Dolore addominale dopo feci

Il dolore nell'addome dopo la defecazione non è un sintomo specifico, cioè, solo sulla base di tale lamentela è semplicemente impossibile diagnosticare. Le difficoltà nella diagnosi possono anche essere collegate al fatto che un'epidemia dolorosa può dare a diversi luoghi, a causa della quale il paziente inizia erroneamente a descrivere i suoi disturbi.

Le sensazioni dolorose possono provocare malattie dell'intestino, della vescica, del sistema riproduttivo o della colonna vertebrale. Nella formulazione di una diagnosi accurata, è estremamente importante scoprire la natura del dolore, così come i sintomi di accompagnamento.

Il dolore nell'addome inferiore durante la defecazione può essere di vario tipo: tirando, tagliando, affilato, continuo, parossistico, prolungato. Il dolore si presenta nel centro o nell'addome più basso, sui lati o persino nell'area della regione anorettale.

Cause del dolore

Il dolore può essere un sintomo di una varietà di malattie: diverticolosi, colite ulcerosa, morbo di Crohn, cancro. Spasmo, compressione nervosa, infiammazione, danno meccanico - tutto questo e molto altro provoca disagio. Ma non sempre l'intestino può ammalarsi dopo lo svuotamento a causa di alcune malattie.

Per identificare la causa principale del medico richiama l'attenzione sui seguenti fattori che hanno preceduto il dolore:

  • c'è una tendenza che il disagio appare su certi cibi. Se l'intestino irrita il cibo acuto, salato o grasso, allora il medico può sospettare la presenza di malattie dello stomaco, del pancreas o della cistifellea;
  • Se lo spasmo è accompagnato da una nausea, un vomito, un bruciore di stomaco, un'eruzione, un meteorizm, una diarrea o una diarrea;
  • Se c'è una difficoltà con la defecazione;
  • se muco o sangue appare nelle feci. La presenza di questo sintomo può indicare emorroidi, processi tumorali, ingrossamento della prostata negli uomini;
  • Se c'è in un retto un solco, un'irritazione, una sensazione di bruciore durante o dopo un gabinetto nel grande modo;
  • dove è localizzato il dolore: nell'ano o al livello delle ossa pelviche.

Identificare la vera causa del dolore aiuterà un medico qualificato. Se il disagio è associato a problemi intestinali o anorettali, i pazienti lamentano la comparsa dei seguenti sintomi:

  • le feci cambiano colore, odore e consistenza;
  • sensazione di un corpo estraneo all'interno dell'intestino;
  • gonfiore;
  • escrezione di muco, pus e sangue;
  • perdita di peso senza causa;
  • prurito vicino all'ano;
  • aumento della temperatura;
  • debolezza e stanchezza.

emorroidi

Le emorroidi sono vene varicose delle emorroidi. Uno dei principali sintomi delle emorroidi è il dolore. Nella maggior parte dei casi, i razzi dolorosi sono lunghi e intensi, specialmente quando sono esacerbati dopo lo svuotamento.

Nella regione anorettale c'è un gran numero di recettori del dolore, a causa dei quali il dolore è pronunciato. A causa del forte dolore, i pazienti hanno paura del movimento intestinale, questo è pieno dello sviluppo della stitichezza cronica, che aggrava ulteriormente la situazione.

Spesso il dolore diventa pulsante. Il rafforzamento della fiammata dolorosa può causare l'atto di defecazione, tosse, starnuti. Il paziente a volte anche dolori di sedersi su una sedia e muoversi. Ciò influenza notevolmente la qualità della vita e lo stato psicologico.

Provocare una emorroidi può essere malnutrizione, stitichezza cronica, uno stile di vita sedentario, attività fisica intensa, sollevamento pesi, lavoro in piedi e molto altro. Per combattere la malattia, dovrebbe essere applicato un approccio integrato. Ciò include non solo la terapia farmacologica, ma anche un cambiamento nella dieta e in tutto il modo di vivere.

Crepa del retto

Le lacrime anali possono provocare una varietà di malattie, comprese le emorroidi. La mucosa può essere danneggiata dopo una prolungata costipazione, quando le masse fecali hanno una densità di pietra. Le crepe provocano forti dolori, prurito, bruciore, rottura del ritmo abituale della vita.

Un focolaio doloroso si verifica dopo che l'intestino è stato svuotato e rimane per qualche tempo. Il paziente sviluppa una paura psicologica di un atto di defecazione. Spesso i pazienti descrivono il dolore con ragadi rettali come il vetro rotto che passa. In alcuni casi, le lacrime anali causano lo sviluppo di sanguinamento rettale.

Il processo acuto è eliminato da complessi metodi di lotta: alimentazione dietetica, terapia farmacologica, fisioterapia e metodi della medicina tradizionale. Se stiamo parlando del decorso cronico della malattia, allora il trattamento conservativo sarà impotente, in questo caso vengono usati metodi chirurgici.

Bot

La malattia parassitaria è caratterizzata dalla comparsa dei seguenti sintomi:

  • prurito nell'ano;
  • dolore nell'intestino;
  • peeling della pelle;
  • nausea;
  • sbavando;
  • debolezza e sonnolenza;
  • diarrea;
  • flatulenza;
  • aumento dell'appetito su uno sfondo di perdita di peso.

Colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una malattia infiammatoria del retto e del colon, nella quale si sviluppano alterazioni ulcerative-distruttive della membrana mucosa. La malattia è caratterizzata da un decorso cronico.

Gli specialisti propongono varie teorie in relazione alle ragioni che spiegano lo sviluppo della colite ulcerosa: neurogenica, enzimatica, allergica, infettiva, immunitaria, genetica. La malattia si manifesta nel dolore all'addome, nella secrezione di sangue durante la defecazione e nella violazione dell'intestino.

L'epidemia dolorosa acquisisce un carattere costante di crampi, il più delle volte con localizzazione nell'addome inferiore sinistro. Il dolore si intensifica prima dell'atto di defecazione e passa dopo lo svuotamento dell'intestino.

Il trattamento prevede principalmente la fornitura di riposo fisico e mentale. È molto importante aderire alla dieta. La lotta contro la colite ulcerosa implica anche l'uso di medicinali, la disintossicazione del corpo, e nei casi più gravi, e l'intervento chirurgico.

La malattia di Crohn

La malattia di Crohn è una malattia cronica dell'apparato digerente di natura infiammatoria, in cui possono essere colpite quasi tutte le parti del tratto gastrointestinale. Gli specialisti identificano il ruolo del fattore ereditario nell'insorgenza della malattia.

Viene anche avanzata la teoria infettiva e immunologica. A differenza della colite ulcerosa, la malattia di Crohn colpisce gli strati più profondi della mucosa. In alcuni casi, il dolore è lievemente espresso e in alcuni casi diventa crampi acuti.

Spesso una fiammata dolorosa è accompagnata da un gonfiore e da un senso di pesantezza nella parte destra. Per questo motivo, i pazienti spesso confondono la malattia di Crohn con appendicite acuta. La condizione può essere aggravata dalla comparsa di nausea, vomito, diarrea.

A causa dell'intossicazione del corpo e della riduzione delle forze protettive, compaiono i sintomi generali della malattia:

  • la debolezza;
  • malessere generale;
  • brividi e febbre;
  • costante sensazione di stanchezza;
  • ipertermia ondulata;
  • l'anemia;
  • problemi da parte del sistema di coagulazione del sangue.

Per fermare la reazione infiammatoria, gli specialisti prescrivono corticosteroidi. Con un processo acuto, la terapia antibiotica non può essere evitata. La preferenza è solitamente data agli antibiotici ad ampio spettro.

Dolore nelle donne in gravidanza

Il basso addome durante la gravidanza può essere malato per motivi fisiologici e patologici. Perché il mio stomaco fa male dopo la defecazione? Per cominciare, parliamo dei fattori provocatori associati alla fisiologia:

  • cambiamenti ormonali. Progesterone - un ormone responsabile del normale ciclo della gravidanza, provoca un aumento della circolazione sanguigna negli organi genitali e la proliferazione dei vasi sanguigni. Questo può provocare la comparsa di dolore doloroso o pulsante. Tali epidemie dolorose possono verificarsi periodicamente;
  • La crescita intensa dell'utero porta alla tensione dei legamenti uterini. Di solito, le donne sono preoccupate per i dolori di trazione e di cucitura che sono aggravati dall'attività fisica o dall'improvviso cambiamento di posizione;
  • la contrazione del bambino può causare dolori lancinanti, che sono accompagnati dalla comparsa di urgenza nella toilette su un piccolo e grande;
  • combattimenti di formazione prima della nascita, che iniziano dopo la trentesima settimana di gravidanza. In questo caso, il dolore passa, e poi riappare.

Tuttavia, in alcuni casi, il dolore intestinale può essere un sintomo pericoloso che richiede attenzione immediata. Considera le cause del dolore patologico:

  • gravidanza ectopica;
  • minaccia di aborto;
  • distacco di placenta prematura;
  • ebbrezza;
  • appendicite acuta;
  • gastrite acuta - infiammazione dello stomaco;
  • sindrome dell'intestino irritabile;
  • colecistite;
  • pancreatite acuta;
  • malattie del sistema urinario, in particolare, cistite.

Come reagire correttamente a una sindrome?

Parliamo delle caratteristiche del pronto soccorso. Ciò si applica ai casi in cui un focolaio doloroso si è verificato per la prima volta e ha un carattere breve, lievemente espresso. Se sei sicuro al cento per cento che il dolore sia localizzato nell'intestino, prendi una posa comoda e sdraiati per mezz'ora.

Puoi anche prendere un antispastico. Se il dolore è accompagnato da gonfiore, prendere l'assorbente e fare un automassaggio dell'addome con una morte di un'ora. Il primo passo è analizzare ciò che mangi. Per te, crea una tabella di prodotti utili e dannosi.

Per normalizzare la motilità intestinale è necessario normalizzare la nutrizione. Nella vostra dieta dovrebbe essere una quantità sufficiente di fibre. Usa 1,5-2 litri di acqua naturale al giorno. Ripristinare la peristalsi aiuterà a moderare l'esercizio, specialmente sulla stampa.

Quando compaiono i seguenti sintomi, è estremamente importante consultare un medico:

  • in precedenza non c'erano problemi con l'intestino, ma recentemente c'erano forti dolori e ritenzione delle feci;
  • alternanza di diarrea e diarrea;
  • frequenti falsi desideri per la defecazione;
  • il dolore è localizzato dal lato destro e sinistro;
  • Spasmo e focolai dolorosi compaiono indipendentemente dall'assunzione di cibo;
  • presenza di sangue nelle feci;
  • perdita di peso corporeo.

Il dolore nell'intestino dopo la defecazione è un segnale del corpo in merito alla violazione che si verifica in esso. Molto spesso il sintomo indica la malattia della regione anorettale o l'intestino stesso. A volte il disagio è una conseguenza dell'aggiustamento ormonale nelle donne in gravidanza, nelle malattie del sistema urinario o persino nei processi tumorali.

Sia come sia, quando si verifica un'epidemia dolorosa, è estremamente importante consultare uno specialista. Un medico esperto che utilizza la diagnostica aiuterà a stabilire la causa esatta della sua condizione e prescriverà il regime di trattamento corretto.

Un ruolo importante nel processo di trattamento è la nutrizione. Il cibo bilanciato e un sufficiente apporto di liquidi aiuteranno ad evitare molti problemi che portano al dolore nell'intestino. Prenditi cura della tua salute oggi, e ti ringrazierà domani!

Impariamo, perché dopo lo svuotamento dell'intestino fa male il basso ventre?

