

Se l'aspetto del polipo (dimensione, forma) induce il dottore a sospettare una possibile degenerazione maligna, allora sul sito del suo precedente attaccamento fa un piccolo "tatuaggio". Tali etichette aiutano a trovare aree sospette in passato durante i successivi studi di screening e le esaminano attentamente.

Tutti i tessuti rimossi vengono inviati per esame istologico. Secondo la struttura del tessuto, l'istologo può determinare il tipo di polipo, identificare i primi segni di malignità. Queste informazioni permetteranno al medico curante di determinare la prognosi e lo schema degli esami preventivi.

complicazioni

La complicazione più pericolosa dei polipi è la degenerazione maligna delle cellule polipo. La probabilità di cancro del colon dipende da:

  • dimensione (più polipo - maggiore è il rischio);
  • tipo di neoplasma (polipi adenomatosi e dentati sono più spesso rigenerati);
  • tempo di rilevamento (prima si rileva il polipo, meno minaccia).

Fortunatamente, i polipi crescono lentamente. Nella maggior parte dei casi, il cancro del colon inizia a svilupparsi 10 anni dopo la formazione di un piccolo polipo. Eccezione - malattie ereditarie, in cui la malignità si verifica molto più velocemente.

Misure preventive

La rilevazione tempestiva è un'eccellente garanzia di un esito favorevole del trattamento e senza complicazioni in futuro. Poiché la maggior parte delle volte non ci sono lamentele o segni di questi tumori, si consiglia a tutte le persone di età superiore ai 50 anni di sottoporsi a un esame regolare (ogni 3-5 anni). I rappresentanti della razza negroide dovrebbero iniziare lo screening un po 'prima a causa della maggiore probabilità di degenerazione maligna. Le persone con una diagnosi accertata di una variante genetica di polipi o di loro sospetti vengono controllate più spesso (ogni 1-2 anni) e da un'età precedente.

Abbandono dell'eccesso di cibo, fumo, abuso di alcool, stile di vita sedentario è un passo ragionevole, che riduce in qualche modo la probabilità di polipi. Secondo alcuni rapporti, una dieta sana ed equilibrata, ricca di fibre di calcio e vegetali, riduce anche il rischio di malattia.

Le persone che hanno parenti stretti con polipi dell'intestino crasso sono invitati a fare esami per malattie genetiche.

prospettiva

Identificati in una fase iniziale i polipi sono facili da trattare e il rischio della loro malignità è minimo. Possono ricrescere, quindi dopo la rimozione, i pazienti dovrebbero essere esaminati regolarmente.

Le persone con polipi multipli hanno una prognosi prudente e cattiva.