L'ultimo stadio della digestione e dell'assorbimento dei nutrienti avviene nell'intestino. Questo organo è in costante movimento, che ti consente di spostare la massa dei rifiuti nell'ano.

L'atto di defecazione è a il processo naturale di rimuovere tutto l'eccesso dal corpo. Non dovrebbe essere accompagnato da dolore o altri sintomi spiacevoli.

motivi

Al momento della defecazione c'è uno spasmo di muscoli lisci, permettendo di espellere le masse fecali all'esterno. Nel caso di processi o infiammazioni stagnanti, questo processo può essere doloroso. Le ragioni più banali per la comparsa di disagio e dolore dopo essere andati in bagno in grande sono:

  • seduta prolungata su una superficie dura, che provoca una violazione dei processi metabolici nella parte inferiore dell'intestino;
  • infiammazione del sistema genito-urinario;
  • crepe nell'ano, che fungono da porta aperta per vari virus e batteri in grado di provocare un processo infiammatorio;
  • stile di vita sedentario e presenza di obesità;
  • malnutrizione, costituita da cibo grezzo;
  • mancanza di acqua nel corpo, che complica il processo di digestione e assimilazione del cibo;
  • la mancanza di attività fisica, con conseguente perdita di tono della muscolatura liscia.

Alcune malattie che procedere in forma cronica, può anche contribuire alla comparsa di dolore dopo l'atto di defecazione nel segmento inferiore dell'addome. Soffermiamoci su questi motivi in ​​modo più dettagliato.

Le malattie più comuni

Questa categoria comprende i processi infiammatori, così come i neoplasmi, che, quando gli spasmi dell'intestino provocano sensazioni dolorose.

appendicite

Questa malattia è caratterizzata dalla presenza di un processo infiammatorio nell'appendice del cieco. L'appendicite è più comune nelle persone che soffrono di costipazione permanente quando la peristalsi intestinale viene interrotta. Questa malattia è molto insidiosa, perché a lungo può mascherarsi come altre patologie senza tradire se stessi. Ma ad un certo punto, quando il processo infiammatorio raggiunge il suo culmine, l'appendice con il minimo movimento della persona, possono essere tagliati e tutti i suoi contenuti sviluppa sugli organi addominali. Questa condizione è estremamente pericolosa, in quanto provoca un ampio processo infiammatorio, il cui trattamento diventerà più complicato.

Gli stadi iniziali di appendicite possono essere accompagnati da dolori acuti e spastici che insorgono dopo il movimento intestinale. Il meccanismo dell'aumento del dolore è semplice: l'intestino si contrae e l'impulso viene trasmesso lungo le cellule nervose, raggiungendo il processo.

Il dolore è localizzato nell'area sotto l'ombelico sul lato destro. Può essere accompagnato da sintomi aggiuntivi, tra cui:

  • nausea;
  • grave diarrea;
  • spasmo di tutto l'addome, movimento incatenante;
  • mescolanze di sangue nelle feci;
  • febbre e brividi.

Quando compaiono tali sintomi dovrebbe cercare l'aiuto di uno specialista, anche se il dolore in seguito è passato per qualche tempo da solo. Come diagnostica, esaminare il sangue, l'urina e le feci per la presenza di un processo infiammatorio, palpare l'area dolente ed esaminare anche gli organi interni mediante ultrasuoni.

Il trattamento dell'appendicite (anche se non ha luogo in forma acuta) è chirurgico.

Infiammazione della mucosa intestinale

Questa malattia ha un carattere collettivo, poiché include diverse cause che hanno provocato il processo infiammatorio:

  1. Sconfitta con elminti - i parassiti che entrano nel corpo dall'esterno si depositano sulla mucosa intestinale, interrompendo la sua integrità e liberando anche un gran numero di tossine.
  2. Infezioni, i cui agenti causali sono E. coli, virus, salmonella.
  3. Dysbacteriosis causato da uno squilibrio tra batteri "buoni" e "cattivi".
  4. Mancanza di alimentazione normale, che è dominata da cibi grassi e fritti senza verdure, frutta e prodotti a base di latte fermentato.
  5. Aterosclerosi dei vasi intestinali, in cui è disturbata la sua peristalsi normale.
  6. La malattia di Crohn e altre malattie autoimmuni, in cui il corpo produce attivamente anticorpi contro le proprie cellule della mucosa intestinale, percependole come aliene.

Il dolore può essere opaco, acuto e spastico, a seconda della causa sottostante. Appare sia dopo il bagno che durante il processo stesso. È accompagnato da sintomi come:

  • frequente stitichezza, che è seguita da una diarrea prolungata;
  • l'apparizione di grumi insanguinati nello sgabello;
  • nausea e vomito;
  • mancanza di appetito;
  • grave perdita di peso;
  • temperatura elevata

La diagnosi è basata sulla valutazione dei segni esterni, così come uno studio primario di urina, sangue e feci. Ulteriore enfasi viene posta sui risultati degli ultrasuoni, che mostrano dove il processo infiammatorio è localizzato. Lo studio più efficace è una colonscopia, quando una sonda viene inserita nell'intestino che riflette il vero stato della mucosa.

Il trattamento è selezionato su base individuale, tenendo conto della causa della malattia. Un aspetto chiave è la terapia antibatterica, che distruggerà la microflora patogena. Inoltre è importante riempire l'equilibrio di batteri benefici, per i quali vengono utilizzati i probiotici e i lattobacilli.

Cancro dell'intestino

Questo è una malattia pericolosa, che è determinato dalla presenza di un tumore maligno, si sviluppa a causa della degenerazione delle cellule ghiandolari. Perché questo processo si verifica è difficile da determinare, ma lo stile di vita sedentario, la malnutrizione e la mancanza di sforzo fisico lo rendono possibile. L'insidiosità della malattia è che i suoi primi segni sono molto simili alla disbiosi, che non è pericolosa per la vita. La forma latente della malattia può persistere per anni, causando forti dolori solo con la progressione della crescita del tumore.

Il dolore è noioso, dolorante, spremere, a volte spastico. Si manifesta come risposta allo stimolo, che in questo caso è un tumore. Con lo spasmo dell'intestino si nota un passaggio difficile di masse, che esercita una pressione maggiore e irrita le pareti del tumore.

Il dolore nell'addome inferiore con e dopo la defecazione può essere completato da sintomi quali:

  • frequente stitichezza e mancanza di feci per più di 4-5 giorni;
  • aumento della temperatura;
  • una forte perdita di peso;
  • la sensazione di un corpo estraneo nell'addome sotto l'ombelico, che è più fortemente sentito durante la palpazione;
  • perdita di energia e mancanza di appetito.

Il paziente ha bisogno di un esame completo, che include test di urina, sangue e feci. Ricorrere anche all'ecografia e alla colonscopia, che aiuteranno a determinare la presenza del tumore, la sua struttura, il grado di progressione. Se è necessario visualizzare piccoli tumori, è possibile utilizzare la radiografia.

Malattie negli uomini

Poiché gli uomini hanno una maggiore esposizione ed è loro abitudine soffrire il dolore ed evitare di visitare i medici, i seguenti fattori riguardano direttamente la salute degli uomini.

Infiammazione della prostata

Dal momento che la prostata si trova nella parte posteriore dell'intestino nelle immediate vicinanze di essa, eventuali cambiamenti patologici nella sua struttura causare dolore nell'intestino. La malattia più comune è prostata, che è determinata dalla presenza del processo infiammatorio, innescato dalla presenza di organismi patogeni: Ureaplasma, gonococco, Escherichia coli, Chlamydia.

Dolore acuto, spasmodico, intensificato quando si svuota la vescica e l'intestino. Può essere accompagnato da ulteriori sintomi:

  • minzione frequente;
  • diminuito desiderio sessuale;
  • cambiamento nella natura del dolore durante l'erezione;
  • mancanza di orgasmo;
  • aumento della temperatura corporea.

Il dolore è localizzato nell'addome inferiore, ma può irradiarsi al perineo e all'osso sacro e anche alla coscia. Nel corso cronico, il dolore è meno intenso, ma si manifesta più spesso. La forma acuta è più facile da curare, ma i suoi sintomi sono molto più luminosi.

Il trattamento consiste nell'arrestare la sindrome del dolore e nel ridurre il processo infiammatorio nella prostata. Per fare questo, farmaci vasodilatatori ampiamente utilizzati e antispastici, che si combinano con agenti antibatterici.

emorroidi

Questo delicato problema è più spesso visitato dalla popolazione maschile, soprattutto se sottoposto a una seduta prolungata: camionisti, programmatori, impiegati di uffici e banche, macchinisti. Quando si è seduti a lungo su una superficie piana, il pavimento pelvico subisce una maggiore pressione. Nell'intestino si formano processi stagnanti, poiché il flusso sanguigno naturale rallenta, riducendo la velocità dei processi metabolici. Se aggiungiamo a ciò la mancanza di un'alimentazione adeguata, l'obesità e un problema con i vasi sanguigni, il quadro clinico delle emorroidi non richiederà molto tempo.

È esterno e interno. Nel primo caso, i nodi si trovano all'ano, nel secondo - direttamente nell'intestino.

Il dolore è acuto, spremendo. È sostituito da dolori dolorosi che si verificano immediatamente dopo il processo di defecazione. Può essere completato da tali sintomi come:

  • bruciando nell'ano;
  • individuare dopo la defecazione;
  • l'aspetto del muco nelle feci;
  • è doloroso sedersi e fare movimenti improvvisi.

Per la diagnosi, utilizzare una colonscopia, posizionando la sonda nel retto ed esaminando la presenza di emorroidi. La procedura è estremamente dolorosa, quindi viene eseguita in anestesia locale. Se ci sono nodi condensati e sanguinanti, viene eseguita la resezione. Nel caso in cui non sia richiesta una resezione, al paziente viene prescritto un trattamento:

  • supposte rettali, che hanno effetto antinfiammatorio, risolvente e analgesico;
  • farmaci che migliorano la microcircolazione del sangue;
  • Venotonics, rafforzando le pareti dei vasi sanguigni.

Malattie nelle donne

Processi infiammatori del sistema riproduttivo anche nelle donne può essere significativo nel verificarsi di dolore spontaneo nell'addome inferiore dopo l'evacuazione dell'intestino. Questo fattore può servire come sintomo e motivo per chiedere aiuto a uno specialista.

Infiammazione delle ovaie e dell'utero

In presenza di microflora patogena nelle ovaie si forma un processo infiammatorio, in cui i tubi uterini e l'utero stesso possono essere coinvolti. Le ragioni di questo sono:

  • rapporti sessuali non protetti, in cui la microflora patogena penetra attraverso la vagina;
  • mancanza di adeguata igiene genitale;
  • diminuzione dell'immunità locale durante l'ipotermia;
  • frequenti interventi chirurgici sotto forma di aborti;
  • frequente cambio di partner sessuali.

Il dolore può essere brusco, acuto, spastico e dolorante. Dipende dal grado di progressione dell'infiammazione, nonché dal sito della sua localizzazione. Rafforza al momento della tensione dei muscoli della cavità addominale, anche dopo la defecazione. È accompagnato da ulteriori sintomi:

  • scarico sgradevole dalla vagina;
  • dolore durante i rapporti sessuali;
  • mancanza di desiderio sessuale per un partner;
  • fallimento del ciclo mestruale.

La diagnosi consiste nell'identificare la causa principale, che utilizza metodi quali:

  • esame sulla sedia ginecologica;
  • test di smear per flora;
  • Ultrasuoni degli organi genitali;
  • colposcopia;
  • uno studio del sangue per le infezioni sessualmente trasmesse.

Il trattamento utilizza la terapia antivirale, antimicotica e antibatterica, tenendo conto delle caratteristiche dell'agente patogeno.

Processo adesivo

Le punte sono tali che si sviluppa attivamente a causa della reazione protettiva del corpo, che è necessario per proteggere le cellule e i tessuti sani. Sul peritoneo la placca è formata da fibrina, che si coalizza gradualmente tra i tessuti. Questo processo protettivo impedisce la diffusione del processo infiammatorio ad altre cellule sane, ma è pericoloso perché è in grado di interconnettere gli organi addominali, cambiando la loro corretta posizione anatomica. Dall'alto, i composti di fibrina si accumulano gradualmente con il collagene, rendendo il picco più forte e non meno pericoloso.

I picchi sono localizzati principalmente dove il processo infiammatorio dura a lungo. Ma più spesso appaiono nell'utero.

Accompagnato da tali sintomi come:

  • violazione del ciclo mestruale;
  • scarico marrone dalla vagina;
  • un insieme di peso corporeo.

L'ecografia è utilizzata per la diagnosi, ma la risonanza magnetica può essere richiesta per un esame più accurato.

endometriosi

Lo strato interno dell'utero è rivestito da un endometrio, le cui cellule possono crescere oltre i genitali, provocando lo sviluppo dell'endometriosi. Questo processo patologico nelle fasi iniziali è asintomatico, ma in futuro porta a conseguenze irreversibili, inclusa l'infertilità.

L'endometriosi può provocare dolore spasmodico, simile al dolore mestruale, che si localizza nell'addome inferiore. Il dolore è doloroso quando si sollevano pesi, si corre e si defeca. Può essere accompagnato da sintomi come:

  • amenorrea;
  • infertilità;
  • sbiadire la gravidanza nelle prime fasi.

La patologia viene diagnosticata con ecografia intravaginale.

Neoplasma maligno degli organi genitali

Poiché l'utero si trova in prossimità dell'intestino, i tumori situati all'esterno sono in grado di esercitare una pressione maggiore sulle pareti dell'intestino, influenzando la sua peristalsi. La capacità dei tumori maligni di crescere rapidamente e sviluppare metastasi, provoca un forte dolore nell'addome inferiore, che può manifestarsi dopo la defecazione.

Il tumore viene visualizzato dagli ultrasuoni, così come una radiografia. Il trattamento è mirato alla resezione dei tessuti colpiti, nonché un impedimento allo sviluppo delle metastasi.

In quale caso immediatamente dal dottore?

Alcuni pazienti sono in grado di sopportare il dolore per lungo tempo o di soffocarlo con forti farmaci analgesici. Ritardare con la diagnostica è severamente vietato nei casi in cui:

  1. Nelle masse fecali c'è sangue, dal bardo ricco al rosso scarlatto.
  2. Il dolore spastico nell'addome inferiore acquista un carattere permanente.
  3. Nella zona dell'ano, prurito e bruciore.
  4. C'è una sensazione di trabocco dell'intestino.
  5. Ci sono segni di intossicazione e disidratazione.

Primo soccorso

In presenza di forti dolori, dovresti chiamare un'ambulanza o chiedere aiuto a uno specialista. È severamente vietato prendere qualsiasi farmaco senza la conoscenza del medico, che può lubrificare il quadro clinico della malattia.

prevenzione

Il trattamento del dolore, quando un movimento intestinale diventa un vero problema, è un esercizio piuttosto complicato e costoso. Pertanto, è più facile prevenire lo sviluppo del dolore prima e dopo la defecazione, che si ottiene attraverso misure preventive:

  1. Condurre uno stile di vita attivo, ridurre la quantità di tempo per sedersi in un posto.
  2. Prepara cibo, eliminando cibi dannosi e alcol.
  3. Evitare sforzi fisici.

Osservandoli, è possibile ridurre la probabilità di situazioni in cui, dopo l'evacuazione dell'intestino, il basso addome fa male e fa male una dozzina di volte.

Quindi, le sensazioni spiacevoli nell'addome, causate dall'atto di defecazione, possono avere molte ragioni. Molto spesso le donne affrontano il problema, ma negli uomini i sintomi sono più acuti. Se fa male nell'addome inferiore ogni volta che l'intestino è vuoto, non è consigliabile farlo con la diagnostica e il trattamento. Tale sintomatologia può indicare la presenza di malattie pericolose, inclusa l'oncologia.

Aggiungi un commento Annulla risposta

Questo sito utilizza Akismet per combattere lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Dolore nell'intestino dopo lo svuotamento, cause, trattamento

Non sempre le sensazioni dolorose nell'area intestinale indicano una malattia specifica. A volte la sensazione di disagio nell'intestino è una conseguenza dell'assunzione di alcuni farmaci, una dieta prolungata, un'alimentazione scorretta. È importante prestare attenzione alla natura del dolore. Particolarmente pericolosi sono il taglio, la trazione, la smussatura, la nitidezza e la continuità. Dovresti avvisare immediatamente il dolore che si verifica dopo la defecazione. Cosa è provocato? Come liberarsene? Quanto è pericoloso il dolore?

motivi

La sindrome del dolore si osserva in caso di compressione dei nervi, spasmo, può essere provocata da cause meccaniche e automatiche. Spesso il dolore dopo lo svuotamento è una conseguenza del processo infiammatorio nell'intestino. A volte appaiono sensazioni spiacevoli in caso di lesione della mucosa intestinale. In questo caso, il medico pone una diagnosi come colite ulcerosa, elmintiasi, gonfiore, polipi.

Per rendere più facile la diagnosi della causa del dolore, è necessario prestare attenzione al luogo in cui ci sono sensazioni spiacevoli dopo la defecazione:

  • Spasmo attorno all'ombelico - indica helminthiasis.
  • Spasmo a destra, che dà all'inguine, la gamba è il primo segno di appendicite acuta.
  • Dolori in eccesso in tutto lo stomaco può indicare intossicazione alimentare, enterite.
  • Disegnare il dolore nella parte inferiore dell'addome, ano, ano - crepe nel retto, emorroidi.

Attenzione per favore! È importante distinguere il dolore nell'intestino dalle sensazioni spiacevoli negli organi del sistema sessuale urinario.

Nelle donne, il dolore a sinistra è il primo segno del processo infiammatorio nelle ovaie, l'endometriosi, le aderenze.

Se hai partorito di recente, il dolore durante lo svuotamento può essere una conseguenza dei danni ai legamenti durante il travaglio. Anche nelle donne questo sintomo sgradevole appare con le mestruazioni. Il dolore nell'intestino a volte indica endometriosi. Di regola, la patologia è caratteristica dell'età riproduttiva.

Come reagire correttamente allo spasmo intestinale?

Se sei sicuro al 100% che il dolore sia localizzato nell'intestino, mentre le sensazioni sgradevoli non sono forti, è necessario:

  • Per bere un antispasmodico - Baralgin, Papaverin, No-shpu.
  • Prendi una posa comoda, sdraiati per circa 30 minuti.

Inoltre, per sbarazzarsi del disagio nell'intestino dopo lo svuotamento, è necessario prendere misure così urgenti:

  • Ricorda l'ultimo atto di defecazione.
  • Hai già svuotato gli intestini per una settimana? Prendi un lassativo con urgenza.
  • Massaggio della vita, addome. Attenzione per favore! Deve essere fatto in senso orario. Con questa procedura, ti libererai del gas e del ristagno.
  • Preoccupato per gonfiore? È necessario prendere Activated Carbon, Smektu o Enterosgel.
  • Hanno spesso dolore nell'intestino? Per un giorno, bevi almeno un bicchiere d'acqua. In questo modo, normalizzi le capacità motorie, sbarazzi la stitichezza.

Bevi solo acqua, non composta, caffè, tè. Pulire rapidamente l'intestino può essere acqua fredda non bollita. Prova a bere il prodotto a stomaco vuoto, altrimenti nell'addome inferiore potrebbero comparire spasmi. Per prevenirli, dovresti seguire questi consigli:

  • Mangia
  • Fare sport, è particolarmente importante eseguire esercizi sulla stampa, in modo da poter ripristinare rapidamente la peristalsi.

Spasmo e dolore si placarono? Fai un sondaggio :

  • Consegnare l'analisi delle feci ai vermi.
  • Crea un coprogram per rilevare i difetti digestivi in ​​modo tempestivo.
  • Non rinunciare alle analisi batteriologiche, che possono indicare la disbiosi.

Dopo aver ottenuto tutti i risultati dei test sulle mani, è necessario eseguire anche gli ultrasuoni.

Quando devo consultare immediatamente un medico?

  • In precedenza, non c'erano problemi con lo svuotamento del colon, ma recentemente ha iniziato a preoccuparsi di costipazione frequente, forte dolore nell'intestino.
  • La diarrea ha cominciato a alternarsi con costipazione.
  • L'intestino fa male a sinistra, a destra.
  • Sensazioni dolorose, spasmo appare indipendentemente dal fatto che tu mangi o no.
  • Il sangue è osservato nelle feci.
  • Bruscamente ha cominciato a perdere peso.

Tutti questi sintomi possono indicare una condizione pericolosa per la vita, è importante sottoporsi a un trattamento tempestivo.

Corso di terapia

Spesso il dolore dopo la defecazione è una conseguenza della sindrome dell'intestino irritabile. In questo caso, uno spasmo appare nell'addome inferiore e verso sinistra, il sudore freddo può apparire sulla pelle.

Vale la pena notare con la sindrome dello spasmo è molto forte, inizia a dare nella regione della vita, tutto finisce con grave diarrea. È possibile trattare la sindrome dell'intestino irritabile solo da un medico. I disturbi digestivi cronici possono essere provocati da varie cause, tra cui stress, scarsa ecologia e malnutrizione.

Per liberarti della sindrome, hai bisogno di una terapia complessa:

  • Prendi i farmaci.
  • Includere nei vostri supplementi nutrizionali di menu.
  • Richiede un rilassamento psicologico.
  • Aderire ad una dieta con cellulosa, una maggiore quantità di pectine.

Con l'aiuto di una terapia complessa, ti libererai completamente del dolore addominale dopo lo svuotamento, perché una dieta, l'assunzione di antidolorifici o la pulizia non sono sufficienti. Qui è necessario affrontare seriamente questo problema.

prevenzione

Non vuoi avere problemi con l'intestino? Prima di tutto, analizza attentamente ciò che mangi. Crea una tabella di prodotti dannosi e utili. Dare la preferenza, solo utile, da prodotti dannosi è necessario rifiutare.

Al fine di prevenire l'improvvisa comparsa del dolore, non dimenticare di prendere a volte tutti i test, passare attraverso l'ecografia. Spesso le sensazioni sgradevoli nell'intestino sono una conseguenza dei vermi. Particolarmente pericoloso quando iniziano a moltiplicarsi attivamente. In questo caso, ogni sei mesi, è necessario prendere la droga Dekaris, con il suo aiuto si può rapidamente distruggere i parassiti.

Ricorda, il dolore negli intestini dopo l'atto di defecazione appare per una ragione. Non affogarla con analgesici, è meglio essere curati una volta ed efficacemente di bere un sacco di droghe tutto il tempo. Guarda attentamente la tua salute!

Dolore al retto dopo le feci

La malattia, accompagnata da una violazione dell'atto dello svuotamento intestinale, è un argomento molto delicato per uomini e donne. Di solito, questi disturbi sono causati da processi patologici localizzati nel retto, nella prostata, nella vescica o negli organi del sistema riproduttivo femminile. La presenza di dolore dopo lo sgabello può essere associata a una serie di motivi.

Lo svuotamento doloroso è un segnale che si dovrebbe ascoltare il proprio corpo e iniziare un sondaggio per escludere patologie organiche. La tempestiva individuazione del fattore eziologico consentirà un trattamento adeguato. Se dopo la defecazione fa male il basso addome, non bisogna aspettare, avere paura e essere timidi, e prendere immediatamente un appuntamento con un chirurgo o coloproctologo.

La fisiologia del processo e le cause dell'inizio del dolore

La defecazione è l'ultimo processo di digestione del cibo negli esseri umani. Il cibo consumato, mescolato con succo digestivo nel lume dello stomaco, si espande ulteriormente all'interno dell'intestino, subisce processi di scissione in particelle costituenti più semplici. Sono assorbiti dal bordo villoso degli enterociti - cellule dell'intestino tenue.

Resti di transito non assorbiti possono raggiungere la mucosa dell'intestino crasso. Qui si formano le masse delle feci. Il liquido viene riassorbito. La microflora intestinale residua agisce sui resti. A causa della stercobilina, si ottiene un vitello macchiato.

L'atto stesso della defecazione viene eseguito con la partecipazione dell'azione della corteccia degli emisferi cerebrali. Cioè, è un'azione complessa riflessa che una persona può controllare. Nella parte distale del retto, vi è uno sfintere e fibre muscolari, che insieme svolgono l'atto di defecazione o ritenzione di feci.

Fattori di dolore

Nell'ultima fase possono verificarsi condizioni patologiche che portano a una defecazione dolorosa. Qui includono la colite - malattie infiammatorie del colon. Il più formidabile di loro: la malattia di Crohn e la colite ulcerosa.

Il chimo intestinale passa attraverso il tratto gastrointestinale attraverso la peristalsi - contrazioni ondulatorie del tubo digerente. E a questo punto ci possono essere violazioni. Di solito, c'è stitichezza atonica.

Per essere malati dopo la defecazione nella zona del retto può un nodo emorroidario infiammato o trombizzato, ragade anale. Questo rompe l'integrità della membrana mucosa del retto.

A causa dell'uso frequente di supposte rettali con un componente anestetico non steroideo, i casi di sviluppo di erosioni dell'organo descritto diventano più frequenti.

Il retto si trova vicino alla vescica, all'uretra, alla prostata negli uomini, mentre nelle donne questo organo si trova vicino all'utero. Pertanto, la causa della sindrome del dolore che si verifica dopo il movimento intestinale, può diventare malattie (incluso il tumoral) degli organi e dei sistemi elencati.

Malattie del retto

La causa del disagio e del dolore dopo il movimento intestinale può essere l'infiammazione o la trombosi delle emorroidi. Le vene emorroidarie si trovano nella zona sottomucosa del retto. In presenza di una tendenza alla stitichezza, alla debolezza delle strutture del tessuto connettivo e ad altri fattori predisponenti, si espandono e si deformano. Le pareti si allungano. All'interno, il flusso sanguigno è disturbato, si formano i prerequisiti per la stasi e la trombosi.

I nodi emorroidali spesso cadono e pendono durante la defecazione dal canale anale. Le emorroidi acute o l'esacerbazione di un processo cronico sono accompagnate da un forte dolore durante o dopo la defecazione. Qual è la ragione di questo?

La superficie del tessuto dello sfintere anale è molto sensibile. Non è sorprendente, perché la mucosa e le fibre muscolari di questa regione hanno un'innervazione molto ricca e un apporto di sangue. Pertanto, l'infiammazione in sé provoca dolore. Una traumatizzazione della superficie ulcerata dei nodi con masse caloriche dà un ulteriore impulso. Riflessivamente, gli spasmi anali dello sfintere, rafforzando ulteriormente il dolore.

Gli stessi legami patogenetici hanno una ragade anale. La copertura epiteliale della mucosa rettale è molto sensibile. Con la costipazione prolungata, l'aumento della pressione intra-addominale e il sesso anale tecnicamente scorretto, compaiono dei difetti. Hanno i bordi affilati, esponendo un piatto della mucosa.

Questi difetti sono difficili da guarire, perché c'è un contatto costante con le feci. Provoca traumatizzazione e macerazione della cricca e dei tessuti circostanti. Questo porta al fatto che nell'addome più basso, più vicino al perineo, c'è una sensazione dolorosa dopo la defecazione. Può essere accompagnato da bruciore e dall'aspetto di goccioline di sangue sulla superficie delle feci, della carta igienica e della biancheria intima.

Anche le neoplasie dell'area descritta possono causare dolore, specialmente se si trovano vicino allo sfintere, dove l'innervazione è particolarmente ben sviluppata. Le sensazioni del dolore possono essere accompagnate dalla comparsa di sangue o muco durante la defecazione.

Il dolore dopo l'atto di defecazione accompagna spesso una malattia come un ascesso del retto. Questo è un obiettivo limitato di infiammazione purulenta. Oltre al dolore intollerabile, che è indurito dagli analgesici, c'è un'ipertermia pronunciata - un aumento della temperatura corporea alle figure febbrili. I sintomi di intossicazione aumentano. Quando l'esame rettale è determinato l'infiltrazione, la tenerezza nella palpazione.

Approssimativamente la stessa situazione è tipica per lo sviluppo della paraproctite. Solo allora il dolore avrà un carattere più diffuso. Nelle fasi successive, si preoccuperà, a prescindere dall'atto di defecazione, a volte a riposo.

Chi chiedere aiuto

Per determinare la causa del sintomo, è necessario fissare un appuntamento con il chirurgo. Per le donne, la prima istanza può essere un ginecologo. Dopo tutto, il dolore dopo la defecazione può essere causato non solo dalla patologia dell'intestino, ma anche da malattie come:

  • endometriosi;
  • mioma uterino;
  • tumori e grandi cisti ovariche;
  • esacerbazione di salpingo-ooforite;
  • gravidanza ectopica.

Il chirurgo su una fase ambulatoria raccoglie reclami, l'anamnesi. Quindi è necessario esaminare l'area dell'ano. L'esame rettale delle dita consentirà di differenziare l'insieme delle possibili patologie. La presenza di acuti dolori e segni di infiammazione è un'occasione per il ricovero in ospedale.

È inoltre possibile eseguire un'anoscopia, una sigmoidoscopia, utilizzando gli strumenti e l'ottica necessari.

Ultrasuoni e tomografia ampiamente utilizzati. Le donne eseguono l'ecografia pelvica per escludere tumori, endometriosi, fibromi e altre malattie che sono una potenziale causa di dolore dopo la defecazione.

La maggior parte dei disturbi zona anale trattati con unguenti (Proktoglivinol, Proctosedyl), supposte rettali o supposte (Relief, Anuzol, supposte con benzocaina). Durante il rilevamento delle emorroidi, è consuetudine utilizzare farmaci flebotonici (Flebodia, Detralex, Fleabaven) durante il periodo di aggravamento. Il trattamento viene eseguito da un proctologo o coloproctologo.

Cause del movimento e del trattamento dell'intestino

Il dolore durante la defecazione è più spesso un segno di una patologia che indica problemi con l'intestino o altri organi vicini. Quando un uomo malato di spingere durante lo svuotamento, mal di sfintere prima o dopo i movimenti intestinali, bruciore nell'ano, così come i disordini di feci marcate, si dice che è necessario trovare subito la causa di questi eventi e cominciare a trattare la malattia.

Che tipo di dolore?

Il dolore può comparire immediatamente prima della defecazione, durante di esso (specialmente se sono necessari forti tentativi di svuotamento dell'intestino), immediatamente dopo l'atto di svuotamento.

La defecazione dolorosa nelle donne e negli uomini può essere:

  • acuto - più spesso durante il processo stesso è osservato;
  • sordo, dolorante - si manifesta solitamente dopo la defecazione e può dare agli organi vicini;
  • pizzicore - è più spesso sentito nell'intestino prima della defecazione e, mentre si avvicina, diventa acuto;
  • affilato - sorge spontaneamente e anche rapidamente si abbassa;
  • taglio - si verifica molto raramente e più spesso accompagna l'atto di defecazione;
  • forte - è quasi impossibile sopportare tale dolore, quindi è difficile per una persona camminare anche qualche volta, come si sente il dolore camminando, sedendosi, mentendo, e non si ferma per molto tempo, così spesso il retto fa male;
  • povero - questo dolore di solito insegue alternativamente una persona in qualsiasi momento della giornata, può aumentare leggermente dopo lo svuotamento.

motivi

Le cause del dolore durante il movimento intestinale sono abbastanza ampie.

Crepe nell'ano

Il dolore appare bruscamente durante un tentativo di svuotare l'intestino, spesso i movimenti intestinali escono con grande difficoltà e la melma e il sangue si notano in essi. A causa del forte dolore nell'intestino, i pazienti spesso causano inconsapevolmente costipazione.

Tumore del retto

Il dolore si manifesterà immediatamente prima di svuotarsi, quando le feci escono dal tumore. Sentimenti di gengive nell'intestino, se il tumore è danneggiato, allora le feci escono con il sangue.

periodi

Durante le mestruazioni, le donne possono avere dolore quando cercano di svuotare l'intestino. Ci possono essere sensazioni di bruciore nell'ano, le feci uscire normali senza sangue.

C'è anche una pesantezza nell'addome e nella debolezza, ma tutti questi sintomi passano presto e non influenzano lo stato di salute, perché non sono causati dalla patologia, ma dallo stato normale della donna.

Proctite acuta

L'infiammazione del retto è spesso accompagnata da dolore, che è peggio con l'atto di defecazione e solo dopo diminuisce leggermente.

Quando una malattia è iniziata, sembra che il malato abbia qualcosa da tagliare dentro.

Infezione nell'intestino

Le infezioni intestinali sono spesso accompagnate da diarrea o stitichezza. Ognuna di queste condizioni causa una temporanea infiammazione della mucosa intestinale e del retto, e quindi quando si defeca una persona avverte dolore.

Anche in questi casi, è caratterizzata da crampi dolore addominale, tenesmo (false voglia di defecare), sotto la presidenza segnata mescolanza di sangue, muco o addirittura pus.

Infiammazione dell'utero

emorroidi

Questa è la ragione più comune che provoca dolore quando si tenta di svuotare l'intestino. I nodi emorroidali si trovano nel retto o nell'ano e quando le feci li superano, si verifica un forte dolore acuto.

complicanza frequente delle emorroidi - stipsi, che aggrava solo la situazione, perché le feci si accumulano nel retto, diventa più secco e duro, e poi lascia ancora l'intestino, causando una persona dolore molto intenso.

bambini

Al bambino il dolore a una defecazione può apparire a causa di una consegna sbagliata. Quando si forma la dieta del bambino in modo che il cibo nell'intestino si trasformi in una fitta stretta, secca e densa, è difficile per lui passare attraverso l'ano senza irritare le mucose.

video

prostatite

La prostatite acuta non è raramente una causa di dolore negli uomini. Innanzitutto, il dolore è debole, raro, ma con il progredire della malattia, si intensificherà.

Gli uomini si sentono spesso in imbarazzo per il loro problema e vanno dal dottore fino a tardi, ma poi devono prendere misure di emergenza non solo per ridurre il dolore, ma anche per curare il paziente.

Fistola del retto

La fistola causa sempre grandi difficoltà con il movimento intestinale. Nell'uomo, oltre al dolore, possono svilupparsi nausea, debolezza, malessere, stitichezza e peritonite.

poliposi

Polipi multipli (neoplasie benigne) compaiono spesso nell'intestino, portando disagio e dolore a una persona. Nei primi stadi dello sviluppo della malattia non ci sono praticamente sintomi, e il dolore è il sintomo che permetterà di diagnosticare un disturbo, prima che possa causare danni significativi all'organismo.

Consiglio E. Malysheva

Per sbarazzarsi di muco, pus e sangue nelle feci - non servono pillole! Scrivi una ricetta semplice ma efficace che ti aiuterà a sbarazzarti di una diagnosi così spiacevole una volta per tutte. Hai solo bisogno di preparare il solito al mattino.

E se facesse male andare in bagno?

L'automedicazione senza stabilire una diagnosi è impossibile. Inizialmente, è necessario consultare un gastroenterologo o un proctologo (potrebbe essere necessario consultare un oncologo o un ginecologo).

Il medico nominerà:

  • endoscopia dell'intestino;
  • analisi delle feci generali;
  • analisi delle feci per sangue occulto;
  • sigmoidoscopia;
  • un esame del sangue generale;
  • condurrà diagnosi delle dita dell'intestino;
  • ispezionerà la vagina.

Dopo aver ricevuto i risultati, verrà fatta una diagnosi.

Se inizi a trattare solo un sintomo (fai il bagno, bevi gli antidolorifici), puoi perdere il momento della diagnosi e quando la malattia verrà rivelata, sarà troppo tardi per trattarla. Pertanto, dovresti sempre consultare un medico per un consiglio, anche se è banale, è meglio esserne certo.

Dolore addominale con movimento intestinale

Dolore nell'intestino dopo lo svuotamento, cause, trattamento

Non sempre le sensazioni dolorose nell'area intestinale indicano una malattia specifica. A volte una sensazione di disagio nell'area intestinale # 8212; questa è una conseguenza del prendere alcune medicine, una dieta prolungata, un'alimentazione scorretta. È importante prestare attenzione alla natura del dolore. Particolarmente pericolosi sono il taglio, la trazione, la smussatura, la nitidezza e la continuità. Dovresti avvisare immediatamente il dolore che si verifica dopo la defecazione. Cosa è provocato? Come liberarsene? Quanto è pericoloso il dolore?

motivi

La sindrome del dolore si osserva in caso di compressione dei nervi, spasmo, può essere provocata da cause meccaniche e automatiche. Spesso il dolore dopo lo svuotamento è una conseguenza del processo infiammatorio nell'intestino. A volte appaiono sensazioni spiacevoli in caso di lesione della mucosa intestinale. In questo caso, il medico pone una diagnosi come colite ulcerosa, elmintiasi, gonfiore, polipi.

Per rendere più facile la diagnosi della causa del dolore, è necessario prestare attenzione al luogo in cui ci sono sensazioni spiacevoli dopo la defecazione:

Spasmo vicino all'ombelico - indica l'elmintiasi. Spasmo a destra, che dà all'inguine, la gamba è il primo segno di appendicite acuta. Fuoriuscite di dolore in tutto lo stomaco possono indicare intossicazione alimentare, enterite. Disegno dolore nel basso addome, ano, ano - crepe nel retto, emorroidi.

Attenzione per favore! È importante distinguere il dolore nell'intestino dalle sensazioni spiacevoli negli organi del sistema sessuale urinario.

Nelle donne, il dolore a sinistra è il primo segno del processo infiammatorio nelle ovaie, l'endometriosi, le aderenze.

Se hai partorito di recente, il dolore durante lo svuotamento può essere una conseguenza dei danni ai legamenti durante il travaglio. Anche nelle donne questo sintomo sgradevole appare con le mestruazioni. Il dolore nell'intestino a volte indica endometriosi. Di regola, la patologia è caratteristica dell'età riproduttiva.

Come reagire correttamente allo spasmo intestinale?

Se sei sicuro al 100% che il dolore sia localizzato nell'intestino, mentre le sensazioni sgradevoli non sono forti, è necessario:

Bere un farmaco antispastico - Baralgin, Papaverin, No-shpu. Prendi una posa comoda, sdraiati per circa 30 minuti.

Inoltre, per sbarazzarsi del disagio nell'intestino dopo lo svuotamento, è necessario prendere misure così urgenti :

Ricorda l'ultimo atto di defecazione. Hai già svuotato gli intestini per una settimana? Prendi un lassativo con urgenza. Massaggio della vita, addome. Attenzione per favore! Deve essere fatto in senso orario. Con questa procedura, ti libererai del gas e del ristagno. Preoccupato per gonfiore? È necessario prendere Activated Carbon, Smektu o Enterosgel. Hanno spesso dolore nell'intestino? Per un giorno, bevi almeno un bicchiere d'acqua. In questo modo, normalizzi le capacità motorie, sbarazzi la stitichezza.

Bevi solo acqua, non composta, caffè, tè. Pulire rapidamente l'intestino può essere acqua fredda non bollita. Prova a bere il prodotto a stomaco vuoto, altrimenti nell'addome inferiore potrebbero comparire spasmi. Per prevenirli, dovresti seguire questi consigli:

Mangia Fare sport, è particolarmente importante eseguire esercizi sulla stampa, in modo da poter ripristinare rapidamente la peristalsi.

Spasmo e dolore si placarono? Fai un sondaggio :

Consegnare l'analisi delle feci ai vermi. Crea un coprogram per rilevare i difetti digestivi in ​​modo tempestivo. Non rinunciare alle analisi batteriologiche, che possono indicare la disbiosi.

Dopo aver ottenuto tutti i risultati dei test sulle mani, è necessario eseguire anche gli ultrasuoni.

Quando devo consultare immediatamente un medico?

In precedenza, non c'erano problemi con lo svuotamento del colon, ma recentemente ha iniziato a preoccuparsi di costipazione frequente, forte dolore nell'intestino. La diarrea ha cominciato a alternarsi con costipazione. L'intestino fa male a sinistra, a destra. Sensazioni dolorose, spasmo appare indipendentemente dal fatto che tu mangi o no. Il sangue è osservato nelle feci. Bruscamente ha cominciato a perdere peso.

Tutti questi sintomi possono indicare una condizione pericolosa per la vita, è importante sottoporsi a un trattamento tempestivo.

Corso di terapia

Spesso il dolore dopo la defecazione è una conseguenza della sindrome dell'intestino irritabile. In questo caso, uno spasmo appare nell'addome inferiore e verso sinistra, il sudore freddo può apparire sulla pelle.

Vale la pena notare con la sindrome dello spasmo è molto forte, inizia a dare nella regione della vita, tutto finisce con grave diarrea. È possibile trattare la sindrome dell'intestino irritabile solo da un medico. I disturbi digestivi cronici possono essere provocati da varie cause, tra cui stress, scarsa ecologia e malnutrizione.

Per liberarti della sindrome, hai bisogno di una terapia complessa:

Prendi i farmaci. Includere nei vostri supplementi nutrizionali di menu. Richiede un rilassamento psicologico. Aderire ad una dieta con cellulosa, una maggiore quantità di pectine.

Con l'aiuto di una terapia complessa, ti libererai completamente del dolore addominale dopo lo svuotamento, perché una dieta, l'assunzione di antidolorifici o la pulizia non sono sufficienti. Qui è necessario affrontare seriamente questo problema.

prevenzione

Non vuoi avere problemi con l'intestino? Prima di tutto, analizza attentamente ciò che mangi. Crea una tabella di prodotti dannosi e utili. Dare la preferenza, solo utile, da prodotti dannosi è necessario rifiutare.

Al fine di prevenire l'improvvisa comparsa del dolore, non dimenticare di prendere a volte tutti i test, passare attraverso l'ecografia. Spesso le sensazioni sgradevoli nell'intestino sono una conseguenza dei vermi. Particolarmente pericoloso quando iniziano a moltiplicarsi attivamente. In questo caso, ogni sei mesi, è necessario prendere la droga Dekaris, con il suo aiuto si può rapidamente distruggere i parassiti.

Ricorda, il dolore negli intestini dopo l'atto di defecazione appare per una ragione. Non affogarla con analgesici, è meglio essere curati una volta ed efficacemente di bere un sacco di droghe tutto il tempo. Guarda attentamente la tua salute!

Articoli interessanti:

Dolore intestinale

Malattie che causano dolore intestinale

Tutti i problemi con l'intestino derivano dalla violazione della sua peristalsi, cioè del movimento. Nello stato normale, le pareti dell'intestino sono in costante movimento, cosicché il nodulo si muove, si mescola e viene eliminato dal corpo. In quei casi in cui il movimento è disturbato, il grumo di cibo si ferma in un punto, motivo per cui si sviluppa l'ostruzione. L'intestino non viene svuotato, la digestione non passa, c'è un dolore intestinale con il successivo sviluppo del processo infiammatorio. Oltre all'ostruzione intestinale, il dolore nella regione intestinale può verificarsi nelle seguenti malattie:

malattia infiammatoria intestinale. Con alcune malattie, il dolore è cucito, a breve termine e parossistico. Altri sono accompagnati da dolore persistente e persistente, che tende ad aumentare durante movimenti bruschi, attacchi di tosse. Dolori di questo tipo sono abbastanza stabili, esercitando un effetto estenuante su una persona; ostruzione intestinale e infiammazione del colon sigmoideo danno dolore acuto nel fianco sinistro con localizzazione nell'addome inferiore; appendicite, tumori cancerosi e infiammazione dell'intestino (tiflit) causano dolore nel lato destro - la natura del dolore da lieve e dolorante, acuta e parossistica; enterite (infiammazione dell'intestino tenue), colite e cancro del colon sono accompagnati da dolore, con la localizzazione principale nell'ombelico; cancro e infiammazione del retto - dolore intestinale nella regione perineale. Il dolore si intensifica durante o immediatamente dopo il movimento intestinale (atto di defecazione); l'infiammazione del retto e del colon sigmoideo dà un forte dolore prima dell'atto di defecazione; dolore acuto acuto durante l'atto di defecazione si verifica con esacerbazioni emorroidali, cancro e infiammazione del retto.

I dolori costanti e parossistici nella zona dell'intestino sono spesso intervallati da dolori di natura irradiativa:

quando il dolore di dissenteria dà nella regione del sacro; Nel torace (nel cuore) dare alle coliche intestinali l'irradiazione, causando il sospetto di angina pectoris; appendicite - dolore che dà nella gamba destra.

Diagnosi di dolore intestinale

Con qualsiasi sintomo doloroso nell'addome, con qualsiasi della loro localizzazione, è prima di tutto necessario consultare un medico. Il fatto è che l'infiammazione degli organi della cavità addominale è pericolosa a causa delle sue complicanze e anche il dolore intestinale minore può essere il primo segno di appendicite. Se non presti attenzione a lei in tempo, puoi provocare una rottura dell'appendice, il deflusso del suo contenuto nella cavità addominale e la sua successiva infiammazione - peritonite. Il risultato può essere fatale. Pertanto, i dolori parossistici affilati, persistenti e doloranti, gli spasmi in uno dei lati sono un indicatore dei disturbi a livello intestinale. Per rilevare aree problematiche, è necessario eseguire una radiografia degli organi addominali con un mezzo di contrasto e un esame del sangue generale. Inoltre, viene prescritta un'ecografia degli organi addominali.

Esistono numerosi indicatori che, con un esame esterno del paziente, indicano lo sviluppo di problemi con l'intestino:

lingua asciutta e bianca; esaminando l'addome, viene rilevato il suo gonfiore irregolare; con la palpazione dell'addome aumenta il dolore intestinale; in alcuni casi, la peristalsi dell'intestino (movimento dell'intestino) è visibile ad occhio nudo, brusio forte e frequente; in condizioni trascurate, non ci sono suoni e manifestazioni motorie dal lato intestinale; sintomo pronunciato di "peritoneo irritato" - con un leggero tocco sulla parete addominale anteriore c'è dolore, che "si diffonde" in tutto l'addome.

Con problemi intestinali, dovresti consultare un gastroenterologo, un proctologo o un oncologo, a seconda dei risultati degli studi diagnostici.

Trattamento del dolore intestinale

I problemi con l'intestino possono verificarsi per vari motivi. In quei casi in cui la patologia o l'infiammazione hanno un grado di sviluppo insignificante, viene mostrato quanto segue:

dieta corretta ed equilibrata, adattata alle caratteristiche individuali; terapia farmacologica, compreso l'assunzione di enzimi, farmaci antinfiammatori e antispastici; il rifiuto di tutte le cattive abitudini e il corretto regime del giorno.

Nei casi più gravi, è impossibile fare a meno dell'intervento chirurgico. Inoltre, ci sono malattie in cui l'intervento chirurgico è l'unico modo per risolvere il problema. Tali malattie includono, per esempio, l'appendicite.

Come viene prevenuto il dolore intestinale?

Uno stile di vita sano, una dieta corretta ed equilibrata, l'evitamento di frequenti condizioni di stress eviteranno molti problemi di salute. Per problemi nel corpo di diventare sorprese, una volta l'anno, e dopo 40 anni, due volte l'anno, ci dovrebbe essere un esame completo di tutti gli organi e sistemi. dolore intestinale, in alcuni casi, può essere il risultato di infestazioni parassitarie, nei casi in cui i vermi riproducono ad alta velocità, scivolando in una palla e creano un blocco nell'intestino. Per evitare tali situazioni, ogni 6 mesi è necessario bere farmaci antielmintici, ad esempio "Decaris".

Dolore addominale, intestino: sintomi e trattamento delle malattie

Questa può essere una cosiddetta sindrome da intestino irritabile (IBS) sintomi che sono il dolore addominale. I principi di questa malattia furono formulati a Roma nel 1990 dai principali gastroenterologi. Secondo i cosiddetti criteri di Roma per la presenza di IBS può essere giudicato, se entro 12 settimane l'anno, anche fuori ordine, non c'è disagio o dolore addominale, gonfiore, che è facilitata dopo un movimento intestinale, così come la frequenza sta cambiando sgabello o sua consistenza.

Sintomi di dolore nell'addome inferiore nell'intestino

Le manifestazioni di malattia dell'intestino irritabile sono:

Dolore nell'addome. Il dolore può essere trasformato da un leggero lieve disagio a un forte, intollerante, dolore che non ha una localizzazione specifica. Può diffondersi, come l'intero addome, e apparire in momenti diversi in diverse aree dell'addome. La natura del dolore può essere: bruciante, acuta, il dolore può essere smussato, dolorante, scoppiante, tagliente, comprimente e qualsiasi altro. Il dolore di solito peggiora dopo aver mangiato, e non si preoccupa, si sveglia di notte. Ma quando una persona si sveglia, sorge immediatamente il dolore.

Flatulenza o gonfiore, che aumenta durante il giorno e ha un picco di sviluppo nelle ore serali. Rafforza dopo aver mangiato, soprattutto dopo cena.

La sedia è sconvolta e può essere diarrea o costipazione.

Se lo sgabello è sotto forma di diarrea, si verifica nelle ore del mattino, cioè dopo la colazione. L'intestino viene svuotato da 2 a 5 volte, a brevi intervalli. Inoltre, la voglia di defecare può verificarsi quasi dopo ogni pasto. Ma mai di notte. Nelle feci non è possibile seccare muco e cibo non digerito, sangue o pus non sono presenti.

Se c'è stitichezza, allora ha un aspetto "da pecora", potrebbe esserci anche del muco e meno spesso se ci sono emorroidi, sangue.

Forse una sensazione costante durante la deglutizione di un coma in gola, così come il dolore nella regione epigastrica. La saturazione arriva rapidamente. C'è nausea e dolori e dolori: nell'ipocondrio destra, nel lato sinistro del torace, nelle articolazioni, muscoli, mal di schiena, palpitazioni, la funzione del cuore irregolare, tinnito, mal di testa, sensazione di respiro incompleta, difficoltà a dormire sul lato sinistro, tremori, minzione frequente, perdita di peso, debolezza, "vampate di calore" e secchezza delle fauci.

Caratteristiche del trattamento del dolore nel basso addome nell'intestino

Con il trattamento corretto e completo di IBS può sbarazzarsi completamente. Quando si tratta l'intestino, devono essere rispettate le seguenti regole:

Aderenza alla dieta corretta;

Sottoporsi ad un ciclo completo di trattamento con farmaci specializzati volti a ripristinare la normale flora intestinale e la sua normale contrattilità;

Con l'aiuto dei moderni metodi di psicoterapia, ripristinare la normale regolazione nervosa dell'intestino.

Trattamento popolare per il dolore addominale e l'intestino irritato

Arrosto di zucca e fagioli con dolore nell'addome inferiore e per il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile

Tutti sanno quanto siano utili la zucca e i piatti. Ricetta per la sindrome dell'intestino irritabile: prendi un quarto della zucca, sbuccia e taglia a cubetti grandi. Tagliare la cipolla, stufare con la zucca in una padella con l'aggiunta di olio di semi di girasole. In parallelo, lessate i fagioli (un bicchiere). Una volta che la zucca è morbida, aggiungere i fagioli, mescolare e lasciare per cinque minuti. Sale, pepe e vari condimenti possono aggiungere a piacere.

Questo piatto non è solo delizioso, ma anche utile, saturerà il tuo corpo con sostanze utili ed energia. La cosa principale è che viene rapidamente digerito dall'intestino.

Manna porridge allevia i problemi con la sindrome dell'intestino irritabile e di più nell'addome

Questo porridge ha molte proprietà utili. Metodo di preparazione: cuocere necessariamente con acqua e senza aggiunta di sale o zucchero. E se aggiungi miele, le sue proprietà curative aumenteranno più volte. Il porridge di manna ripristinerà la digestione e curerà l'intestino.

Anguria con forte dolore a livello intestinale

Con forte dolore, quando l'intestino si rifiuta di lavorare, usa il rimedio popolare per la buccia dell'anguria. Sotto forma di polvere o insistendo sull'acqua. Per fare una polvere, lavare l'anguria, rimuovere lo strato verde e asciugarlo (al sole o nel forno). Dopo di che deve essere portato allo stato della polvere. Facciamo l'infusione: un litro di acqua bollente, 3 cucchiai di polvere. Mangia un cucchiaino ogni volta prima di mangiare.

© Olga Vasilyeva per astromeridian.ru

Altri articoli sull'argomento:

Fonti: http: // www.astromeridian.ru / medicina / boli_vnizu_zhivota_kishechnik.html

Ancora nessun commento!

Dolore nell'intestino - questa è sempre una condizione anormale, che segnala i problemi molto seri che sono sorti nel corpo. Chiunque abbia provato dolore all'addome, probabilmente ha cercato di capire cosa c'è dietro questo sintomo. Come sbarazzarsi del dolore, se hai bisogno di cercare immediatamente un aiuto medico e cosa puoi mangiare in questi casi?

Oggi proveremo a rispondere a tutte queste domande.

Un po 'di anatomia

I dolori nell'intestino nell'addome inferiore, di cui parleremo in questo articolo, sono più spesso causati da problemi associati al funzionamento dell'intestino crasso.

Nell'anatomia, la parte inferiore del tubo digerente, che parte dallo smorzatore della buginia (che divide l'intestino tenue e crasso), viene definita anatomia e termina con l'ano. La lunghezza di questa parte dell'intestino è di circa due metri, ed è qui che l'acqua viene aspirata e le feci sono fatte di poltiglia di cibo.

I disturbi del funzionamento di questa parte dell'intestino e la comparsa di dolore nell'addome inferiore possono essere causati da un gran numero di tutti i tipi di malattie. Ne parleremo solo alcuni.

Sintomi di ischemia intestinale acuta

Nei pazienti con aterosclerosi, diabete mellito, lesioni delle vene, ecc., La pervietà dei vasi sanguigni che permeano le pareti del colon può essere difficile. Di conseguenza, si sviluppa un processo infiammatorio, chiamato "colite ischemica".

Nella sua forma acuta, il paziente avverte forti dolori crampi nell'intestino o nelle sue aree laterali. Nel tempo diventano diffusi e meno pronunciati. Inoltre, la patologia si manifesta con perdita di appetito, nausea, distensione addominale e rombo, disturbi di feci (stipsi, diarrea), dolore alla palpazione dell'addome. Quando si sviluppa l'infarto della membrana mucosa delle pareti intestinali nelle feci, può comparire sangue.

Come si manifesta l'appendicite acuta?

Se si ha un dolore intestinale nell'addome inferiore a destra, questo può essere un sintomo di appendicite.

Di solito inizia con il verificarsi di dolore diffuso nella zona dello stomaco, e dopo un po 'il dolore diminuisce, concentrandosi sul lato destro, a volte dando (irradiando) alla gamba destra.

Va ricordato che questo sintomo dell'appendicite può a volte attenuarsi. Questo è causato dalla morte delle cellule nervose dell'appendice.

Di solito il dolore si intensifica quando si cammina, si tossisce e si prova a rotolare dall'altra parte nel letto. Sotto l'addome, la tensione aumenta. E questo è un segnale per l'immediata assistenza medica!

Oltre a questa caratteristica, e appendicite può essere accompagnata da nausea, vomito (solitamente non più di 2 volte), disturbi alimentari, ad alta temperatura (fino a 38 ° C), feci a volte sciolti, minzione frequente, e la pressione alta.

Cos'altro può causare dolore nell'intestino crasso?

Se l'intestino fa male a sinistra nell'addome inferiore, è un segnale di problemi con la parte inferiore del colon. Molto spesso, fenomeni simili si verificano con la presenza di malattie infiammatorie, come ad esempio la diverticolite.

Questa malattia si verifica nel processo infiammatorio in luoghi di protrusioni patologiche dell'intestino crasso (il cosiddetto diverticolo). Di solito queste protrusioni non si manifestano in alcun modo, ma con il ristagno di cibo e feci o la disbatteriosi, l'infiammazione inizia a svilupparsi. È accompagnato da forti dolori intestinali, febbre, diarrea e comparsa di sangue nelle feci.

La diverticolite non trattata può acquisire un decorso cronico, che sarà accompagnato dai suddetti sintomi in ogni momento. Inoltre, la malattia può diventare un impulso allo sviluppo dell'ostruzione dell'intestino crasso.

Qual è l'ostruzione dell'intestino crasso?

Questa malattia è causata da una violazione del movimento del contenuto attraverso l'intestino. E sintomi sono crampi nell'intestino nell'addome, gonfiore (si esprime asimmetria esteriormente evidente), vomito ripetuto, disturbi dell'appetito e il ritardo o assenza di feci.

Ma è il dolore che è la caratteristica principale in questo caso. Può verificarsi in qualsiasi momento, improvvisamente, non correlato con l'assunzione di cibo e senza precursori. Di regola, gli attacchi dolorosi si ripetono ogni 15 minuti. Il secondo o il terzo giorno della malattia, il dolore può fermarsi. Ma questo dovrebbe allertare, perché il più delle volte è la prova della fine della peristalsi intestinale e della minaccia di intossicazione. Urgently indirizzo al medico!

Cos'è la colite ulcerosa?

Con la predisposizione genetica, le reazioni allergiche, l'intolleranza individuale di alcuni prodotti e la presenza di stress cronico in una persona, può svilupparsi una colite ulcerosa non specifica. È accompagnato da dolore dolorante, localizzato nell'addome inferiore o sinistro.

Inoltre dolori intestinali in addome, la patologia è accompagnata da impurità del sangue e pus nelle feci, diarrea, falso voglia di defecare, diminuzione dell'appetito, febbre (a volte fino a 39 ° C), debolezza generale e, se grave, la perdita di peso.

A causa del pericolo di sviluppare tumori benigni e maligni a livello intestinale nel corso della malattia, questa malattia richiede un intervento medico obbligatorio.

Dolore nell'intestino - sintomi dei processi tumorali

Tra i tumori tumorali che compaiono nell'intestino, i polipi (tumori benigni) o il tumore del colon sono più comuni.

In caso di sviluppo di tali patologie, il dolore addominale non è chiaramente espresso. All'inizio dello sviluppo della malattia, possono esserci occasionali sensazioni di dolore debole che non hanno una localizzazione chiara. Ma durante la crescita del tumore può bloccare il lume dell'intestino, portando alla sua ostruzione e, di conseguenza, causando i sintomi di questa malattia.

Se il paziente ha una costipazione permanente non legata all'alimentazione, che è difficile da correggere con la dieta o i farmaci, allora si può sospettare che sviluppi un tumore canceroso. Inoltre, un ulteriore segnale allarmante può servire come additivi del sangue che compaiono negli escrementi.

Sullo sviluppo di formazioni maligne, inoltre, debolezza, perdita di appetito, affaticamento e perdita di peso nel paziente. Tutto ciò richiede un esame e un'osservazione immediata da parte di specialisti.

Sindrome dell'intestino irritabile

I dolori cronici nell'intestino dell'addome inferiore, che vengono trasformati dai polmoni in intollerabili, insorgono in qualsiasi momento e aumentano dopo aver mangiato, sono sintomi di una malattia abbastanza comune. Si chiama "sindrome dell'intestino irritabile" (IBS). È interessante notare che questa malattia non mostra alcun disturbo organico.

La particolarità del dolore nell'IBS è che scompaiono durante la notte, durante il sonno, ma possono manifestarsi non appena una persona si sveglia. Sono accompagnati, di regola, disordini di gonfiore, flatulenza e sgabello (stitichezza o diarrea ea volte uno o l'altro). Frequenti sono anche i sentimenti di svuotamento incompleto, "coma in gola" durante la deglutizione, rivelando la mescolanza di muco nelle feci, così come i dolori muscolari e la nausea.

Se aderisci al trattamento giusto, allora da questa malattia puoi completamente liberarti di. Lui ti nominerà un dottore. Ma non dimenticare la corretta alimentazione, che ripristinerà la flora intestinale e la sua contrattilità.

Dieta per il dolore nell'intestino

Se i dolori sono accompagnati da stitichezza, allora, prima di tutto, è necessario ridurre l'assunzione di lassativi, in modo da non "disabituare" l'intestino a lavorare in modo indipendente. A proposito, lo stesso vale per i farmaci per la diarrea. Per prima cosa dovresti provare a usare i rimedi naturali e passare ai farmaci solo se non ci sono risultati.

Universale in questo caso è la fibra, che, mentre aumenta il volume del contenuto dell'intestino, contemporaneamente lo ammorbidisce e consente alla stitichezza di aumentare il tasso di svuotamento e con la diarrea normalizzare la peristalsi.

dolore dieta nell'intestino e Abuse suo funzionamento deve ospitare un prodotto ricco di fibre (anche se possono causare e gli effetti collaterali come flatulenza e gonfiore) o integratori alimentari essi basate (ad esempio, metilcellulosa e buccia isfaguly).

L'intestino ha bisogno anche di pectina, che contiene fibre alimentari. Di norma, stiamo parlando di frutta di papaia, pompelmi e arance.

È anche necessario prestare attenzione all'uso sufficiente dell'acqua. Se sei preoccupato per il dolore regolare nell'intestino inferiore, devi assumere fino a otto bicchieri d'acqua a temperatura ambiente durante il giorno. Ciò contribuirà ad aumentare il volume delle feci e consentire loro di muoversi più intensamente.

Eliminare l'uso di latticini e farina di grano e cereali, poiché spesso causano una sensazione dolorosa.

Come trattare il dolore nell'intestino

Naturalmente, con frequenti sintomi dolorosi, è obbligatorio un esame specialistico. Solo lui è in grado di determinare la loro vera causa e di selezionare la terapia adeguata del paziente.

Di norma, con il dolore nell'intestino, il trattamento si concentra principalmente sulla sua riduzione. Per questo vengono usati antispastici, analgesici e antinfiammatori.

Quando la diarrea è impossibile farlo senza farmaci antidiarroici come farmaco e fitosredstv, per esempio brodo di mirtillo e ciliegia frutta, radici o steli di Potentilla ontano.

Con costipazione aiuta a curare le droghe con effetto lassativo. È consigliabile utilizzare mezzi che non solo possano normalizzare la motilità intestinale, ma anche migliorare la sua microflora.

conclusione

Quando si avverte dolore nell'intestino, in nessun caso si auto-diagnosi e automedicazione. Puoi danneggiare la tua salute e perdere il momento, permettendoti di liberarti in modo sicuro del sintomo doloroso e della malattia che sta dietro. In questo aiuterai solo uno specialista. Sii sano!

Il dolore durante la defecazione può essere causato da varie cause. Essi sono spesso caratterizzati da un senso di spingere una sensazione di bruciore che è causato da irritazione o lesioni sensibili nervi sottili allungati e afflusso di sangue alla mucosa anale.

definizione

Il dolore durante i movimenti intestinali sono un segno di definizioni cliniche di "rectalgia" malattia anale o anusovogo regione, che aggravano notevolmente non solo la defecazione, ma anche influenza in modo significativo il ritmo quotidiano della vita soffre di questa malattia.

Dolore anale, dolore all'ano, procalgia

Termini in inglese: defacation dolorosa, proctalgia

descrizione

La resistenza (defecazione) è il processo finale della digestione umana. Una volta adottata dal cibo ha superato lo stomaco, come pure le regioni dell'intestino tenue e del colon, dove è stato suddiviso in sua componente per la sua miscelazione con secrezioni digestive e alcuni nutrienti sono stati assorbiti dalle cellule intestinali, raggiunge il colon. Estraendo colon acqua cal diventa spessa e acquista la sua durezza. Feci (materia fecale) viene trasferita attraverso movimenti intestinali (peristalsi) nel retto. Nel retto, le feci saranno conservate per un po 'di tempo. Così è allungato e sulla presenza di alcuni impulso del volume fecale defecare viene invocato.

Attraverso riflesso neurale dissociati arco muscolo anale anulare esterno (M. sfintere anale externus) sollevato dal movimento intestinale, muscolatura addominale è ridotta e quindi crea pressione che promuove uscita fecale. In una funzione intestinale sana, è composto prevalentemente da componenti non digerito alimentari (cellulosa), nonché relativa ad una sana batteri della flora intestinale e autologhe sequestrato cellule epiteliali intestinali rifiuti.

Poiché spesso la malattia sottostante è l'intestino, il retto o le regioni anali, possono verificarsi anche i seguenti sintomi:

sgabelli maleodoranti consistenza atipiche e color dell'aria accumulo nell'intestino (flatulenza) con rigonfiamenti senza perdite di gas (spesso metano, biossido di carbonio, idrogeno solforato) elevata, selezione spesso maleodoranti gas intestinali (gonfiore) convulsivo stomaco dolore sensazione di pesantezza affaticamento e stanchezza (con eventuale innalzamento della temperatura) la perdita di peso della sensazione di movimento intestinale incompleta dopo una visita alle bolle toilette o croste, con la possibile liberazione di fluido nella zona prianalnoy scarico mucose o purulenta come MSE sangue lenia nel prurito sgabello

Il dolore durante la defecazione si verifica spesso negli anziani. Come sintomo non specifico, può riguardare tutte le classi di età. Fino al 70% di tutte le donne soffre temporaneamente di questa sintomatologia dolorosa dopo il parto. Questi dolori non sono un indicatore della malattia, ma sono il risultato della pressione sulle regioni vaginali e intermedie durante il parto.

È necessario separare la malattia Proctalgia fugax - un dolore improvviso, che spesso si alza di notte nell'ano, non causato dalla defecazione. La causa è uno spasmo della muscolatura dello sfintere e / o del pavimento pelvico. Il dolore può durare da alcuni minuti a un'ora.

motivi

I seguenti fattori e malattie possono causare dolore durante la defecazione:

costipazione, diarrea crepa ano mucosa (fessura) nell'ano dell'infiammazione (fistola anale, ascesso) eczema anale manifestazione dei sintomi di emorroidi ( "vene infiammate" nel retto) trombosi anale trombosi venosa (coaguli di sangue nelle piccole vene del retto canale) sindrome verruche genitali (condilomi acuminati) malattia infiammatoria cronica del colon irritabile (morbo di Crohn, colite ulcerosa) malattie veneree accompagnati da infiammazione del retto (proctite) dopo circa proctite cancro radiazioni della regione anale (carcinoma della regione anale) il cancro del colon incontinenza fecale scarsa igiene intima zona piatti piccanti

Cosa puoi fare?

Rivolgersi al proprio medico se si hanno i sintomi sopra descritti. La maggior parte delle malattie di base sono ben curabili e solo una restrizione temporanea. Nel caso di gruppi di sangue chiaramente definiti nelle feci, deve essere condotto immediatamente un esame medico per determinare la causa, per prevenire un'ulteriore perdita di sangue e per escludere malattie maligne (cancro).

Aiuto di specialisti

A seconda della specificità della sintomatologia, oltre alla consulenza, il medico può eseguire ulteriori diagnosi dettagliate da vari medici specialisti. Uno specialista nel campo di questo complesso di malattie è un proctologo, tuttavia altri medici possono essere coinvolti in esami a seconda della diagnosi. Questi includono:

specialisti in malattie interne, gastroenterologi chirurghi urologi, ginecologi oncologi

Cosa ti aspetta ad un ricevimento con il tuo dottore?

Prima che il medico inizi i test, inizierà una conversazione (anamnesi) riguardante i tuoi reclami attuali. Inoltre, ti intervisterà anche sui reclami passati e sulla disponibilità di possibili malattie.

Le seguenti domande possono essere previste:

Quando sono comparsi i sintomi? Era un evento iniziatico? Il sintomo è cambiato nel tempo? Potresti descrivere il dolore in modo più dettagliato? Soffri di sintomi aggiuntivi come stitichezza o diarrea, ano umido, coaguli di sangue, congestione mucosa o purulenta nelle feci? Ti senti male e provi un malessere generale? Hai vissuto la stessa esperienza e hai manifestato questi segni nella famiglia? Ci sono malattie che sono già passate (sintomi manifestanti di emorroidi, morbo di Crohn, colite ulcerosa) e siete in trattamento in relazione a questo? Prendi attualmente farmaci?

Sondaggi (diagnosi)

Sulla base della storia dei sintomi e delle condizioni attuali, il medico inizierà con una visita medica. Tuttavia, egli esaminerà prima di tutto l'aspetto della regione anale e identificare alcuna causa visibile del vostro dolore, come emorroidi, ragadi della mucosa della regione anale, o segni di infiammazione. Attraverso un esame rettale digitale, il medico può rilevare da cambiamenti palpazione quali nodi o ferite della regione anale. Per un ulteriore esame del retto, il medico può usare un proctoscopio.

A seconda del sospetto della presenza di malattie, ulteriori esami possono essere necessari per determinare la causa del dolore durante la defecazione e per stabilire una diagnosi. Questi includono:

rettoscopia (endoscopia del retto) colonscopia strisci mucosali ano prendendo campioni di tessuto (biopsia) per l'esame istologico di analisi della morfologia cellulare parametri ematici per la funzione generale organo, dati infiammazione sistemici conferma culture patogeni

Trattamento (terapia)

Poiché i dolori sono solo un sintomo della malattia, l'obiettivo principale del trattamento è l'immagine della malattia in quanto tale, insieme alla riduzione del dolore.

Se la causa del dolore durante la defecazione è costipazione cronica (stipsi), il medico discuterà con la destra il più possibile senza l'uso del farmaco trattamento, come spesso i primi segni di miglioramento è aumentata l'attività fisica come il pasto ricco di fibra alimentare e una quantità sufficiente di liquido.

Molte malattie nella zona anale bene al trattamento con unguenti, supposte e clisteri, che contengono non solo sostanza lassativi, ma spesso componenti efficaci che riducono il dolore, irritazione e infiammazione (farmaci cortisonici, rilassanti muscolari sostanze mediche, antibiotici, così come calmare la membrana mucosa della pianta amamelide o estratto di camomilla). Le tecniche di balneazione in posizione seduta in acqua tiepida con un estratto di camomilla o olio di tea tree sono una bella aggiunta.

Se il medico ha rilevato emorroidi, il trattamento con unguenti e supposte non sarà sufficiente. In questi casi, i nodi possono essere inseriti in un ambulatorio (indurimento) serrate (legatura) o prontamente rimossi (per esempio sottomucosa legatura frizione).

I tumori maligni della regione anale e regioni inferiori dell'intestino richiedono un trattamento differenziato oncologico sotto forma di rimozione chirurgica (resezione), così come chemioterapia o radioterapia supplementare, se necessario.

Misure preventive

Il dolore durante la defecazione può essere prevenuto con diverse misure:

Guarda per uno sgabello regolare di consistenza morbida. Per questo, è possibile promuovere la digestione tramite movimento, una dieta equilibrata, piena di fibre, nonché una norma giornaliera di 2 litri di liquido. La cellulosa è un costituente del nostro cibo neperevarevaemye vegetale (cellulosa) ed è contenuta in grande quantità nel pane integrale, frutta, frutta secca e verdura, come nei semi di lino e semi della Plantago.

Promuovono una consistenza morbida delle feci, stimolano la peristalsi dell'intestino e prevengono in questo modo una sensazione di pesantezza, gonfiore e stitichezza. Evitare il consumo eccessivo di cibi vegetali crudi, che aggrava ulteriormente l'intestino. Le verdure alde dente passate o bollite contengono tutte le vitamine importanti e possono essere digerite meglio nel corpo.

Inoltre, utilizzare una carta igienica morbida senza additivi per profumi e osservare un'adeguata igiene intima. I salviettine umidificate ipoallergeniche possono favorire l'igiene anale e sono insostituibili contro il prurito delle pliche anali della pelle, in quanto i residui di feci morte possono essere rimossi.

14 dicembre 2015

Malattie dell'intestinoDiagnosiDisease della colonna vertebrale e articolazioni Tecnologia di sicurezza

Se dopo la defecazione fa male il basso addome, quale tipo di malattia può testimoniare questo sintomo? Le sensazioni del dolore non sono un sintomo specifico, cioè, solo sulla base di questi dati non è possibile diagnosticare.

Un'ulteriore difficoltà è data dal fatto che il dolore può essere dato altrove, mentre il paziente determina erroneamente la fonte del dolore. Quando defecare, sforzare lo sfintere, i muscoli del bacino piccolo e la pressa addominale. Questa pressione può causare dolore se c'è qualche malattia negli organi interni. Nell'addome inferiore ci sono i seguenti organi:

intestini; la vescica; organi del sistema riproduttivo; colonna vertebrale sacrale-lombare.

Per scoprire la causa esatta del disagio, dovresti prestare attenzione alla natura del dolore e ai sintomi che ne conseguono. A seconda di loro, è necessario contattare un medico del profilo. Se il paziente non riesce a capire esattamente cosa fa male, è necessario consultare un terapeuta.

Malattie dell'intestino

Le sensazioni spiacevoli nelle malattie dell'intestino crasso sono localizzate nell'area dell'ano, nella parte più bassa dell'addome, possono restituire. Al fine di specificare la causa del disturbo, è necessario prestare attenzione ai fattori che precedono il dolore:

se c'è una reazione a certi tipi di cibo; se c'è una nausea, un vomito, un bruciore di stomaco, un eructation; se si forma un eccessivo accumulo di gas nell'intestino; se ci sono disturbi delle feci, costipazione, diarrea; se c'è una difficoltà di defecazione; se c'è sangue o muco nelle feci; se la combustione, l'irritazione e l'irritazione si verificano nella parte distale del retto durante e dopo la defecazione; dove le sensazioni dolorose sono localizzate: nella regione perineale, a livello delle ossa pelviche.

Se il cibo grasso, salato e piccante irrita l'intestino diretto, possiamo assumere la presenza di una malattia dello stomaco, del pancreas, della cistifellea.

In questo caso, dolore e disagio si preoccuperanno non solo dopo la defecazione, ma anche immediatamente dopo aver mangiato.

Il sangue nelle feci può essere evidente e visivamente visibile, e può essere presente in una forma latente, nel qual caso le feci avranno un colore nero profondo e una consistenza viscosa. Alla difficile escrezione di feci e dolori dopo la defecazione, risultano le seguenti malattie:

emorroidi; allargamento della prostata negli uomini; tumori intestinali; stitichezza causata da disturbi nella peristalsi e nella secrezione intestinale; tumori dell'utero, portando a spremere il retto.

Per scoprire qual è il problema, è necessario consultare un proctologo.

Le misure diagnostiche aiuteranno a diagnosticare con precisione. Se il dolore è caldo, palpitante, duro, è necessario visitare urgentemente una struttura medica per l'esame. Alcune malattie intestinali possono potenzialmente portare alla morte, ad esempio, appendicite e ostruzione intestinale. Quando l'intestino si rompe, il contenuto entra nella cavità addominale e si sviluppa la peritonite. Se hai i seguenti sintomi, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza:

aumento della temperatura da 37,5 a 40 gradi; mal di testa, nausea, debolezza muscolare; disagio e forte dolore addominale; aumento dell'intensità del dolore.

Nelle donne, sintomi simili possono segnalare una gravidanza extrauterina e alcuni tipi di neoplasie uterine. Ad esempio, con un myomoid situato sulla parte esterna del corsetto muscolare dell'utero, la torsione e la morte del tumore porta alla peritonite. Con il dolore tirato, dolorante e noioso, un'istituzione medica dovrebbe essere visitata nell'ordine del turno previsto.

Il primo soccorso è una misura di emergenza, a cui si deve ricorrere in caso di pericolo di vita. Le emorroidi e la prostatite non rappresentano una minaccia diretta per il paziente, sebbene possano peggiorare significativamente lo stato di salute.

Torna ai contenuti

diagnostica

La tensione muscolare durante la defecazione schiaccia gli organi interni e, con le malattie esistenti, può verificarsi dolore. Il paziente che riceve lamentele con dolore addominale è prescritto le seguenti misure diagnostiche:

Una radiografia di rilievo degli organi addominali in tre posizioni: sdraiata su un fianco, sdraiata sulla schiena, in piedi. Questo ci permette di identificare l'ostruzione intestinale, i focolai di calcificazione nelle malattie della colecisti e dei reni, il sanguinamento interno quando la cisti o il mioma si rompono o muoiono. Un esame del sangue generale che darà informazioni sulla presenza di un processo infiammatorio. Coltura di urina, analisi per esame microscopico. Mostrerà lo stato degli organi del sistema urinario. Gli agenti patogeni rilevati sono testati per la sensibilità agli antibiotici. Ultrasuoni degli organi pelvici. Permette di identificare i tumori del retto, della prostata, dell'utero, delle ovaie, delle appendici. Striscia reattiva per gravidanza o esame del sangue per hCG per donne. Esame urologico della prostata per l'esclusione della prostatite per gli uomini. Esame del retto per escludere tumori ed emorroidi.

Con malattie dello stomaco, del pancreas e dell'intestino, è necessario contattare il gastroenterologo. Con malattie del sistema riproduttivo, le donne hanno bisogno di visitare un ginecologo e uomini - un urologo. Se si riscontrano neoplasie nell'utero, prostata, retto, viene eseguito un esame istologico per determinare il potenziale maligno del tumore.

Nelle neoplasie maligne, il paziente avrà bisogno dell'aiuto di un oncologo. Nelle donne in gravidanza, l'evacuazione dell'intestino può provocare emorragie e aborti spontanei. Allo stesso tempo, le sensazioni del dolore avranno un carattere angosciante. L'apparizione di una scarica sanguinante dal tratto genitale funge da occasione per visitare un ginecologo e durante la gravidanza a lungo termine è necessario chiamare un'ambulanza. Molte malattie infettive del sistema genito-urinario sono in grado di provocare dolore nel perineo, che viene intensificato dalla defecazione.

Inoltre, ci sono violazioni durante la minzione, bruciore e bruciore nell'uretra. Una singola occorrenza di dolore addominale dopo la defecazione può solo parlare di un'interruzione temporanea della peristalsi intestinale. L'apparizione multipla e regolare del dolore indica un processo patologico che si verifica negli organi pelvici o nella colonna lombare. Prestare attenzione a questo processo dovrebbe essere richiesto.

Torna ai contenuti

Malattie della colonna vertebrale e delle articolazioni

Il dolore nell'addome inferiore dopo la defecazione può parlare non solo di problemi con gli organi interni, ma anche di violazioni nel lavoro del sistema muscolo-scheletrico. Malattie della colonna sacro-lombare, ad esempio, la stenosi del canale spinale, possono dare dolore nel basso ventre e nella parte bassa della schiena.

La compressione delle terminazioni nervose porta a sensazioni dolorose dopo ogni tensione muscolare, anche dopo lo svuotamento dell'intestino. Il paziente deve prestare attenzione ai seguenti punti:

il dolore provoca l'evacuazione dell'intestino o qualsiasi altro stress; quanto tempo rimane il dolore dopo le feci; se c'è dolore in uno stato di riposo, a un'inclinazione, a pressione di una stampa addominale; Se il dolore è espresso solo nell'addome o diffuso nella parte bassa della schiena.

L'esame della colonna vertebrale e delle articolazioni viene effettuato dopo l'esclusione di tali patologie potenzialmente letali come ostruzione intestinale, appendicite e tumori degli organi pelvici. Le malattie della colonna vertebrale sono gestite da un osteopata e un chirurgo. Per stabilire la causa del dolore,

Raggi X; tomografia computerizzata; imaging a risonanza magnetica.

Il danno al nervo pelvico può portare non solo al dolore, ma anche a una serie di patologie nel lavoro degli organi pelvici.

Torna ai contenuti

Precauzioni di sicurezza

Fino a quando non si conoscono le cause del dolore, si dovrebbe astenersi dal lavoro fisico attivo, sollevando pesi e sovraccarico. Prima di visitare un medico, è meglio assumere alimenti semi-liquidi facili da digerire. È meglio visitare prima il terapeuta, che darà la direzione agli specialisti specializzati, se necessario. Per alleviare il dolore, puoi prendere No-shpu, Papaverin o un altro antispasmodico.